Pezzi di vita

Pezzi di vita

venerdì 24 agosto 2012

7 - Ho letto e riletto: La prima sorsata di birra e altri piccoli piaceri della vita di P. Delerm ****



La mia recensione:
E' un libro piacevolissimo, da leggere e rileggere, ogni volta che si ha il bisogno di riappropiarsi del proprio tempo. Coltivare le piccole Felicità è un ottimo esercizio per rendere la nostra quotidianità, consapevole d'essere vissuta.
Delerm raccoglie, descrivendo con dovizia di particolari, spiccioli di Felicità, monete che, a prima impatto parrebbero non contare nulla, ma che messe tutte insieme, giorno dopo giorno, fanno di un'esistenza "normale", un'esistenza serena, preziosa.
Trentaquattro brevi [ma intensi] capitoli per descrivere altrettante impressioni olfattive, ricordi d'infanzia, sapori che richiamo precisi momenti, oggetti cari.
In fondo sono questi i veri piaceri della vita: la prima sorsata di birra, leggere sulla spiaggia, il croissant per strada, raccogliere le more, il maglione autunnale, il ragù della Domenica.
La lettura è leggera, rilassante, senti la gioia crescere nel petto ogni volta che sfogli le pagine e un sorriso buffo ti si stampa in faccia perchè man mano è come se il libro leggesse te: come l'assaggio delle madeleines per Proust gli alleggerisce la vita, così farà questo libro, parola dopo parola, con te.
Petites madeleines che rendono immuni all'inesorabile trascorrere del tempo, alle vicissitudini della vita ma che invece colmano di un'essenza preziosa ed irrinunciabile.
La consapevolezza che ogni attimo dev'essere celebrato con la giusta importanza perchè è irripetibile.
Dopo questo libro, nulla sarà uguale a prima.


Autore: Philippe Delerm
Editore: Sperling & Kupfer - collana Super tascabili Sperling - 2008
Pagine: 120 pag.,
Prezzo: € 6,00
ISBN 88-7684-535-6


Un primo assaggio per voi

"È l'unica che conta. Le altre, sempre più lunghe, sempre più insignificanti, danno solo un appesantimento tiepido, un'abbondanza sprecata. L'ultima, forse, riacquista, con la delusione di finire, una parvenza di potere...
Ma la prima sorsata! Comincia ben prima di averla inghiottita. Già sulle labbra un oro spumeggiante, frescura amplificata dalla schiuma, poi lentamente sul palato beatitudine velata di amarezza. Come sembra lunga, la prima sorsata. La beviamo subito, con un'avidità falsamente istintiva. Di fatto, tutto sta scritto: la quantità, né troppa né troppo poca che è l'avvio ideale; il benessere immediato sottolineato da un sospiro, uno schioccar della lingua, o un silenzio altrettanto eloquente; la sensazione ingannevole di un piacere che sboccia all'infinito... Intanto, già lo sappiamo. Riappoggiamo il bicchiere, lo allontaniamo un po' sul sottobicchiere di materiale assorbente. Assaporiamo il colore, finto miele, sole freddo. Con tutto un rituale di circospezione e di attesa, vorremmo dominare il miracolo appena avvenuto e già svanito. Leggiamo soddisfatti sulla parete di vetro il nome esatto della birra che avevamo chiesto. Ma contenente e contenuto possono interrogarsi, rispondersi tra loro, niente si riprodurrà più. Ci piacerebbe conservare il segreto dell'oro puro e racchiuderlo in formule. Invece

, davanti al tavolino bianco chiazzato di sole, l'alchimista geloso salva solo le apparenze e beve sempre più birra con sempre meno gioia. E' un piacere amaro: si beve per dimenticare la prima sorsata".

3 commenti:

  1. Interessante... e non avrei pensato a mettere nel titolo proprio una sorsata di birra, ma in effetti dopo quella bevuta a Praga, la birra ha tutto il diritto a una parte da protagonista!

    RispondiElimina
  2. Cara Lena, mi ricordo ancora questo libro tra i tuoi regali di Natale, da lì infatti mi sono incuriosita e l'ho comprato... ma non l'avevo ancora letto. Coincidenza: proprio ieri mattina l'ho portato al mare con me e me lo sono assaporato lentamente. La tua recensione è perfetta!! Approfitto quindi per ringraziarti per avercelo segnalato già su "La magia del vento" :-) Un abbraccio

    RispondiElimina
  3. @ Palmy: il mio boyfriend ed io siamo esperti estimatori di birre! Ti consiglio vivamente questo piccolo libro

    @Silvia: siiii ricordi tutto alla perfezione!!! Grazie di cuore...visto quanto è bello!?
    Ho approfittato di queste vacanze per rileggerlo e recensirlo. Un abbraccio

    RispondiElimina

Scrivi cosa ne pensi...

I consigli di Nina Sankovitch

COME LEGGERE TUTTO IL GIORNO

Avere sempre un libro con te
Leggi mentre sei in attesa
Leggi mentre si mangia
Leggi durante l'allenamento
Leggere prima di dormire
Leggere prima di alzarsi dal letto
Leggi invece di aggiornare FB
Leggi invece di guardare la TV
Leggi invece di passare l'aspirapolvere
Leggi mentre passi l'aspirazione
Leggi con un gruppo di lettura
Leggi con il tuo bambino
Leggere con il vostro gatto
Leggi per il vostro cane
Leggere su un programma
Avere sempre un libro con te
di Nina Sankovitch

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Avvisi


Disclaimer per contenuti blog
"La Locanda dei Libri" prende ispirazione dalla Locanda Almayer del libro "OceanoMare" di Alessandro Baricco. Non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy.
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email lalocandadeilibri@libero.it. Saranno immediatamente rimossi.
L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Ringraziamo il sito www.web-link.it da cui abbiamo tratto lo sfondo.
La legge sul diritto di autore (633/1941) come modificata dal d.lgsl. 68/2003, prevede all'articolo 70 che: "Il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o di parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi se effettuati per uso di critica o di discussione, nei limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all'utilizzazione economica dell'opera; se effettuati a fini di insegnamento o di ricerca scientifica l'utilizzo deve inoltre avvenire per finalità illustrative e per fini non commerciali."