Affinità

Affinità
“Talvolta penso che il paradiso sia leggere continuamente, senza fine.” - Virginia Woolf

giovedì 30 agosto 2012

12 - Ho letto: "La ragazza delle arance" Gaarder Jostein ****



La trama
Georg Røed ha quindici anni e conduce una vita tranquilla, come la maggior parte dei suoi coetanei. Ma un giorno trova una lettera che suo padre gli aveva scritto prima di morire e che aveva poi nascosto, affinché il figlio la potesse trovare una volta grande. In questa lettera il padre, Jan Olav, racconta la storia della "ragazza delle arance", una giovane con un sacchetto di arance incontrata un giorno per caso su un tram di Oslo e subito persa. Per Jan è un colpo di fulmine. Georg si appassiona a questo racconto, che si accorge riguardarlo molto da vicino e che pian piano gli svela ciò che è accaduto prima della sua nascita; un racconto attraverso il quale la voce del padre lo raggiunge da lontano facendolo riflettere sul senso della vita.

La mia Recensione
Comincio subito col dire che dopo le prime pagine di suspense per cercare di capire chi fosse questa ragazza delle arance, il libro diventa un pò noioso, perchè molto ripetitivo e dispersivo: in molti punti va spesso "fuori tema", seppur brevemente. Ma poi c'è una svolta, da pagina 134 in poi riprende vigoria e vitalità e mi ha commosso in certe parti, in certe frasi che ho sottolineato con la penna blu.
E' un libro delicato, di facile lettura. Un romanzo che indaga, senza troppa pervasività, il grande segreto dell’esistenza, pone interrogativi sulla vita e sulla morte e non decanta certezze, ma soltanto esili speranze.

"Ma sognare qualcosa di improbabile ha un proprio nome.
Lo chiamiamo speranza"
Un romanzo fatto di meraviglia e amore per la vita e di dolore per la sua brevità, regole già prestabilite decretano l’andamento della favola strana dell’esistenza e non è in nostro potere cambiarle, possiamo solo scegliere se accettarle o rifiutarle.

Vi lascio due estratti che mi son piaciuti particolarmente, sebbene abbia sottolineato anche altre frasi degne di nota:

"In molte lingue si usa un pronome specifico quando si tratta di due, e solo due, persone. Questo pronome si chiama "duale", cioè quello che è diviso in due. Secondo me è una designazione utile, perché a volte non si è né uno né tanti. Si è "noi due", e si è "noi due" come se questo "noi" non potesse essere diviso. Si esprimono regole uguali a quelle delle favole quando improvvisamente viene introdotto tale pronome, quasi come un colpo di bacchetta magica."Adesso prepariamo la cena", "Adesso apriamo una bottiglia di vino", "Adesso andiamo a dormire". Non è quasi spudorato parlare in questo modo? Di sicuro è diverso dal dire che adesso tu devi andare a casa, perché io devo dormire.Quando usiamo il "duale" si introducono dunque delle regole completamente nuove. "Facciamo una passeggiata!". E' così semplice, Georg, sono solo tre parole, e nonostante ciò descrivono un'azione così piena di significato che tocca nel profondo la vita di due persone su questa terra"
"... da quella notte ho sempre saputo che non ci si può fidare delle stelle nel cielo. Qualsiasi cosa accada non possono salvarci da niente. Anche dalle stelle nel cielo dovremo allontanarci un giorno, anche loro dovremo lasciare. Mentre io e lui stavamo navigando insieme nell'universo capii che non c'è niente al mondo di cui fidarsi".
Autore: Gaarder Joistein
Titolo originale: Appelsinpiken
Editore: TEAdue
Prezzo: euro 8,60
Pagine: 193
Anno uscita: 2004
IBSN: 978-88-502-1457-0

1 commento:

  1. Gaarder è uno degli autori che più preferisco e ho letto tutti i suoi libri... Questo l'ho letto molto tempo fa e ricordo che mi piacque molto.
    Sono d'accordo cont e che l'inizio è sempre noioso e pesante ma è un po' la caratteristica di Gaarder...
    Se ti è piaciuto questo libro ti consiglio di leggere anche Maya. Maya è un libro che inizi a leggere e che molli li, come ho fatto io, per un po' di tempo... perchè diventa pesante e poco scorrevole... ma se superi la parte difficile poi ti stupisce.
    Ovviamente il consiglio vale anche per "Il mondo di Sofia" che è un classico e forse avrai già letto! :)

    RispondiElimina

Scrivi cosa ne pensi...

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

I consigli di Nina Sankovitch

COME LEGGERE TUTTO IL GIORNO

Avere sempre un libro con te
Leggi mentre sei in attesa
Leggi mentre si mangia
Leggi durante l'allenamento
Leggere prima di dormire
Leggere prima di alzarsi dal letto
Leggi invece di aggiornare FB
Leggi invece di guardare la TV
Leggi invece di passare l'aspirapolvere
Leggi mentre passi l'aspirazione
Leggi con un gruppo di lettura
Leggi con il tuo bambino
Leggere con il vostro gatto
Leggi per il vostro cane
Leggere su un programma
Avere sempre un libro con te
di Nina Sankovitch

Avvisi


Disclaimer per contenuti blog
"La Locanda dei Libri" prende ispirazione dalla Locanda Almayer del libro "OceanoMare" di Alessandro Baricco. Non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy.
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email lalocandadeilibri@libero.it. Saranno immediatamente rimossi.
L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Ringraziamo il sito www.web-link.it da cui abbiamo tratto lo sfondo.
La legge sul diritto di autore (633/1941) come modificata dal d.lgsl. 68/2003, prevede all'articolo 70 che: "Il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o di parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi se effettuati per uso di critica o di discussione, nei limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all'utilizzazione economica dell'opera; se effettuati a fini di insegnamento o di ricerca scientifica l'utilizzo deve inoltre avvenire per finalità illustrative e per fini non commerciali."