martedì 4 settembre 2012

16 - Ho letto: Gli ingredienti segreti dell'amore, Barreau N. **


La trama
Narra la storia della giovane cuoca Aurelie Bredin, che dopo essere rimasta orfana di entrambi i genitori prende in gestione il ristorante di famiglia, 'Le temps des Cerises' , sito nel cuore di Parigi a Saint-Germain-des-Pres. Da quando è rimasta sola il ristorante per lei è tutto, tutta la sua vita si concentra in quel piccolo  pezzo di mondo, lì c'è la sua storia e lì ci sono i suoi ricordi, la sua infanzia, i momenti vissuti insieme ai suoi genitori e proprio lì che ama rifugiarsi per cercare di allontanare il dolore causatole dalla perdita dei suoi genitori. Ed è sempre lì, circondata dal profumo di cioccolato e cannella, che Aurélie è cresciuta e ha trovato conforto nei momenti difficili. Ora però, dopo una brutta scottatura d’amore, neanche il suo inguaribile ottimismo e l’accogliente tepore della cucina dell’infanzia riescono più a consolarla. Un pomeriggio, più triste che mai, Aurélie si rifugia in una libreria, dove si imbatte in un romanzo intitolato "Il sorriso delle donne". Incuriosita, inizia a leggerlo e scopre un passaggio del libro in cui viene citato proprio il suo ristorante. Grata di quel regalo inatteso, decide di contattare l’autore per ringraziarlo. Ma l’impresa è tutt’altro che facile. Ogni tentativo di conoscere lo scrittore – un misterioso ed elusivo inglese – viene bloccato da André, l’editor della casa editrice francese che ha pubblicato il romanzo. Aurélie non si lascia scoraggiare e, quando finalmente riuscirà nel suo intento, l’incontro sarà molto diverso da ciò che si era aspettata.

La mia recensione
La trama, il titolo e la copertina sembrano promettere bene. Ma come mi ha insegnato la mia nonna paterna, non è tutto oro quello che luccica.
Se avete intenzione di spendere dei soldi per questo libro, vi consiglio di indirizzarvi altrove.
E' stato davvero una delusione, per fortuna me l'ha passato un'amica così non ho perso neppure un centesimo.
L'ho trovato un'accozzaglia di banalità e luoghi comuni sull'amore, eccessivamente smielato in alcuni punti. Mi aspettavo qualcosa di più consistente, che però non c'è stato. Sapevo che si trattava di un libro poco impegnativo, piacevolmente leggero però non immaginavo inconsistente. Stringi stringi e non ti ritrovi nulla.
E' ambientato sì a Parigi, ma questa magnifica città, fa soltanto da sfondo, non riesce a penetrare nell'essenza di Paris.
Inoltre mi è sembrato un pessimo tentativo di "copiare", o semplicemente riproporre in chiave letteraria, il film [uno dei miei preferiti] Il favoloso mondo di Amelìe [già con l'assonanza del nome della protagonista, Aurelìe] o evocare la magia di Chocolat della Harris [ma non ci riesce affatto].
E' come se mi fossi trovata, a fine libro, dinanzi ad un prodotto bell'impacchettato, poi scarti e ti accorgi che è solo fumo negli occhi.
Un'altra cosa che non mi è piaciuta, sono le frasi lasciate in francese. Non ne trovo il senso, se è un libro tradotto dal francese all'italiano. L'hanno tradotto apposta! L'ho trovata un'antipatia, l'unica cosa davvero tipicamente francese!
Per quanto riguarda poi lo stile, è scritto male. E' stancante, lento.
Un pò di potenziale c'è, devo ammetterlo, ma fa fatica ad emergere e a mostrare carattere.
Il cibo, i libri, Parigi, frasi iniziali d'effetto. Poi ...puff! Il nulla.
Niente di eccezionale, non mi sento di sconsigliarlo categoricamente, semplicemente non lo consiglierei, sceglierei altro.
Se volete comprarlo giusto per l'illusione di leggere un romanzo avvincente in quel di Parigi [cosa che non è affatto], fatelo pure.
Alla fine del libro però ci sono delle gustose ricette. Francesi.
Buon appetito! =)

Autore. Nicolas Barreau
Editore: Feltrinelli
Collana: I Narratori
Data uscita: 07/09/2011
Pagine: 240
Prezzo. 15 euro
EAN9788807018589

3 commenti:

  1. Mia mamma ha comperato questo libro che ispirava anche a me... l'ha letto e il commento è stato molto simile al tuo, con l'aggiunta "Marta non leggerlo" e così mi sono data ad altro...
    Ora sto finendo "Norwegian wood" che so che hai letto anche tu... :)
    Mi piacerebbe sapere come ti è sembrato!

    RispondiElimina
  2. ciao Marta...guarda una delusione questo libro di Barreau!
    Norwegian Wood si l'ho letto e pubblicherò la recensione a breve! Mi piacque molto!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  3. Pensa...mi piaceva così tanto la copertina. Ma negli anni ho imparato a diffidare delle copertine e dei titoli troppo accattivanti.E non l'ho comprato!
    Un bacio,Lena.
    Miss Marple

    RispondiElimina

Scrivi cosa ne pensi...

I consigli di Nina Sankovitch

COME LEGGERE TUTTO IL GIORNO

Avere sempre un libro con te
Leggi mentre sei in attesa
Leggi mentre si mangia
Leggi durante l'allenamento
Leggere prima di dormire
Leggere prima di alzarsi dal letto
Leggi invece di aggiornare FB
Leggi invece di guardare la TV
Leggi invece di passare l'aspirapolvere
Leggi mentre passi l'aspirazione
Leggi con un gruppo di lettura
Leggi con il tuo bambino
Leggere con il vostro gatto
Leggi per il vostro cane
Leggere su un programma
Avere sempre un libro con te
di Nina Sankovitch

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Avvisi


Disclaimer per contenuti blog
"La Locanda dei Libri" prende ispirazione dalla Locanda Almayer del libro "OceanoMare" di Alessandro Baricco. Non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy.
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email lalocandadeilibri@libero.it. Saranno immediatamente rimossi.
L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Ringraziamo il sito www.web-link.it da cui abbiamo tratto lo sfondo.
La legge sul diritto di autore (633/1941) come modificata dal d.lgsl. 68/2003, prevede all'articolo 70 che: "Il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o di parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi se effettuati per uso di critica o di discussione, nei limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all'utilizzazione economica dell'opera; se effettuati a fini di insegnamento o di ricerca scientifica l'utilizzo deve inoltre avvenire per finalità illustrative e per fini non commerciali."