Pezzi di vita

Pezzi di vita

venerdì 14 settembre 2012

20 - Ho [ri]letto: Chocolat di Joanne Harris *****

- Il Vento che odora di Chocolat -

Una piccola cioccolateria in un paesino sperduto nella Francia, Lansquenet-sous-Tannes, "al massimo duecento anime, non più di un puntino sulla superstrada tra Toulouse e Bordeaux. Sbatti le palpebre ed è già passato."

Un paese dove la vita scorre grigia e tranquilla, senza particolari entusiasmi. Vianne e Anouk, sua figlia, vi giungono col Vento del Carnevale, odorante di frittelle calde e zucchero a velo. Vestite di colori vivaci, si distinguono dagli abitanti del posto, seriosi ed annoiati.


Il Vento e la sua Magia, la fanno da padroni in queste pagine. Ogni volta che le sfogliamo, veniamo accarezzati da essi, sulle gote e in fondo al cuore.
Questo libro parla con la voce di Vianne, racconta la sua storia, le sue "sensazioni, le sue prelibatezze di chocolat.
La Magia del cioccolato: semi di cacao che si lavorano, si riducono in polvere preziosa e diventano tutt'altro rispetto a qualche minuto prima, donando, a chi assaggia quella cioccolata, benessere infinito. 
Un pò di cioccolato che cambia l'umore ad una giornata grigia.

Ma la Harris fa di più: introduce, in questo romanzo, la sinestesia, ossia quel fenomeno sensoriale e percettivo che conduce alla contaminazione dei sensi. Alla fusione dei sensi. Vi sarà sicuramente capitato, sentendo l'odore di un bel piatto di pastasciutta che vi avrà fatto venire alla mente, un tenero ricordo d'infanzia. La Harris, per l'appunto, ci prende per la gola, attraverso le parole.
Vianne è una zigana, le piace vivere in diversi posti, pur rimanendo sempre fedele a se stessa. Appena cambia il Vento, lei è pronta ad andare. Quel Vento lo sente nell'anima, come un forte richiamo ammaliatore a cui stare ad ascoltare. Ma decide, per una volta di fermarsi. Prende in affitto una vecchia e polverosa panetteria, e la trasforma in una deliziosa pasticceria e con il suo ottimismo e la sua tenacia da il via alla sua battaglia contro i pregiudizi del paese e l'imperante bigottismo della comunità. E così con cioccolatini, pain au chocolat, fiori di zucchero, cioccolata calda legata a khalua o corretta con un pizzico di peperoncino, Vianne accoglierà i clienti e le loro vite, ed ognuno uscirà da quel piccolo luogo magico, con quello che, interiormente, stava cercando. 

La pasticceria, la Celeste Praline [la cioccolateria Maya, nel film] di Vianne [nel film interpretata dalla bravissima e splendida Juliette Binoche] diventa il centro del cambiamento sociale, della rinascita dello spirito per molti degli abitanti del villaggio. Ma non senza trovare ostacoli in chi, più di tutti, ha un punto di vista ristretto e bigotto, il parroco del paese [nel film il personaggio è diventato il sindaco, l'integerrimo conte Reynaud , interpretato da Alfred Molina, poiché la produzione temeva il giudizio negativo della Chiesa nel vedersi rappresentata in quel modo e la scrittrice, ho letto, ne è rimasta contrariata].
Il libro, come anche il film, mettono in luce le difficoltà che persone "non conformi" ai dettami della società, come Vianne e Roux [interpretato nel film dal bellissimo e bravissimo Johnny Depp], si trovano ad affrontare nel loro arduo tentativo di integrarsi in una società ostile a tutto ciò che è "diverso". Grazie al magico dono di Vianne, quello di capire i dolori e i desideri delle persone e di guarirle con il suo conforto e il suo cioccolato, questo piccolo paesino tornerà a gioire. 

E' un libro [e un film]  indimenticabile, da leggere soprattutto durante le sere fredde, accompagnando le parole da una tazza di profumata e irresistibile cioccolata.

Dopo Chocolat, nulla sarà uguale a prima.

Il film è stato diretto da Lasse Hallström - 2000

4 commenti:

  1. Ciao cara Lena, sai che questo libro devo ancora leggerlo e credo che mi rapirà... me lo sto tenendo per quest'inverno, o forse il prossimo, chissà... ma certamente lo leggerò d'inverno. Il film mi è strapiaciuto, il libro penso sarà uguale! Grazie per la tua bella recensione :-) Buon fine settimana di settembre!

    RispondiElimina
  2. letto anni fa...bellissimo!!!

    RispondiElimina
  3. Ciao Lena,
    è uno di quei libri che son lì ad espettarmi. Seguirò il tuo consiglio e aspetterò che gli alberi si spoglino e si alzi il vento...
    Miss Marple

    RispondiElimina
  4. Lo rileggo per la terza volta e non mi stanca mai...stessa cosa il film, l'ho visto esattamente 5 volte...favoloso!

    Grazie mille per i vostri commenti vi auguro una dolce Domenica al profumo di ...Chocolat ;-)

    RispondiElimina

Scrivi cosa ne pensi...

I consigli di Nina Sankovitch

COME LEGGERE TUTTO IL GIORNO

Avere sempre un libro con te
Leggi mentre sei in attesa
Leggi mentre si mangia
Leggi durante l'allenamento
Leggere prima di dormire
Leggere prima di alzarsi dal letto
Leggi invece di aggiornare FB
Leggi invece di guardare la TV
Leggi invece di passare l'aspirapolvere
Leggi mentre passi l'aspirazione
Leggi con un gruppo di lettura
Leggi con il tuo bambino
Leggere con il vostro gatto
Leggi per il vostro cane
Leggere su un programma
Avere sempre un libro con te
di Nina Sankovitch

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Avvisi


Disclaimer per contenuti blog
"La Locanda dei Libri" prende ispirazione dalla Locanda Almayer del libro "OceanoMare" di Alessandro Baricco. Non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy.
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email lalocandadeilibri@libero.it. Saranno immediatamente rimossi.
L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Ringraziamo il sito www.web-link.it da cui abbiamo tratto lo sfondo.
La legge sul diritto di autore (633/1941) come modificata dal d.lgsl. 68/2003, prevede all'articolo 70 che: "Il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o di parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi se effettuati per uso di critica o di discussione, nei limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all'utilizzazione economica dell'opera; se effettuati a fini di insegnamento o di ricerca scientifica l'utilizzo deve inoltre avvenire per finalità illustrative e per fini non commerciali."