martedì 9 ottobre 2012

28 - Solo andata - Righe che vanno troppo spesso a capo di Erri De Luca ****


"Il cielo è dritto, un cammino segnato,
più breve della terra saliscendi."



Un libro che è...poesie. Righe che vanno spesso a capo e che racconto.
E' un romanzo molto breve, anche se però ho fatto un pò di difficoltà a seguire la storia, rileggendo spesso qualche riga per non perderne il senso. Un romanzo quindi letto, dove ogni parola ha la sua forza evocativa, piena ed intensa.
Di deserto, di mare e marinai, di tempeste, di migrazione, di terre lasciate e di terre conquistate, di notti e stelle appese.
Giorni in cui “l’umanità sarà poca, meticcia, zingara e andrà a piedi. Avrà per bottino la vita, la più grande ricchezza da trasmettere ai figli”.
Un romanzo in versi, molto originale come solo questo genio [per me] di scrittore riesce a fare. Un poema tragico, forte, potente che arriva all'anima come un sussulto.
Passionalità verace.
La prima parte è un’odissea di migranti africani verso l’Europa, attraverso deserti e rive della Libia, poi sulle "carrette del mare" verso l’isola di Lampedusa, a sud della Sicilia. Questa poesia è impastata d’erranza, di sradicamento, di disperazione, di sfruttamento, di minacce e di morte.Ma anche di speranza.
"Faremo i servi, i figli che non fate, nostre vite saranno i vostri libri d’avventura.” 
Ho apprezzato tantissime righe, e più di tutto la variante di una delle mie canzoni napoletane classiche preferite.


Variante di canzone
"Io te vurria vasa'", sospira la canzone
ma prima e più di questo io ti vorrei bastare,
io te vurria abbasta',
come la gola al canto come il coltello al pane
come la fede al santo io ti vorrei bastare.
E nessun altro abbraccio potessi tu cercare
in nessun altro odore addormentare,
io ti vorrei bastare,
io te vurria abbasta'.
"Io te vurria vasa"', insiste la canzone
ma un po' meno di questo io ti vorrei mancare
io te vurria manca',
più del fiato in salita
più di neve a Natale
di benda su ferita
più di farina e sale.
E nessun altro abbraccio potessi tu cercare
in nessun altro odore addormentare,
io ti vorrei mancare
io te vurria manca'.


Perchè il napoletano è visceralità carnale, passione. E questo romanzo è fatto per chi ricerca una storia forte in salsa poetica, realtà tradotta in versi.


Sei voci 

Non fu il mare a raccoglierci 
Noi raccogliemmo il mare a braccia aperte. 

Calati da altopiani incendiati da guerre e non dal sole, 
traversammo i deserti del Tropico del Cancro. 

Quando fu in vista il mare da un’altura 
Era linea d’arrivo, abbraccio di onde ai piedi. 

Era finita l’Africa suola di formiche, 
le carovane imparano da loro a calpestare. 

Sotto sferza di polvere in colonna 
Solo il primo ha l’obbligo di sollevare gli occhi. 

Gli altri seguono il tallone che precede, 
il viaggio a piedi è una pista di schiene. 


Libro imperdibile. Buona Lettura!

Nessun commento:

Posta un commento

Scrivi cosa ne pensi...

I consigli di Nina Sankovitch

COME LEGGERE TUTTO IL GIORNO

Avere sempre un libro con te
Leggi mentre sei in attesa
Leggi mentre si mangia
Leggi durante l'allenamento
Leggere prima di dormire
Leggere prima di alzarsi dal letto
Leggi invece di aggiornare FB
Leggi invece di guardare la TV
Leggi invece di passare l'aspirapolvere
Leggi mentre passi l'aspirazione
Leggi con un gruppo di lettura
Leggi con il tuo bambino
Leggere con il vostro gatto
Leggi per il vostro cane
Leggere su un programma
Avere sempre un libro con te
di Nina Sankovitch

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Avvisi


Disclaimer per contenuti blog
"La Locanda dei Libri" prende ispirazione dalla Locanda Almayer del libro "OceanoMare" di Alessandro Baricco. Non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy.
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email lalocandadeilibri@libero.it. Saranno immediatamente rimossi.
L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Ringraziamo il sito www.web-link.it da cui abbiamo tratto lo sfondo.
La legge sul diritto di autore (633/1941) come modificata dal d.lgsl. 68/2003, prevede all'articolo 70 che: "Il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o di parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi se effettuati per uso di critica o di discussione, nei limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all'utilizzazione economica dell'opera; se effettuati a fini di insegnamento o di ricerca scientifica l'utilizzo deve inoltre avvenire per finalità illustrative e per fini non commerciali."