sabato 13 ottobre 2012

30 - Il conto delle minne di Giuseppina Torregrossa ****

Ogni anno nonna Agata vuole accanto a sé la nipote Agatina per insegnarle i segreti dei dolci in onore della Santa di cui entrambe portano il nome. Mentre impastano le cassatelle a forma di seno, le "minne", la nonna racconta il martirio della Santuzza, cui il crudele console Quinziano, non sopportando di sentirsi respinto, fece tagliare le mammelle. La drammatica vicenda rivela una delle regole del mondo maschile: "... devi sapere che gli uomini, se non ci provi piacere quando ti toccano, si sentono mezzi masculi, ma guai a te se ci provi piacere, perché allora ti collocano tra le buttane". Parte da qui il "cuntu", il racconto, della storia di una famiglia siciliana e delle sue donne straordinarie. Per ciascuna di loro, fino alla piccola Agatina che dovrà diventare grande, le minne hanno un significato speciale: grandi o minuscole, aride o feconde, amate senza pudore o trascurate da uomini disattenti, sane o malate, diventano la chiave per svelare i più intimi segreti della femminilità e dell'orgoglio di generazioni di donne e di una in particolare, forse la più coraggiosa.



"il conto delle minne" di Giuseppina Torregrosa è un romanzo per tutti ma dedicato, secondo la mia percezione, alle donne, alla loro forza e alle relazioni che essere sanno tessere tra di loro, soprattutto quando c'è un forte legame, d'affetto e di sangue.
Trovo che l'autrice scriva in maniera deliziosa e intensa, è molto attenta ai particolari e alle emozioni dei personaggi.
Scopro, facendo delle ricerche, com'è mia abitudine, che, oltre ad essere una bravissima scrittrice, è una ginecologa, che si è dedicata anche alla prevenzione dei tumori al seno, quindi la scelta del tema "minne", non dev'essere stata casuale. Questo per strappare un sorriso e invitare tutte le donne, compresa me stessa, a non avere paura degli esami medici e a fare prevenzione.

Come una ricetta culinaria, la scrittrice, amalgama in queste pagine, tutti gli ingredienti, mescolandoli per bene, per narrare la storia di una famiglia e, soprattutto di due donne forti. Decora con il dialetto siciliano certe espressioni, intinge nella visceralità mediterranea i dialoghi e le narrazioni. E a me questo piace molto, così come mi piace la Sicilia, e in queste righe, la si respira.
"Prima o poi te ne accorgerai anche tu che qui in Sicilia, isola di cruzzuni, i desideri delle donne non contano niente, mentre quello che vogliono gli uomini diventa destino" [frase su cui riflettere]

Un libro crudo, soprattutto nella seconda parte, ma che mi è piaciuto perchè evidenzia quella forza atavica insita nelle donne, in certe Donne, che fanno delle loro tradizioni, dei loro problemi e sacrifici, la chiave di volta per rinascere.

"Sono capace di scegliere, di affrontare i problemi, di trovare soluzioni. Ma non si tratta di superpotere esclusivamente mio, è piuttosto una speciale resistenza di cui sono dotate le donne, anche se qualche volta non ne sono consapevoli. Sono loro che possiedono il segreto della vita, che tessono pazientemente giorno dopo giorno la storia delle loro famiglie e poi la raccontano agli altri perché ne facciano tesoro".
E' stato un pò deludente, in alcune parti della seconda parte, perchè mi è sembrato che la protagonista, accecata dalla passione per Sabbatino Abbasta, abbia dimenticato i sacrifici e le sofferenze delle donne della sua famiglia.

Tra le citazioni che mi son piaciute di più, riporto anche questa:
"La nostalgia è un dolore fisico cui mi abbandono con un sottile piacere. I ricordi sono un mare agitato nel quale per qualche giorno mi piace nuotare."


Un libro sicuramente da leggere

Post Scriptum: Nel leggere questo libro, non ho potuto fare a meno di pensare a mia nonna paterna, noi che abbiamo, per tradizione del Sud, lo stesso nome. C'erano delle coincidenze...  le stesse frasi che pronuncia anche la mia nonna, L. "... la meglio parola è quella che non si dice"
Giusto per fare un esempio, [per non parlare di quando la nonna mi voleva accanto a sè, quando faceva il pane e le pizze, nel forno a legna e si faceva colazione con un bicchiere di vino e una fetta di vera pizza napoletana, fumante... momenti magici e indelebili, che il libro mi ha riportato, per un attimo, alla mente]
Se si volessero leggere libri su questo stesso tema, cioè il rapporto nonne-nipoti, attraverso il quale si imbastisce il ricamo che porta al disegno completo di una famiglia,  e nel quale riflettere sulla propria, consiglio anche L'ora del tè di Cristina Michelotti [recensione qui], e il più famoso, Và dove ti porta il cuore di Susanna Tamaro, straordinario.


Buona Lettura!
Avete letto questo libro e/o gli altri titoli citati? 
Fatemi sapere, sono curiosa!

1 commento:

  1. adoro la Torregrossa! ho letto tutti i suoi libri, secondo me è bravissima!

    RispondiElimina

Scrivi cosa ne pensi...

I consigli di Nina Sankovitch

COME LEGGERE TUTTO IL GIORNO

Avere sempre un libro con te
Leggi mentre sei in attesa
Leggi mentre si mangia
Leggi durante l'allenamento
Leggere prima di dormire
Leggere prima di alzarsi dal letto
Leggi invece di aggiornare FB
Leggi invece di guardare la TV
Leggi invece di passare l'aspirapolvere
Leggi mentre passi l'aspirazione
Leggi con un gruppo di lettura
Leggi con il tuo bambino
Leggere con il vostro gatto
Leggi per il vostro cane
Leggere su un programma
Avere sempre un libro con te
di Nina Sankovitch

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Avvisi


Disclaimer per contenuti blog
"La Locanda dei Libri" prende ispirazione dalla Locanda Almayer del libro "OceanoMare" di Alessandro Baricco. Non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy.
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email lalocandadeilibri@libero.it. Saranno immediatamente rimossi.
L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Ringraziamo il sito www.web-link.it da cui abbiamo tratto lo sfondo.
La legge sul diritto di autore (633/1941) come modificata dal d.lgsl. 68/2003, prevede all'articolo 70 che: "Il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o di parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi se effettuati per uso di critica o di discussione, nei limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all'utilizzazione economica dell'opera; se effettuati a fini di insegnamento o di ricerca scientifica l'utilizzo deve inoltre avvenire per finalità illustrative e per fini non commerciali."