Pezzi di vita

Pezzi di vita

giovedì 4 ottobre 2012

Wish List & Visti in Libreria: Il Caffè delle Donne di Widad Tamimi



Il caffè è un punto fermo nella vita di Qamar: espresso e vigoroso come lo beve la madre, ingentilito da un goccio di latte, come piace al marito, oppure fatto bollire tre volte, amaro e profumato di cardamomo, come ha imparato a berlo in Giordania. Qamar fin da piccola è in equilibrio tra due mondi: gli inverni, la vita quotidiana a Milano e le estati trascorse ad Amman, in Giordania, ospite della famiglia musulmana del padre. Lunghe giornate passate a giocare per strada in mezzo a torme di bambini scatenati, finché compie tredici anni, diventando ufficialmente donna. Sottratta a ogni contatto promiscuo, Qamar inizia a confrontarsi dolorosamente con le differenze profonde tra le due culture di cui è figlia. Eppure, nelle bianche mattine insieme alle donne di famiglia, viene anche introdotta al fascino assoluto dell'antico rituale del caffè: nonna, zie, sorelle, cognate riunite nel salotto chiacchierano, sorseggiano la bevanda bollente e si preparano a conoscere il proprio destino. Ma solo una, ogni giorno, è la prescelta per l'interpretazione dei fondi da parte di Khalto Sherin, che sa leggere nel sedimento i segreti del cuore e del futuro. Anni dopo, di fronte al dolore di una maternità mancata, Qamar sentirà la necessità di recuperare le proprie radici e ripensare alle parole ascoltate il giorno lontano in cui lesse la propria vita nel fondo di caffè.

E' un libro che parla dei due contrapposti mondi: oriente ed Occidente.
E di chi appartiene ad entrambi.
Basato su una storia vera.

Uno stralcio dell'intervista all'autrice Widad Tamini

Lei, come Qamar, appartiene alla seconda generazione nata da genitori stranieri , come si vive con una doppia identità?
«La mia identità è multipla e nasce dall'incontro di due culture che si assomigliano e sono in guerra da anni. Essere ebrea e palestinese è una ricchezza che mi permette di conosce dall'interno culture che da fuori sembrano assurde».


Credo sia un libro davvero interessante.

Lo state leggendo? Come lo trovate?

Nessun commento:

Posta un commento

Scrivi cosa ne pensi...

I consigli di Nina Sankovitch

COME LEGGERE TUTTO IL GIORNO

Avere sempre un libro con te
Leggi mentre sei in attesa
Leggi mentre si mangia
Leggi durante l'allenamento
Leggere prima di dormire
Leggere prima di alzarsi dal letto
Leggi invece di aggiornare FB
Leggi invece di guardare la TV
Leggi invece di passare l'aspirapolvere
Leggi mentre passi l'aspirazione
Leggi con un gruppo di lettura
Leggi con il tuo bambino
Leggere con il vostro gatto
Leggi per il vostro cane
Leggere su un programma
Avere sempre un libro con te
di Nina Sankovitch

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Avvisi


Disclaimer per contenuti blog
"La Locanda dei Libri" prende ispirazione dalla Locanda Almayer del libro "OceanoMare" di Alessandro Baricco. Non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy.
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email lalocandadeilibri@libero.it. Saranno immediatamente rimossi.
L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Ringraziamo il sito www.web-link.it da cui abbiamo tratto lo sfondo.
La legge sul diritto di autore (633/1941) come modificata dal d.lgsl. 68/2003, prevede all'articolo 70 che: "Il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o di parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi se effettuati per uso di critica o di discussione, nei limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all'utilizzazione economica dell'opera; se effettuati a fini di insegnamento o di ricerca scientifica l'utilizzo deve inoltre avvenire per finalità illustrative e per fini non commerciali."