Affinità

Affinità
“Talvolta penso che il paradiso sia leggere continuamente, senza fine.” - Virginia Woolf

lunedì 8 ottobre 2012

26 - Ho letto: Il castello dei destini incrociati, Calvino Italo ***



La mia recensione
L’ho trovato molto originale ma un po’ lento nella seconda parte che ho letto a fatica, perché si ripetono le a causa della ricorrenza delle carte ma Calvino è molto attendo ai dettagli. E’un libro che consiglierei. Un libro che parla per immagini.
Il racconto iniziale è quello di un viandante che attraversa una foresta e giunge in un castello [la vicenda si svolge in due luoghi il Castello appunto e la Taverna] dove gli ospiti, i vari commensali, scoprono presto di non essere più in grado di parlare, per magia o per incantesimo, ma ognuno racconta cosa li ha portati in quel luogo, com’è che si trovano lì, cosa o chi ha causato la loro rovina o la loro felicità.
Una storia per ciascuno e per comunicare tra loro, usano i tarocchi disponendoli sul tavolo, sia ognuno i propri, sia utilizzando quelli degli altri: in questo modo le storie s'incrociano, si combinano in un gioco che coinvolge tutti; l'incapacità di conversare è così risolta dalle carte.
Sono storie dall’intreccio molto vario, per lo più drammatiche, vissute da personaggi che di volta in volta assumono la fisionomia dei Tarocchi stessi: l’alchimista che vende tutte le anime di una città al diavolo in cambio dell’elisir di lunga vita; il ladro di sepolcri che giunge in cielo un attimo prima dell’apocalisse; la gigantessa che seduce il principe appena sposato e viene esiliata, ecc.
Carta dopo carta, la storia prende forma ed ecco che la vita di ogni commensale commuove i presenti o li rallegra, a seconda della figura scelta per "scrivere" la propria storia. I tarocchi hanno un significato molto particolare, oltre al valore numerico (lo zero rappresenta il caos, il 21 il mondo o l’ordine) le carte che hanno un significato simbolico: le spade indicano i duelli, le coppe le feste, gli ori i soldi ed i bastoni le foreste.

1 commento:

  1. slurp, ma in quella tazza c'è cioccolata calda?!

    RispondiElimina

Scrivi cosa ne pensi...

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

I consigli di Nina Sankovitch

COME LEGGERE TUTTO IL GIORNO

Avere sempre un libro con te
Leggi mentre sei in attesa
Leggi mentre si mangia
Leggi durante l'allenamento
Leggere prima di dormire
Leggere prima di alzarsi dal letto
Leggi invece di aggiornare FB
Leggi invece di guardare la TV
Leggi invece di passare l'aspirapolvere
Leggi mentre passi l'aspirazione
Leggi con un gruppo di lettura
Leggi con il tuo bambino
Leggere con il vostro gatto
Leggi per il vostro cane
Leggere su un programma
Avere sempre un libro con te
di Nina Sankovitch

Avvisi


Disclaimer per contenuti blog
"La Locanda dei Libri" prende ispirazione dalla Locanda Almayer del libro "OceanoMare" di Alessandro Baricco. Non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy.
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email lalocandadeilibri@libero.it. Saranno immediatamente rimossi.
L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Ringraziamo il sito www.web-link.it da cui abbiamo tratto lo sfondo.
La legge sul diritto di autore (633/1941) come modificata dal d.lgsl. 68/2003, prevede all'articolo 70 che: "Il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o di parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi se effettuati per uso di critica o di discussione, nei limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all'utilizzazione economica dell'opera; se effettuati a fini di insegnamento o di ricerca scientifica l'utilizzo deve inoltre avvenire per finalità illustrative e per fini non commerciali."