Affinità

Affinità
“Talvolta penso che il paradiso sia leggere continuamente, senza fine.” - Virginia Woolf

mercoledì 27 febbraio 2013

# 55: Recensione: "Il regno dei gufi" di Martin Hocke ****




Titolo: Il regno dei gufi
Autore: Martin Hocke
Editore: Piemme Pocket
Pagine: 480
ISBN: 9788838463297


Sinossi
Non molto distanti dalle nostre città inquinate, vivono i gufi, organizzati in società. Quando ai gufi dei territori di campagna giunge notizia che un gigantesco Gufo Reale sta avanzando verso il sud, il giovane Hunter si trova a giocare un ruolo cruciale nella lotta per difendere la comunità. Dal suo territorio ai bordi di un'enorme foresta abbandonata, dovrà convincere i Gufi dei Granai, i Gufi Piccoli e i Gufi delle Foreste a stringere un'alleanza per fronteggiare l'invasione del mostro. Ma un pericolo ben più grave incombe sulle loro terre, una minaccia in grado di annientare la sopravvivenza stessa della specie.
Il canto di speranza e di dolore dei gufi si perde nella notte. Per chi non li ha mai ascoltati, questa è la loro storia. L'avvincente saga di Martin Hocke è una magica unione di fiaba e leggenda, di avventura e idillio, pervasa da un profondo amore per la natura.

Recensione

"Il regno dei gufi" è, in realtà, il primo di una trilogia, è, in particolare, una ristampa avvenuta di recente.

Gli altri due libri, infatti, non sono più in commercio e bisogna cercarli usati. Se c'è qualcuno che può darci notizie più certe e complete ve ne saremo grati.
Precisamente i tre libri, che si possono anche leggere separatamente, sono:

1) L'Antico Regno del Silenzio [il ristampato "Il regno dei gufi"]
2) Il Regno Perduto
3) Alla Conquista della Terra




Il protagonista di questo primo romanzo è Hunter, un Gufo dei Granai. All'inizio del libro, lo vedremo alle prese con la Dottrina, gli insegnamenti fondamentali, Teorici e Pratici, che vengono impartiti ad ogni pulcino.
L'istruzione primaria termina con l'allontanamento da casa, cosa che avviene anche per Hunter, che va incontro al mondo, con qualche difficoltà, naturalmente.
I veri problemi arrivano però quando un Gufo Mostro, mito che si credeva estinto, viene avvistato in prossimità della zona in cui vive.
Toccherà proprio ad Hunter, raccogliere intorno a sé Gufi dei Granai, Gufi delle Foreste e i Piccoli Immigranti, per riuscire a fermare questo flagello...ma gli intoppi non sono solo questi...

L'ho percepito come una bella favola [anche ambientalista] che attraverso il mondo degli animali, nello specifico i gufi, cerca di mettere in luce tematiche diverse, un pò come accade con "La fattoria degli animali" di George Orwell, parla della società dei gufi, è incentrato sulla guerra  tra le tre diverse specie principali, ossia barbagianni, allocchi e civette, sulla lotta disperata e feroce che ciascuna delle parti intraprende per conquistarsi un posto nel mondo.
Il  mondo dei gufi è meraviglioso e spietato, luogo dove le gioie della famiglia sono minacciate da gelate invernali, dove la passione per il canto e la poesia è intralciata dalla ricerca affannosa del cibo, dove - come tra gli uomini - la saggezza degli anziani si scontra con la ribellione dei più giovani. Intorno alle loro vicende, ai loro amori e alle loro guerre, trionfa la Natura, che nutre e uccide, che protegge e punisce. [Citando la descrizione]
Ci sono elementi antropomorfici evidenti, infatti non mi è sembrato di leggere di vicende inerenti i gufi ma gli umani! E' una metafora continuata sull'esistenza umana,  metafora per il riferimento immediato e allegoria per lo sviluppo narrativo, sulla convivenza tra persone diverse perchè di culture diverse e che, pur tuttavia, abitano lo stesso spazio, sul razzismo, la tolleranza, la comprensione.

Nella trilogia si narrano gli stessi avvenimenti visti però da tre prospettive diverse, che sono curiosa di approfondire e che consiglio di far leggere anche ai ragazzi.
E' stato davvero un bellissimo libro, mi è sembrato di vivere, per tutto il tempo della lettura, in un mondo incantato, ora non mi resta che continuare su questa scia "animalesca" con "La collina dei conigli" di Richard Adams.

Buona lettura!


Con questo libro partecipo a LeggiAmo
SEZIONE ISTINTO 4/10

1 commento:

  1. Mi hai incuriosita! Se lo trovo lo prendo di sicuro!
    Baci
    Giovanna

    RispondiElimina

Scrivi cosa ne pensi...

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

I consigli di Nina Sankovitch

COME LEGGERE TUTTO IL GIORNO

Avere sempre un libro con te
Leggi mentre sei in attesa
Leggi mentre si mangia
Leggi durante l'allenamento
Leggere prima di dormire
Leggere prima di alzarsi dal letto
Leggi invece di aggiornare FB
Leggi invece di guardare la TV
Leggi invece di passare l'aspirapolvere
Leggi mentre passi l'aspirazione
Leggi con un gruppo di lettura
Leggi con il tuo bambino
Leggere con il vostro gatto
Leggi per il vostro cane
Leggere su un programma
Avere sempre un libro con te
di Nina Sankovitch

Avvisi


Disclaimer per contenuti blog
"La Locanda dei Libri" prende ispirazione dalla Locanda Almayer del libro "OceanoMare" di Alessandro Baricco. Non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy.
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email lalocandadeilibri@libero.it. Saranno immediatamente rimossi.
L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Ringraziamo il sito www.web-link.it da cui abbiamo tratto lo sfondo.
La legge sul diritto di autore (633/1941) come modificata dal d.lgsl. 68/2003, prevede all'articolo 70 che: "Il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o di parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi se effettuati per uso di critica o di discussione, nei limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all'utilizzazione economica dell'opera; se effettuati a fini di insegnamento o di ricerca scientifica l'utilizzo deve inoltre avvenire per finalità illustrative e per fini non commerciali."