domenica 3 novembre 2013

Anteprima: Recensione di "Fiore...come me" di Giuliana Covella

"Fiore..come me" è un libro che racconta dieci storie di dieci donne, dieci vite spezzate dalla violenza, scritto dalla giornalista Giuliana Covella, edito da Spazio Creativo e promosso dalla Fondazione Polis della Regione Campania.
Il libro sarà presentato alla «Feltrinelli» di Pomigliano d’Arco alle 18 Lunedì 4 novembre. (Qui il link dell'evento su FB).


Alla presentazione, moderata dalla giornalista del Mattino Daniela Spadaro, interverranno l’autrice, Giuliana Covella, l’onorevole Valeria Valente (presidente del Comitato Pari opportunità della Camera dei deputati), la presidente della commissione regionale Pari Opportunità, Francesca Beneduce, l’avvocato civilista Alessia Schisano, il responsabile del centro anti violenza del San Paolo, Mario Guarino, Raffaele Esposito (giunta comunale di Pomigliano d’Arco) e la giornalista Barbara Tafuri.
L’attrice Rosaria De Cicco leggerà alcuni passi del libro che ci presentano le storie di Emiliana Femiano, Enza Cappuccio, Fiorinda Di Marino, Matilde Sorrentino, Nunzia Castellano, Palma Scamardella, Gelsomina Verde, Mena Morlando, Giuseppina Di Fraia, Teresa Buonocore, come se fossero loro stesse a raccontarle. Dieci donne che hanno dato la loro vita perchè hanno sentito forte il richiamo della legalità e della giustizia.


E' un libro dal sapore deciso, ogni pagina la si sente dentro come un pugno allo stomaco, che impatta con forza e, nel ritrarsi, ti lascia un vuoto incolmabile di impotenza.
La forza evocativa di queste pagine, però, fa nascere nell'animo, un grande moto di reazione e solidarietà che spinge a fare qualcosa per fermare tutta la violenza che s'abbatte sulle donne, come nei casi di femminicidio, ed anche per reagire al clima illegale e malavitoso della camorra.
Giuliana Covella, ha saputo dar voce a queste dieci "donne simbolo" soffermandosi in particolar modo sul versante emozionale del racconto, permettendoci così di penetrare nel cuore di ogni vicenda. Alla fine di storia, viene riportata la cronaca del fatto criminoso e degli sviluppi giudiziari.
Un libro che tutti devono leggere per dire "No, alla violenza sulle Donne"!


Nessun commento:

Posta un commento

Scrivi cosa ne pensi...

I consigli di Nina Sankovitch

COME LEGGERE TUTTO IL GIORNO

Avere sempre un libro con te
Leggi mentre sei in attesa
Leggi mentre si mangia
Leggi durante l'allenamento
Leggere prima di dormire
Leggere prima di alzarsi dal letto
Leggi invece di aggiornare FB
Leggi invece di guardare la TV
Leggi invece di passare l'aspirapolvere
Leggi mentre passi l'aspirazione
Leggi con un gruppo di lettura
Leggi con il tuo bambino
Leggere con il vostro gatto
Leggi per il vostro cane
Leggere su un programma
Avere sempre un libro con te
di Nina Sankovitch

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Avvisi


Disclaimer per contenuti blog
"La Locanda dei Libri" prende ispirazione dalla Locanda Almayer del libro "OceanoMare" di Alessandro Baricco. Non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy.
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email lalocandadeilibri@libero.it. Saranno immediatamente rimossi.
L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Ringraziamo il sito www.web-link.it da cui abbiamo tratto lo sfondo.
La legge sul diritto di autore (633/1941) come modificata dal d.lgsl. 68/2003, prevede all'articolo 70 che: "Il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o di parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi se effettuati per uso di critica o di discussione, nei limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all'utilizzazione economica dell'opera; se effettuati a fini di insegnamento o di ricerca scientifica l'utilizzo deve inoltre avvenire per finalità illustrative e per fini non commerciali."