Pezzi di vita

Pezzi di vita

sabato 14 dicembre 2013

«La strada verso casa», il nuovo romanzo di Fabio Volo

 
immagine da qui
Volo era atteso il 28 Novembre alla Feltrinelli di Pomigliano d’Arco ma, a causa della paternità anticipata, non ha potuto mantenere l’impegno con i suoi fan.
«Sono diventato papà. Che meraviglia! Grazie a Dio assomiglia alla mamma. A me sembra il più bello di tutti». L'annuncio di Fabio Volo arriva su Twitter. Lo scrittore e conduttore televisivo dà così il benvenuto al suo primogenito, nato con un mese di anticipo, avuto dalla compagna Johanna, la giovane islandese di 29 anni conosciuta a New York .
L’autore stamattina ha incontrato il pubblico alla Feltrinelli di Pomigliano d’Arco e ha firmato le copie del suo ultimo libro «La strada verso casa»,  un romanzo che racconta la storia di due fratelli che gli eventi costringono ad avvicinarsi, a capirsi di nuovo. E di un inconfessabile segreto di famiglia che li segue come un fantasma. Racconta una grande e tormentata storia d'amore che attraversa gli anni, e  il dolore che piega in due e la felicità che fa cantare inventandosi le parole.
«La strada verso casa» è quel sentiero interiore che ti porta dove hai sempre sognato di arrivare.

I libri di Volo sono libri che descrivono la quotidianità, le vicissitudini della vita, i sentimenti, certe fasi dell’esistenza, sono scritti in maniera molto semplice e pulita, ma non per questo devono essere guardati con assoluto ribrezzo.
Alcune persone storcono il naso quando nelle stessa frase leggono o sentono “libro … Volo … scrittore”, perché non lo ritengono uno scrittore di quelli con la S maiuscola.
Penso che Volo, certamente, non sia alta letteratura, né abbia alcuna competenza per essere invitato al Festival della Filosofia, accertato questo, io ammiro quelle persone che riescono ad arrivare alle stelle, con la forza della determinazione e un briciolo di fortuna. Quindi, se un panettiere con la terza media realizza il sogno di diventare uno scrittore e di vendere tanti libri, cambiando drasticamente la sua vita, come ha fatto Fabio Bonetti, in arte Fabio Volo, ben venga. Poi se lo fa bene o lo fa male, è un’altra questione. Tutti hanno diritto alle proprie occasioni.
Ho letto alcuni libri di Volo proprio per capire il motivo di così tanto successo, perché è un autore che vende moltissimo, e ho notato un’evoluzione che ha portato ad una maturità di pensiero nelle sue storie. Questa fluidità, questa leggerezza, queste semplici riflessioni, che ognuno ha fatto almeno una volta nella vita, rendono i suoi libri godibili, forse un po’ troppo scontati, banali per certi versi, qualunquisti, ma comunque leggeri e piacevoli, c’è chi preferisce impiegare il proprio tempo con altre letture, e da un lato non posso che essere d’accordo, ma di certo ci sono altri scrittori che non dovrebbero fare questo mestiere. Per la serie non c’è mai limite al peggio.
E Volo non è sicuramente in cima alla lista dei peggiori.

Noi c'eravamo ad accoglierlo. E' una persona umile, disponibile e simpaticissima.




1 commento:

  1. Come hai detto tu i suoi libri si leggono facilmente e scorrevolmente e non ti devi impegnare tanto per capire cosa sta trasmettendo, ho imparato a conoscerlo attraverso una mia amica che lo adora, non solo come scrittore ma anche come persona (lo conosce personalmente) e ogni volta ne parla molto bene. comunque anch'io lo leggo volentieri.... ciao

    RispondiElimina

Scrivi cosa ne pensi...

I consigli di Nina Sankovitch

COME LEGGERE TUTTO IL GIORNO

Avere sempre un libro con te
Leggi mentre sei in attesa
Leggi mentre si mangia
Leggi durante l'allenamento
Leggere prima di dormire
Leggere prima di alzarsi dal letto
Leggi invece di aggiornare FB
Leggi invece di guardare la TV
Leggi invece di passare l'aspirapolvere
Leggi mentre passi l'aspirazione
Leggi con un gruppo di lettura
Leggi con il tuo bambino
Leggere con il vostro gatto
Leggi per il vostro cane
Leggere su un programma
Avere sempre un libro con te
di Nina Sankovitch

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Avvisi


Disclaimer per contenuti blog
"La Locanda dei Libri" prende ispirazione dalla Locanda Almayer del libro "OceanoMare" di Alessandro Baricco. Non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy.
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email lalocandadeilibri@libero.it. Saranno immediatamente rimossi.
L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Ringraziamo il sito www.web-link.it da cui abbiamo tratto lo sfondo.
La legge sul diritto di autore (633/1941) come modificata dal d.lgsl. 68/2003, prevede all'articolo 70 che: "Il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o di parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi se effettuati per uso di critica o di discussione, nei limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all'utilizzazione economica dell'opera; se effettuati a fini di insegnamento o di ricerca scientifica l'utilizzo deve inoltre avvenire per finalità illustrative e per fini non commerciali."