Pezzi di vita

Pezzi di vita

giovedì 30 gennaio 2014

#83 Recensione: "Ragazze mancine" di Stefania Bertola 4*

"...quando mi prendeva il raptus del purè, ovvero la cosa più simile al romanticismo che io abbia mai sperimentato: sera d'inverno, pioggia o neve, e quella sensazione strana come il cuore fosse elastico e ci stesse dentro tutta la tua vita "

«Ragazze mancine» di Stefania Bertola è un romanzo che definirei originale. Stravagante, non usuale, stra-ordinario. Non è un chick-lit italiano assolutamente, ho letto da qualche parte che il prezzo è elevato per "romanzi di questo spessore". Assolutamente non corretto. E' un romanzo che racconta esperienze di vita che possono capitare a tutti, il cui filo rosso è l'allegria trasfusa nelle parole e nella storia che l'autrice ha deciso di raccontare.


La Bertola, come un esperto e raffinato chef, ha amalgamato gli ingredienti per una ricetta letteraria di grande successo: due donne diversissime, Adele e Eva, così come si evince dalla scelta della stessa copertina del libro (illustrazione di Malika Favre), un cane bielorusso, una bambina che porta il nome di un film in bianco e nero, un medaglione smarrito, una manciata di coperte patchwork e un pizzico di sana diffidenza nei confronti dell’amore. Et voilà, il romanzo è servito.

Questa è la storia di una donna, Adele, trentadue anni, che non ha mai lavorato un giorno in vita sua. Una mattina, come tante, si sveglia e scopre che il suo mondo non esiste più, ad un certo punto della sua vita perde tutto: il marito che ha dichiarato fallimento è scappato con l’amante verso paradisi più sereni, l’enorme casa, lussi e privilegi. Si ritrova da sola, sola con se stessa fino a imbattersi, per uno strano gioco del karma, in tanti personaggi che intrecceranno le loro esperienze di vita alla sua. In particolare con Eva, ragazza madre, zen stravagante, combina guai per vocazione. Costrette a convivere in una casa, le due donne impareranno l’una dall'altra a ribaltare le proprie abitudini,  e soprattutto le loro certezze.
Un romanzo sofisticatamene allegro, acuto, fresco, originale con una punta di ironia sullo sfondo.
La vita di ogni personaggio entra in scena, dapprima in punta di piedi, per poi coinvolgere il lettore completamente. Lo stile narrativo è fresco, pulito, non banale e la trama della storia, o meglio delle storie, segue un filo logico particolare, tutto da scoprire, pagina dopo pagina, attraverso la sequenza di vicende e di personaggi che potrebbero essere i vicini di casa, la ragazza della porta accanto, persone tanto reali da divenire attori surreali nella commedia folle e disincantata della vita.
La storia appare, per un attimo, intricata all'inizio e questo è l'unico "intoppo" riscontrato, ma poi fluisce con rapidità.
Quel che più mi è piaciuto di questo libro è stato tutto il percorso di lettura e quindi, in parallelo, di scrittura: è un libro che leggi assolutamente con piacere, senza preoccuparti dell'ansia di conoscere il finale, no, vuoi proprio goderti la storia, sono le parole che, man mano, ti conducono per mano all'ultima pagina.
Un libro da leggere e tenere caro in libreria, per riprenderlo all'occorrenza, quando la mancanza dei protagonisti si farà sentire forte.


Il consiglio in più: Ho letto, tempo fa, della stessa autrice "La soavissima discordia dell'amore", bellissimo.

Titolo: Ragazze mancine
Autore: Stefania Bertola
Pagine: 281
Anno di pubblicazione: 2013
Editore: Einaudi
ISBN:978-8806212643
Prezzo di copertina: 18,50€



Libro letto per la sezione ISTINTO di LeggiAmo: 3/16



3 commenti:

  1. Tutto vero!
    Libro divertente senza essere superficiale, con donne strepitose e uomini...be' forse qualcuno si salva ;-)
    Va be', io sono anche un po' di parte: è ambientato a Torino!

    RispondiElimina
  2. bello! mi hai incuriosito lo leggerò!

    RispondiElimina
  3. Sono interessata a leggere questo libro, ma mi sto facendo ancora un'idea sull'autrice e sull'opera.

    RispondiElimina

Scrivi cosa ne pensi...

I consigli di Nina Sankovitch

COME LEGGERE TUTTO IL GIORNO

Avere sempre un libro con te
Leggi mentre sei in attesa
Leggi mentre si mangia
Leggi durante l'allenamento
Leggere prima di dormire
Leggere prima di alzarsi dal letto
Leggi invece di aggiornare FB
Leggi invece di guardare la TV
Leggi invece di passare l'aspirapolvere
Leggi mentre passi l'aspirazione
Leggi con un gruppo di lettura
Leggi con il tuo bambino
Leggere con il vostro gatto
Leggi per il vostro cane
Leggere su un programma
Avere sempre un libro con te
di Nina Sankovitch

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Avvisi


Disclaimer per contenuti blog
"La Locanda dei Libri" prende ispirazione dalla Locanda Almayer del libro "OceanoMare" di Alessandro Baricco. Non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy.
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email lalocandadeilibri@libero.it. Saranno immediatamente rimossi.
L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Ringraziamo il sito www.web-link.it da cui abbiamo tratto lo sfondo.
La legge sul diritto di autore (633/1941) come modificata dal d.lgsl. 68/2003, prevede all'articolo 70 che: "Il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o di parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi se effettuati per uso di critica o di discussione, nei limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all'utilizzazione economica dell'opera; se effettuati a fini di insegnamento o di ricerca scientifica l'utilizzo deve inoltre avvenire per finalità illustrative e per fini non commerciali."