Affinità

Affinità
“Talvolta penso che il paradiso sia leggere continuamente, senza fine.” - Virginia Woolf

martedì 29 aprile 2014

Recensione:"Miami Diaries" di Marta Lock & presentazione del libro alla Feltrinelli di Pomigliano d'Arco il 9 Maggio

Marta Lock, la "Scrittrice dell'anima"

"Miami Diaries", il nuovo romanzo di Marta Lock, racconta di Violet, Hanna e Sam, tre rampolli dell'alta società di Miami, legati da una forte amicizia che si ritrovano fortemente destabilizzati dopo l'arresto, per evasione fiscale, dei padri delle ragazze. Violet e Hanna capiscono che è giunto il momento di mettere da parte le feste esclusive, i vestiti costosi e i centri estetici, e rimboccarsi le maniche per ri-costruirsi un futuro che permetta loro di mantenere, non solo se stesse, ma anche le relativi madri, casalinghe da sempre.
potete acquistarlo qui
Il libro non racconta, in fondo, solo di questo. La capacità della Lock è che lei riesce ad entrare nell'animo dei personaggi e a descriverne umori e sensazioni permettendo, a chi legge, di entrare immediatamente in sintonia con i personaggi e con la tematica principale di ciò che si sta raccontando, che esula e, al contempo, s'amalgama, con le vicende dei personaggi.
La scrittura è fluida e ricercata, e questo fa della lettura un'esperienza estremamente piacevole.
Come negli altri romanzi, e quindi anche in "Miami Diaries", si evince sin dalle prime pagine una sorta di leggerezza con la quale Marta Lock accompagna le storie che racconta, e che porterebbe ad associare i suoi libri al genere letterario «chick-lit», senza però essere mai banale nè scontato, per poi stemperare questa leggerezza nella profondità delle argomentazioni e dei contenuti trattati, che s’ispirano alla società nella quale viviamo, e nella descrizione, sempre attenta, dell’animo dei personaggi, tanto che i suoi affezionati lettori la identificano come «Scrittrice dell’anima».
"Miami Diaries" porterà il lettore a guardare la realtà con occhi nuovi, appassionandosi alle vicende dei protagonisti, che muteranno il loro destino attraverso una crescita personale e sociale, frutto di sacrifici e ardue prove. Un inno alla forza di volontà e alla fiducia nelle proprie ambizioni.

L'Attimo fuggente è il sito della scrittrice, correte a visitarlo per essere sempre aggiornati.

Marta Lock è nata a Terni il 30 dicembre 1970. Dopo anni di lavoro impiegatizio decide di lasciare la sua città per fare animazione nei villaggi turistici all’estero, e grazie a quel lavoro trascorre mesi a Djerba, in Messico e a Cuba, paesi dei quali scrive nei suoi romanzi. Il destino la porta fino a Milano dove ha scritto il suo primo romanzo «Notte Tunisina». Nel luglio del 2012 è stata pubblicata la sua seconda opera «Quell’anno a Cuba», molto apprezzato dal pubblico dei lettori.
Impegnata nel sociale, Marta Lock  grazie al suo terzo romanzo «Ritrovarsi a Parigi», nel mese di maggio del 2013, si classifica quarta tra seicento partecipanti alla 26ª edizione del «Premio Nazionale di Letteratura Prof. Francesco Florio» e riceve il Diploma di elogio per meriti e il premio della Critica «Le parole dell’anima» città di Casoria (NA) per il quale sarà premiata nel corso della manifestazione «Il maggio delle donne», per il suo impegno sociale nella campagna in favore di «Mondo Rosa», centro antiviolenza di Catanzaro. Nel mese di ottobre dello stesso anno ha avuto luogo a Milano, presso il Centro Congressi Corridoni, un grande evento contro la violenza sulle donne, «L’Arte dice no!», da lei ideato per raccogliere fondi in favore di Doppia Difesa, l’associazione dell’Avv. Giulia Bongiorno e Michelle Hunziker; la sua campagna di sensibilizzazione e sostegno alle donne vittime di violenze continua con la sua raccolta "I Pensieri della sera di Marta Lock", di cui parte del ricavato sarà devoluto a «Mondo Rosa» di Catanzaro che fornisce non solo accoglienza ma anche sostegno psicologico e legale. In virtù del suo impegno artistico e sociale il 6 gennaio 2014 riceve una targa di riconoscimento dall’Associazione Poliziotti Italiani durante il Megashow annuale delle Forze di Polizia e Militari.

La scrittrice è lieta di incontrarvi il 9 Maggio alla Feltrinelli Culture District di Pomigliano d'Arco, ore 18,30
Non mancate!

Nessun commento:

Posta un commento

Scrivi cosa ne pensi...

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

I consigli di Nina Sankovitch

COME LEGGERE TUTTO IL GIORNO

Avere sempre un libro con te
Leggi mentre sei in attesa
Leggi mentre si mangia
Leggi durante l'allenamento
Leggere prima di dormire
Leggere prima di alzarsi dal letto
Leggi invece di aggiornare FB
Leggi invece di guardare la TV
Leggi invece di passare l'aspirapolvere
Leggi mentre passi l'aspirazione
Leggi con un gruppo di lettura
Leggi con il tuo bambino
Leggere con il vostro gatto
Leggi per il vostro cane
Leggere su un programma
Avere sempre un libro con te
di Nina Sankovitch

Avvisi


Disclaimer per contenuti blog
"La Locanda dei Libri" prende ispirazione dalla Locanda Almayer del libro "OceanoMare" di Alessandro Baricco. Non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy.
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email lalocandadeilibri@libero.it. Saranno immediatamente rimossi.
L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Ringraziamo il sito www.web-link.it da cui abbiamo tratto lo sfondo.
La legge sul diritto di autore (633/1941) come modificata dal d.lgsl. 68/2003, prevede all'articolo 70 che: "Il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o di parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi se effettuati per uso di critica o di discussione, nei limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all'utilizzazione economica dell'opera; se effettuati a fini di insegnamento o di ricerca scientifica l'utilizzo deve inoltre avvenire per finalità illustrative e per fini non commerciali."