mercoledì 18 giugno 2014

Recensione: «Gioco pericoloso» di Gabriella Genisi

Tutti pazzi per Lolita Lobosco, il commissario più sexy del Mediterraneo

«Gioco pericoloso» di Gabriella Genisi è un giallo tutto italiano, dove la protagonista è Lolita Lobosco, commissario affascinante e perspicace, una verace donna del Sud. Un libro che si lascia leggere con estremo piacere, come sorseggiare una bibita fresca in un torrido pomeriggio d'estate.

Durante la partita decisiva per la qualificazione in serie A del Bari, al san Nicola muore un giocatore. Una morte naturale, si direbbe, però con qualche mistero di troppo. Pochi mesi dopo, infatti, il commissario Lolita, indagando su quello che a tutti è sembrato un incidente, si imbatte in un intrigo internazionale destinato a colpire le fondamenta del calcio italiano. Un losco mix di sport e malavita che rischia di sconvolgere anche la vita di Lolì. 


Un libro che profuma di Caffè Borghetti e di caldo polveroso allo Stadio san Nicola di Bari, di cozze ripiene, di misteri che s'infittiscono, di situazioni comiche e grottesche, d'intrigo poliziesco e di humour viscerale, di bandiere biancorosse che sventolano sui balconi.

Questo è  libro che si fa coccola, è fresco, spassoso, ilare perchè mette di buonumore chi lo legge, scritto con naturale fluidità rende la lettura un momento di puro relax. La scrittrice, inoltre, utilizza espressioni che richiamano il linguaggio parlato e quello dei social, quali ad esempio «chissapoiperchè», «l'amicamia», «ennò», «ecchecavolo», «Nicolamio». Ciò conferisce al romanzo una freschezza particolare: il lettore si ritrova coinvolto in questo modo di comunicare tanto attuale e un pò irriverente nei confronti della lingua italiana, ma sicuramente vincente.

Il commissario della Omicidi, Lolita Lobosco, è il corrispondente femminile del detective, letterario e televisivo, più famoso: Salvo Montalbano. I due, tranne il dialetto (siciliano per lui, barese per lei) hanno in comune una certa dose di fascino, il piacere per la buona cucina e un modo di fare e di condurre le indagini tutto personale. Chissà se i due incroceranno mai i loro destini...
In «Gioco pericoloso», il commissario Lobosco è impegnato in un'indagine complessa legata al mondo del calcio, un tema di grande attualità, che spesso collega al tifo e alla passione, interessi economici (come nel caso del Calcio scommesse) e, purtroppo, violenza e criminalità. C'è spazio per i colpi di scena e per le risate improvvise. Non manca nulla a questo giallo, tutti gli ingredienti sono sapientemente dosati e il piatto finale è d'effetto. Di quelli speciali.

Durante l'ultima decisiva partita di campionato, accade che Domenico Scatucci, capitano trentaduenne della squadra barese, muore sul campo. Una morte (apparentemente) inspiegabile, sulla quale aleggia l'ombra del doping. La gioia del pareggio è zittita dal silenzio rispettoso dei tifosi e il commissario Lolì inizia da qui l'indagine. Le sue peripezie, personali e professionali, la mettono in contatto con personaggi bizzarri e simpatici, qualcuno anche antipatico e saccente, e le loro vite. Sicuramente tutti vi rimarranno cari e, voltando l'ultima pagina, vi sembrerà di dire addio ad una vecchia cara amica: Lolita Lobosco.

Un giallo per tutti che si stempera nel romanzo di costume, apprezzerete quel particolare modo di indagare, del commissario Lolì, che coniuga la precisione tecnica ai moti del cuore e, soprattutto, all'intuito.
Un libro che sul comodino (e sotto l'ombrellone) non può mancare.


Scheda tecnica
Autore: Gabriella Genisi
Editore: Sonzogno
Pagine: 192
ISBN: 9788845425776
Data di uscita: 16 Aprile 2014
Prezzo: €12
Puoi acquistarlo online, qui


Curiosità
Alla fine del libro, sono presenti le tipiche ricette della cucina barese (e non solo, ci sono pure quelle napoletane ereditate da nonna Dolò), le ricette del commissario Lolì, che non vedo l'ora di sperimentare.
«La circonferenza delle arance», pubblicato da Sonzogno nel 2010, è stata sceneggiata da Ivan Cotroneo e diretta da Riccardo Milani. Lolita Lobosco è  stata interpretata da Micaela Ramazzotti, ed è andata in onda nel 2012.

Pillole biografiche
Gabriella Genisi è nata nel 1965 e abita vicino al mare, a pochi chilometri da Bari. Ha scritto numerosi libri e ha inventato il personaggio del commissario Lolita Lobosco, la poliziotta più sexy del Mediterraneo, già protagonista di tre romanzi pubblicati da Sonzogno: La circonferenza delle arance (2010), Giallo ciliegia (2011), Uva noir (2012).





Nessun commento:

Posta un commento

Scrivi cosa ne pensi...

I consigli di Nina Sankovitch

COME LEGGERE TUTTO IL GIORNO

Avere sempre un libro con te
Leggi mentre sei in attesa
Leggi mentre si mangia
Leggi durante l'allenamento
Leggere prima di dormire
Leggere prima di alzarsi dal letto
Leggi invece di aggiornare FB
Leggi invece di guardare la TV
Leggi invece di passare l'aspirapolvere
Leggi mentre passi l'aspirazione
Leggi con un gruppo di lettura
Leggi con il tuo bambino
Leggere con il vostro gatto
Leggi per il vostro cane
Leggere su un programma
Avere sempre un libro con te
di Nina Sankovitch

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Avvisi


Disclaimer per contenuti blog
"La Locanda dei Libri" prende ispirazione dalla Locanda Almayer del libro "OceanoMare" di Alessandro Baricco. Non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy.
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email lalocandadeilibri@libero.it. Saranno immediatamente rimossi.
L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Ringraziamo il sito www.web-link.it da cui abbiamo tratto lo sfondo.
La legge sul diritto di autore (633/1941) come modificata dal d.lgsl. 68/2003, prevede all'articolo 70 che: "Il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o di parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi se effettuati per uso di critica o di discussione, nei limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all'utilizzazione economica dell'opera; se effettuati a fini di insegnamento o di ricerca scientifica l'utilizzo deve inoltre avvenire per finalità illustrative e per fini non commerciali."