Affinità

Affinità
“Talvolta penso che il paradiso sia leggere continuamente, senza fine.” - Virginia Woolf

venerdì 19 settembre 2014

"Eccoci qui" di Dorothy Parker

I dieci racconti piú belli ed introvabili di una grande donna

Pillole biografiche
Dorothy Parker (1893 - 1967) è un'icona del ventesimo secolo, protagonista della New York degli Anni Venti e Trenta.
È nata nel 1893 dal ramo povero dei Rothschild (noti banchieri) ma ben presto ha dovuto capire la durezza della vita: a cinque anni perde la madre.
Padre ebreo, matrigna protestante, Dorothy andò a scuola in un istituto cattolico, da cui fu espulsa quando definì l'Immacolata Concezione "una combustione spontanea". Già questo ci fa capire il forte temperamento della Parker.
Nel 1914 comincia a scrivere per " Vogue" e in seguito per "Vaniy Fair". Troppo diretta ed esplicita nei suoi giudizi, nel 1920 venne licenziata. In segno di solidarietà si dimisero Robert Benchley e Robert E. Sherwood, due giornalisti che crearono con la Parker la famosa Tavola Rotonda all' Algonquin Hotel. Quando venne fondato il "New Yorker" nel 1925, Parker e Benchley diventarono collaboratori fissi.
Spesso preda della depressione (tentò il suicidio più volte), Dorothy Parker è stata una donna straordinaria: protestó contro la condanna di Sacco e Vanzetti, emigrati italiani (nell’aprile del 1920 in un clima permeato da pregiudizi e da ostilità verso gli stranieri, furono accusati di essere gli autori di una rapina ad una fabbrica di calzature in cui rimasero vittime un cassiere e una guardia armata), andò in Spagna durante la Guerra civile, era presente in qualità di volontaria corrispondente di guerra durante il secondo conflitto mondiale e si batté in prima linea per i diritti civili negli Anni Sessanta.

"Eccoci qui" (Astoria edizioni) raccoglie i 10 racconti (introvabili ormai da anni) della Parker, dieci perle di letteratura americana che mi hanno entusiasmata e tenuta incollata alle pagine.
Vorrei riportare i titoli:
1. Composizione in bianco e netto
2. Consigli alla piccola Peyton
3. Il meraviglioso vecchio signore
4. Mr Durant
5. Una bella bionda (considerato il suo capolavoro)
6. Che bel quadretto
7. Il piccolo Curtis
8. Che peccato
9. Cavallina
10. Eccoci qui

Per ognuno di questi affreschi dell'animo americano, la Parker intinge il pennello nell'eleganza ma anche nella malinconia venata di tristezza. Ogni racconto tratta di un tema specifico, ad esempio Composizione in bianco e nero è una delle più feroci descrizioni del razzismo della buona società.
La Parker rivela, in questi racconti, le ipocrisie, le vanità, i miti e le fobie dei suoi personaggi e lo fa con uno stile impietoso, a volte divertente, velato di ironia. La lettura è scorrevole, estremamente piacevole e il lettore é coinvolto totalmente perché dalle pagine trapela, chiaramente, la passione dell'autrice per la scrittura e per la vita, la sua partecipazione attiva nella lotta contro le ingiustizie, contro i pregiudizi e il conformismo del mondo dell'alta borghesia.
Sulla quarta di copertina, si legge che l'autrice scrive "per le donne di cui capiva la rabbia dalla A alla Z".

Un libro imperdibile.

Nessun commento:

Posta un commento

Scrivi cosa ne pensi...

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

I consigli di Nina Sankovitch

COME LEGGERE TUTTO IL GIORNO

Avere sempre un libro con te
Leggi mentre sei in attesa
Leggi mentre si mangia
Leggi durante l'allenamento
Leggere prima di dormire
Leggere prima di alzarsi dal letto
Leggi invece di aggiornare FB
Leggi invece di guardare la TV
Leggi invece di passare l'aspirapolvere
Leggi mentre passi l'aspirazione
Leggi con un gruppo di lettura
Leggi con il tuo bambino
Leggere con il vostro gatto
Leggi per il vostro cane
Leggere su un programma
Avere sempre un libro con te
di Nina Sankovitch

Avvisi


Disclaimer per contenuti blog
"La Locanda dei Libri" prende ispirazione dalla Locanda Almayer del libro "OceanoMare" di Alessandro Baricco. Non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy.
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email lalocandadeilibri@libero.it. Saranno immediatamente rimossi.
L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Ringraziamo il sito www.web-link.it da cui abbiamo tratto lo sfondo.
La legge sul diritto di autore (633/1941) come modificata dal d.lgsl. 68/2003, prevede all'articolo 70 che: "Il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o di parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi se effettuati per uso di critica o di discussione, nei limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all'utilizzazione economica dell'opera; se effettuati a fini di insegnamento o di ricerca scientifica l'utilizzo deve inoltre avvenire per finalità illustrative e per fini non commerciali."