sabato 8 novembre 2014

"Qualcosa non torna" di Gianluca Giusti

"Qualcosa non torna" (pagina facebook) è un libro particolare sia per gli argomenti affrontati che per la dinamica e la costruzione della narrazione: sarebbe nei fatti un saggio, ma si pone come una romanzo, sebbene vi siano scritte e argomentate delle verità e non delle finzioni, l'autore dialoga a tu per tu con il fruitore dell'opera.
Nello specifico, Giusti apporta il suo contributo in ordine ai temi più misteriosi che ammantano ed avvolgono l'esperienza umana, sin da tempi remoti, insistendo sulle riflessioni logiche che li confutano o li confermano. Il suo vessillo è la conoscenza, il non dare per scontato le cosiddette verità assolute.
Quest'ultimo aspetto è molto importante da sottolineare, in quanto l'autore lascia la porta semichiusa, una possibilità di conclusione personale donata al lettore: è chi legge, infatti, che trova in sè le risposte ai quesiti più dibattuti degli ultimi anni, anzi della storia dell'umanità.
I temi affrontati vanno dal mistero della Sindone, alle contraddizioni di Dio e quindi i temi religiosi sono affrontati in modo capillare, alle esasperazioni, secondo l'autore, del film "The Passion of the Christ" di Mel Gibson, dalle reincarnazioni allo spiritismo non dimenticando gli UFO, il triangolo delle bermuda e il fenomeno attualissimo delle scie chimiche.
Storia e attualità si fondono in pagine ricche di suspense che permetteranno, a chi le legge, di affrontare una lettura colma di riflessioni e di interrogativi ancora aperti, ai quali l'uomo cerca l'irreprimibile esigenza di trovare una risposta ai perchè esistenziali. 

Il libro ha ottenuto il patrocinio gratuito del comune di Roma per il valore riconosciuto all'opera, e questo prima ancora della sua uscita, è stato infatti presentato il 17 Ottobre 2014 nelle sale del Campidoglio.

L'autore Gianluca Giusti (il suo precedente libro, "OscuraMente") parla al lettore coinvolgendolo nelle argomentazioni legate ai misteri del mondo, un libro da consigliare non solo agli appassionati del genere, ma davvero a tutti. 

Potete acquistare il libro a questo link, sito della casa editrice Edizioni C'era una volta


Nessun commento:

Posta un commento

Scrivi cosa ne pensi...

I consigli di Nina Sankovitch

COME LEGGERE TUTTO IL GIORNO

Avere sempre un libro con te
Leggi mentre sei in attesa
Leggi mentre si mangia
Leggi durante l'allenamento
Leggere prima di dormire
Leggere prima di alzarsi dal letto
Leggi invece di aggiornare FB
Leggi invece di guardare la TV
Leggi invece di passare l'aspirapolvere
Leggi mentre passi l'aspirazione
Leggi con un gruppo di lettura
Leggi con il tuo bambino
Leggere con il vostro gatto
Leggi per il vostro cane
Leggere su un programma
Avere sempre un libro con te
di Nina Sankovitch

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Avvisi


Disclaimer per contenuti blog
"La Locanda dei Libri" prende ispirazione dalla Locanda Almayer del libro "OceanoMare" di Alessandro Baricco. Non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy.
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email lalocandadeilibri@libero.it. Saranno immediatamente rimossi.
L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Ringraziamo il sito www.web-link.it da cui abbiamo tratto lo sfondo.
La legge sul diritto di autore (633/1941) come modificata dal d.lgsl. 68/2003, prevede all'articolo 70 che: "Il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o di parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi se effettuati per uso di critica o di discussione, nei limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all'utilizzazione economica dell'opera; se effettuati a fini di insegnamento o di ricerca scientifica l'utilizzo deve inoltre avvenire per finalità illustrative e per fini non commerciali."