Affinità

Affinità
“Talvolta penso che il paradiso sia leggere continuamente, senza fine.” - Virginia Woolf

sabato 15 novembre 2014

"Una buona ragione per uccidersi" di Philippe Besson



Il titolo sicuramente non rimanda a situazioni idilliache ed ottimiste, ma questo libro è semplicemente meraviglioso. La prima sensazione che si percepisce non appena s'incomincia a leggerlo è quella di trovarsi dentro un film. La voce fuori campo ci racconta la vita di due personaggi, Laura e Samuel.
Lo stile scelto dall'autore, Philippe Besson, è quello della sceneggiatura, quello dell'incedere per fotogrammi, l'intera storia è viva dinanzi ai nostri occhi e tutti i sensi ne sono catturati.  E' una sensazione netta, precisa, riconoscibile. Man mano che gli occhi scorrono le parole, nella mente esse si tramutano in immagini e il tutto si trasforma, per il lettore, in un film intimo e personale, perchè è chi legge che dà volto ai personaggi e alle loro emozioni, e alle scenografie dei paesaggi, persino gli odori sono avvertiti in maniera inequivocabile.

Il sapore, forte e deciso, che hanno queste pagine è quello intenso della malinconia. E' una tristezza traboccante, grigia, profonda...eppure, straordinariamente bella. Semplice. Quella che almeno una volta nella vita abbiamo provato (e proviamo) tutti, e senza la quale non avremmo modo di comprendere il fine ultimo della nostra stessa esistenza.

"... la mattina quando si svegliava, si sentiva di fronte a un numero infinito di possibilità, aveva l'impressione che il futuro gli appartenesse. Era la giovinezza, molto semplicemente, ma lui non lo sapeva. Poi è passata. Molto presto, è stato troppo tardi. Alla fine lo aveva capito."

I capitoli si alternano, descrivendo la vita dei due personaggi: Laura Parker, una donna (moglie e madre) che ha appena divorziato e che per dare un senso alla sua vita cerca di ricominciare svolgendo un lavoro part-time al Joy's Cafè, e Samuel, devastato dalla morte del figlio diciassettenne. I loro destini, ad un certo punto della storia, si incroceranno. Potranno salvarsi a vicenda o rimarranno intrappolati in questa vita, preda nei loro pensieri?
Tutto si svolge nel periodo delle elezioni americane, in un solo giorno, il 4 novembre 2008 si fa la Storia, l'America si prepara ad eleggere il suo primo presidente di colore. Newport Beach, nella contea di Orange (California), è il luogo chiave di tutto.
L'unica pecca è che forse il finale è stato un pò troppo veloce ma estremamente avvincente, ho letto questo libro, praticamente in tre pomeriggi e lo consiglio a tutti

"Una buona ragione per uccidersi" è un romanzo sulla malinconia moderna, sul senso di vuoto e di sfiducia nel quale sprofonda la società contemporanea, dove non si dà valore più a niente, neppure, forse, alla vita stessa, il bene supremo di ognuno. Come scritto sulla quarta di copertina "Philippe Besson si concentra sui gesti meccanici che formano il nostro quotidiano, soffermandosi su un unico giorno, amplificandone ogni dettaglio, ingrandendolo e ponendolo sotto una luce spietata. Perchè in fondo lo scorrere del tempo è tutto quel che rimane agli sconvolgenti personaggi di questo romanzo".
Questo libro ci pone dinanzi ad uno specchio, ci costringe a leggerci dentro, a stare faccia a faccia con le nostre paure e la disperazione, che tra tutte le minacce che possono colpirci, è la più spaventosa.
A fine lettura, ogni lettore troverà le risposte che cerca.

Grazie a Edizioni Clichy per questa opportunità.
SCHEDA LIBRO
Titolo: "Una buona ragione per uccidersi"
Titolo originale" Una bonne raison de se tuer"
Editore: Clichy
Traduttore: Barbara Puggelli
Pagine: 281
ISBN: 978 88 6799 008 5
Prezzo: € 16
puoi acquistarlo qui

Pillole biografiche
Nato nel 1967 in un paesino della Charente, Philippe Besson si trasferisce nel 1989 a Parigi, dove inizia a insegnare Diritto alla Sorbonne. Nel 2001 pubblica Un amico di Marcel Proust (Guanda, 2005), che si
aggiudica il Prix Emmanuel-Roblés dell'Académie Goncourt, e Son frère, che vince il Prix Fémina e viene portato sullo schermo da Patrice Chéreau. E le altre sere verrai, pubblicato nel 2003 (Guanda, 2004), vince il Prix Rtl-Lire. Del 2003 è anche Un ragazzo italiano (Guanda, 2007). Nel 2004 esce I giorni fragili di Arthur Rimbaud (Guanda, 2006) e nel 2006 L'Enfant d'Octobre, che suscita una vasta eco polemica per l'attualità dei suoi temi. Nel 2007 pubblica Come finisce un amore (Guanda, 2009).



Curiosità
Il libro è un omaggio che l'autore fa al film, del 1977, "Una giornata particolare" di Ettore Scola con Sofia Loren e Marcello Mastroianni



Nessun commento:

Posta un commento

Scrivi cosa ne pensi...

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

I consigli di Nina Sankovitch

COME LEGGERE TUTTO IL GIORNO

Avere sempre un libro con te
Leggi mentre sei in attesa
Leggi mentre si mangia
Leggi durante l'allenamento
Leggere prima di dormire
Leggere prima di alzarsi dal letto
Leggi invece di aggiornare FB
Leggi invece di guardare la TV
Leggi invece di passare l'aspirapolvere
Leggi mentre passi l'aspirazione
Leggi con un gruppo di lettura
Leggi con il tuo bambino
Leggere con il vostro gatto
Leggi per il vostro cane
Leggere su un programma
Avere sempre un libro con te
di Nina Sankovitch

Avvisi


Disclaimer per contenuti blog
"La Locanda dei Libri" prende ispirazione dalla Locanda Almayer del libro "OceanoMare" di Alessandro Baricco. Non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy.
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email lalocandadeilibri@libero.it. Saranno immediatamente rimossi.
L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Ringraziamo il sito www.web-link.it da cui abbiamo tratto lo sfondo.
La legge sul diritto di autore (633/1941) come modificata dal d.lgsl. 68/2003, prevede all'articolo 70 che: "Il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o di parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi se effettuati per uso di critica o di discussione, nei limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all'utilizzazione economica dell'opera; se effettuati a fini di insegnamento o di ricerca scientifica l'utilizzo deve inoltre avvenire per finalità illustrative e per fini non commerciali."