Pezzi di vita

Pezzi di vita

martedì 2 dicembre 2014

19 dicembre '43 di Donato Cutolo



Il livido inverno del 1943 fu per l’Italia una delle stagioni più tragiche della storia. I personaggi di questo romanzo, da qualche parte sull’Appennino, vivono - schiacciati tra la ferocia nazista e l’avanzata alleata - un presente di stenti e paura, notti illuminate dalla forza maligna dei bombardamenti, giorni di espedienti e fughe. Mentre si prepara la guerra partigiana e i treni dei deportati solcano la pianura, Ettore coltiva il suo amore per Ada e, al di là di ogni ideologia, sentimenti di libertà e giustizia che verranno messi assai duramente alla prova, come in una Resistenza solitaria e disperata. 

Anche in quest’opera, che chiude la trilogia narrativa (e musicale) iniziata con Carillon e Vimini (clicca sui titoli per leggere le recensioni) Donato Cutolo offre alla trama svolte sorprendenti tra il fragore della realtà e la magia del sogno, come se sulla linea sensibile che li unisce e li divide si giocasse il senso stesso della storia, quella con la maiuscola, e di tutta l’esistenza umana. 

La colonna sonora allegata al romanzo è di Fausto Mesolella e Daniele Sepe, con la voce di Paolo Rossi.


Recensione

"Nessun figlio conosce fino in fondo suo padre, eppure lo ama, incondizionatamente. E viceversa."

Se dovessi cercare l'essenza di "19 dicembre '43" la troverei confinata qui in queste parole che richiamano all'attenzione del lettore il profondo legame filiale e genitoriale che lega due persone. Il filo rosso che li unisce è una sequenza ben precisa di ricordi che si fanno ben presto odori, immagini e suoni. 
E poi la guerra, i tempi duri, la povertà, il gelo dell'animo e quello meteorologico che arriva sino in fondo alle ossa, il terrore nazista, una storia d'amore che si nutre di cieli stellati e semplicità, quella tra Ettore Brassi e Ada, e ancora, la Resistenza che avanza, la Storia che si mischia alle storie, la forza rivoluzionaria di un'idea che può cambiare una vita, la Quinta di Beethoven che ammanta l'aria di quei giorni.
Dettagli che pian piano diventano descrizione, narrazione, racconto.

Come i precedenti libri di Cutolo, "Carillon" e "Vimini", anche questo libro si legge ascoltando il CD  o si potrebbe far seguire la lettura dall'ascolto del disco che vi è allegato, per poter assaporare in maniera originale le pagine e quel che ne resta dopo averle lette. 
La scrittura è lieve, in chiave quasi poetica ma qui più romanzata rispetto alle altre due opere con cui è iniziata questa trilogia narrativa, che potrebbe chiamarsi "narrativa musicale", tanto la musica è legata indissolubilmente alle parole. 
Note e parole richiamano due diversi registri linguistici, ma si accomunano quando entrano in scena le emozioni, esse vengono condivise da chi le scrive, da chi le legge, da chi le ascolta. Un libro racconta una storia allo stesso modo in cui può farlo una canzone o una musica e qui i due aspetti si intrecciano fino a fondersi.
Il punto d'arrivo è il medesimo: la mente di chi li recepisce.

Nessun commento:

Posta un commento

Scrivi cosa ne pensi...

I consigli di Nina Sankovitch

COME LEGGERE TUTTO IL GIORNO

Avere sempre un libro con te
Leggi mentre sei in attesa
Leggi mentre si mangia
Leggi durante l'allenamento
Leggere prima di dormire
Leggere prima di alzarsi dal letto
Leggi invece di aggiornare FB
Leggi invece di guardare la TV
Leggi invece di passare l'aspirapolvere
Leggi mentre passi l'aspirazione
Leggi con un gruppo di lettura
Leggi con il tuo bambino
Leggere con il vostro gatto
Leggi per il vostro cane
Leggere su un programma
Avere sempre un libro con te
di Nina Sankovitch

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Avvisi


Disclaimer per contenuti blog
"La Locanda dei Libri" prende ispirazione dalla Locanda Almayer del libro "OceanoMare" di Alessandro Baricco. Non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy.
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email lalocandadeilibri@libero.it. Saranno immediatamente rimossi.
L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Ringraziamo il sito www.web-link.it da cui abbiamo tratto lo sfondo.
La legge sul diritto di autore (633/1941) come modificata dal d.lgsl. 68/2003, prevede all'articolo 70 che: "Il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o di parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi se effettuati per uso di critica o di discussione, nei limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all'utilizzazione economica dell'opera; se effettuati a fini di insegnamento o di ricerca scientifica l'utilizzo deve inoltre avvenire per finalità illustrative e per fini non commerciali."