domenica 22 marzo 2015

"L'istinto di narrare" di Jonathan Gottschall

"Siamo inzuppati di storie fino alle ossa"



"Passiamo più tempo immersi in un universo di finzione che nel mondo reale. 
«L’isola che non c’è» è la nostra vera nicchia ecologica, il nostro habitat. Nessun altro animale dipende dalla narrazione quanto l’essere umano, lo «storytelling animal».
Questo strano comportamento, che ci porta a mettere al centro della nostra esistenza cose che non esistono, è innato e antichissimo; ci sono segni di finzione fin dai primordi dell’umanità e basta osservare un bambino nel suo quotidiano gioco del «facciamo finta che» per capire che si tratta di un istinto primordiale, che ha già dentro di sé quando viene al mondo. Ma a che scopo?"


"L'istinto di narrare" di Jonathan Gottschall ci rivela il mistero, è un libro, anzi IL libro, che non può mancare nella libreria di un buon lettore (incallito, in special modo).
Paul Bloom di questo libro dice: "Un piacere da leggere, pieno di grandi osservazioni e di intuizioni incredibili", ed è proprio così, è un saggio sulla narrazione, sull'istinto, appunto, insito nell'uomo di raccontare storie, raccontare se stesso al mondo. Raccontando storie i bambini, ad esempio, imparano a gestire i loro  rapporti sociali, leggendo i romanzi il lettore vive tutte le vite dei vari protagonisti, fino a calarsi nei suoi panni. 
L'autore da letterato studia, avvalendosi anche delle neuroscienze e della biologia, la narrazione da molti punti di vista e ha un'idea originale ed affascinante per spiegare come si sia sviluppata questa abilità nell'essere umano. Numerosi sono anche i riferimenti ai libri e sono presenti foto ed illustrazioni.
Le storie ci circondano in ogni nostro singolo attimo, anche se non sempre ce ne accorgiamo.
E' meraviglioso constatare poi le intuizioni che il libro ci dona: i legami con i sogni notturni e con quelli ad occhi aperti, i legami con la musica in quanto anche le note narrano storie, i legami con le illustrazioni, ogni concetto nella nostra vita è rivestito da una trama e questo è davvero sorprendente. A fine libro, inoltre, c'è una ricca bibliografia, che mi ha particolarmente incuriosito.
Un libro meraviglioso che mi ha irretito, letto tutto d'un fiato, come non mi accadeva da un bel pò di tempo. 

Pillole biografiche
Jonathan Gottschall insegna Letteratura inglese presso il Washington and Jefferson College, in Pennsylvania. I suoi lavori sono stati commentati su «The New York Times Magazine», «The New York Times», «Scientific American Mind», «New Scientist», «Nature», «Science», «BBC» e «NPR». È autore, fra l’altro, di The Literary Animal. Evolution and the Nature of Narrative (con David Sloan Wilson, E. O. Wilson e Frederick C. Crews, 2005), Evolution, Literature, and Film (con Brian Boyd e Joseph Carroll, 2010), The Rape of Troy. Evolution, Violence, and the World of Homer (2008) e Literature, Science, and a New Humanities (2008). L’istinto di narrare è il suo primo libro tradotto in italiano.

http://jonathangottschall.com/


SCHEDA LIBRO
Titolo: L'istinto di narrare. Come le storie ci hanno reso umani.
Titolo originale: The Storytelling Animal. How Stories Make Us Human.
Autore: Jonathan Gottschall
Editore: Bollati Boringhieri
Traduttore: Giuliana Olivero
Data di uscita: 2014
Pagine: 255
Prezzo: € 22
ISBN: 9788833924670


Nessun commento:

Posta un commento

Scrivi cosa ne pensi...

I consigli di Nina Sankovitch

COME LEGGERE TUTTO IL GIORNO

Avere sempre un libro con te
Leggi mentre sei in attesa
Leggi mentre si mangia
Leggi durante l'allenamento
Leggere prima di dormire
Leggere prima di alzarsi dal letto
Leggi invece di aggiornare FB
Leggi invece di guardare la TV
Leggi invece di passare l'aspirapolvere
Leggi mentre passi l'aspirazione
Leggi con un gruppo di lettura
Leggi con il tuo bambino
Leggere con il vostro gatto
Leggi per il vostro cane
Leggere su un programma
Avere sempre un libro con te
di Nina Sankovitch

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Avvisi


Disclaimer per contenuti blog
"La Locanda dei Libri" prende ispirazione dalla Locanda Almayer del libro "OceanoMare" di Alessandro Baricco. Non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy.
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email lalocandadeilibri@libero.it. Saranno immediatamente rimossi.
L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Ringraziamo il sito www.web-link.it da cui abbiamo tratto lo sfondo.
La legge sul diritto di autore (633/1941) come modificata dal d.lgsl. 68/2003, prevede all'articolo 70 che: "Il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o di parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi se effettuati per uso di critica o di discussione, nei limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all'utilizzazione economica dell'opera; se effettuati a fini di insegnamento o di ricerca scientifica l'utilizzo deve inoltre avvenire per finalità illustrative e per fini non commerciali."