Affinità

Affinità
“Talvolta penso che il paradiso sia leggere continuamente, senza fine.” - Virginia Woolf

venerdì 1 maggio 2015

"Poeta e contadino" di Jean-Louis Fournier




Un romanzo breve colmo di bellezza, malinconia e ilarità.
Fournier, vincitore del Prix Femina 2008, ci presenta la storia di un giovane studente di cinematografia, senza mai svelare il suo nome (così come non è mai svelato quello degli altri personaggi), che si innamora di una splendida e dolce studentessa di psicologia. Siamo in Francia, precisamente a Monchy, “paesino che non figura nemmeno sulla cartina” situato nel Pais-de-Calais dove la noia “trasuda dal soffitto” soprattutto per chi è abituato alle luci e al brio di Parigi. Decide, per amore, di abbandonare tutto e trasferirsi in campagna, per vivere con lei e rilevare la fattoria del padre della ragazza.
«Quando si è innamorati, si diventa un po’ matti, e visto che un po’ matto lo ero già, ero capace di tutto. Se suo padre fosse stato un pescivendolo, mi sarei messo a fare il pescivendolo».
Ma la vita non è un film e presto, il nostro sognatore pasticcione capisce che la vita in campagna è molto dura e lenta, non è come la luminescente Parigi e che l'amore può riservare la sua dose di delusioni, e allora in quei momenti, per riappacificarsi con il mondo, occorre il sollievo medicamentoso della musica.



«Quando mi sento fiacco, prendo del Beethoven. Agisce da fortificante, mi ridona energia. Non ascolto più la Pastorale, ma la Terza, per essere eroici(...). Preferisco prenderlo la mattina, mai la sera, mi toglierebbe il sonno. Mozart è un'altra cosa. Ne prendo sempre, a ogni occasione».
Con spiccato humor e infinita delicatezza, l'autore ci regala un libro che è una perla preziosa, un viaggio dentro l'essenza della vita di campagna.


La narrazione prende, naturalmente, in considerazione la danza delle stagioni e Fournier disegna, per ognuna di esse, scene fortemente evocative: in autunno "gli alberi si colorano di ruggine", in inverno "il cortile è bianco, ricoperto di zucchero a velo, come un dolce, la primavera pimpante e rigogliosa veste di grano e papaveri i campi e di fiori i meli, le stelle nelle notti d'estate sono ancor più luminose. Il fluire del tempo è lento in campagna, e il ritmo lo detta la Natura, la lettura risulta essere piacevolissima: essa lascia ampio spazio alla comicità di certe situazioni, ma è anche densa di sottili e profonde riflessioni.
Un libro da leggere e rileggere...





Pillole biografiche
Jean-Louis Fournier è un autore prolifico e amatissimo in tutti i paesi francofoni. I suoi libri più famosi pubblicati in Italia sono Aritmetica applicata e impertinente (1994), Io, Dio (2005), Dove andiamo Papà? (2009), Il mio ultimo capello nero (2012) e Il curriculum di Dio (2010).

2 commenti:

  1. È da parecchio tempo che faccio la "corte" a questo libro, ma non avendolo mai trovato in libreria non ho ancora avuto la possibilità di leggerlo... Al Salone non mi sfuggirà :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao,
      suppongo che tu possa ordinarlo anche dalla casa editrice se non riesci a trovarlo...a me è piaciuto molto!!!

      Elimina

Scrivi cosa ne pensi...

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

I consigli di Nina Sankovitch

COME LEGGERE TUTTO IL GIORNO

Avere sempre un libro con te
Leggi mentre sei in attesa
Leggi mentre si mangia
Leggi durante l'allenamento
Leggere prima di dormire
Leggere prima di alzarsi dal letto
Leggi invece di aggiornare FB
Leggi invece di guardare la TV
Leggi invece di passare l'aspirapolvere
Leggi mentre passi l'aspirazione
Leggi con un gruppo di lettura
Leggi con il tuo bambino
Leggere con il vostro gatto
Leggi per il vostro cane
Leggere su un programma
Avere sempre un libro con te
di Nina Sankovitch

Avvisi


Disclaimer per contenuti blog
"La Locanda dei Libri" prende ispirazione dalla Locanda Almayer del libro "OceanoMare" di Alessandro Baricco. Non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy.
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email lalocandadeilibri@libero.it. Saranno immediatamente rimossi.
L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Ringraziamo il sito www.web-link.it da cui abbiamo tratto lo sfondo.
La legge sul diritto di autore (633/1941) come modificata dal d.lgsl. 68/2003, prevede all'articolo 70 che: "Il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o di parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi se effettuati per uso di critica o di discussione, nei limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all'utilizzazione economica dell'opera; se effettuati a fini di insegnamento o di ricerca scientifica l'utilizzo deve inoltre avvenire per finalità illustrative e per fini non commerciali."