domenica 16 agosto 2015

La bambina nata due volte di Carolina De Robertis



Sul "The San Francisco Chronicle" dicono di questo libro:
"La bambina nata due volte è uno di quei libri che ti fanno fare tardi la sera e poi ti lasciano sveglio a pensare con meraviglia a quello che hai letto".
Giuro che a me è accaduta la stessa identica sensazione.
Appena l'ho finito, avrei voluto ricominciarlo.

Un libro, in rare circostanze come questa, non è soltanto una semplice narrazione, ma un intreccio di storie che sembrano inanellarsi con la tua vita. Scrivere una recensione non è semplice, nel senso che si dovrebbe essere un pò distaccati dalle emozioni personali e raccontare soltanto il libro in sè. Ma non stavolta, non per questo libro.

La bambina nata due volte di Carolina De Robertis è ambientato in Uruguay (paese d'origine della scrittrice) e odora fortemente di mate, di eucalipto, di salsedine, ha il sapore deciso del realismo magico. Finalmente, ritrovo un libro dove questo genere letterario è in estasi, un genere intriso di magia e storia, di passione e del potere dell'amore. Amore intenso non solo nel senso relazionale, ma anche filiale, amora per se stessi, amore per la Patria. Un libro avvincente, di quelli che mi ricordano la Allende e Marquez, la Serrano, ma qui vi ho trovato lo stile di Carolina De Robertis, ben ritmato, colmo di passione, una scrittura poetica ed anche semplice, scorrevole, meravigliosa, coinvolgente. La scrittura della De Robertis è naturale, mai forzata, si percepisce chiaramente che le parole le sono nate dal cuore, essendo questo libro una lettera d'amore per l'Uruguay e scriverlo, come afferma la stessa autrice " ...mi ha portato al cuore del mio retaggio familiare". Infatti, pur essendo un romanzo, e dunque alcune parti originate dalla pura invenzione, i fatti più salienti sono assolutamente reali, frutto di studio e ricerche sul campo, per quanto riguarda gli avvenimenti storici, ma anche episodi tratti dal suo albero familiare.

Dalla trama:
1° gennaio 1900. Il primo giorno del secolo non è mai come gli altri, men che meno a Tacuarembo, minuscolo villaggio del Sudamerica. La folla è radunata intorno all'albero più grande del paese e non crede ai propri occhi: la piccola Pajarita è tornata. Rifiutata dal padre, era scomparsa pochi mesi dopo la nascita e l'avevano data per morta. Eppure ora è lì, in cima, appollaiata sopra un ramo sottile. Ha un anno ormai e negli occhi grandi, neri e vivaci, ha la stessa luce di quando è nata. Per alcuni si tratta di un miracolo, per altri è una strega, ma una cosa è certa: d'ora in poi per tutti Pajarita sarà «la bambina nata due volte», una ragazzina circondata di mistero, con un talento speciale per curare con le erbe.
Un dono prezioso che anni dopo, ormai donna fiera e determinata, le permette di sopravvivere a Montevideo sola contro tutti, insieme ai propri bambini. Ma la figlia Eva, fragile e tremendamente testarda, non si accontenta di sopravvivere. Vuole realizzare un sogno, diventare poetessa. E per farlo fugge verso le luci di Buenos Aires, la città che scintilla delle promesse di Evita Perón. (...)

Inizia così un viaggio entusiasmante nel cuore dell'America Latina, nei suoi caldi odori e nella sua passione. Da Pajarita ad Eva, e da Eva a Salomè, tre generazioni di donne divise da una mancanza di conoscenza della vita delle altre dovuta al vuoto generazionale che lascia silenzi che disorientano, ma anche abbracci che valgono può di mille parole. Una storia al femminile, dedicata al coraggio delle donne, alla forza insita nel femminile di rinascere sempre, e sempre. Ognuna di loro cerca qualcosa di più grande di se stessa, e compie un piccolo miracolo. Spazio è lasciato anche ai personaggi maschili che ispirano, a volte, quelli femminili. leggendo delle loro vite, li ho amati tutti. Ogni personaggio è così ben definito che non puoi fare confusione tra l'uno e l'altro, e non puoi che imparare dai loro sbagli e condividere le loro gioie.
La Storia è fortemente presente in questo romanzo: si passa attraverso l'eco delle due Guerre mondiali, al secondo dopoguerra e ai moti rivoluzionari che agitarono (non solo) l'America del Sud, con la sua figura più emblematica: il grande Ernesto Che Guevara. Il ritratto di una nazione sconvolta dagli eventi del ventesimo secolo: Montevideo, Peòn in Argentina, i Tupamaros in Uruguay. Tutte le descrizioni sono accurate frutto di studio e ricerca.
Varie sono le tematiche affrontate: dall'immigrazione allo stupro, dall'importanza dei legami familiari ai diritti umani. Anche il non detto ha la sua valenza tra queste righe.

L'unica nota stonata, a mio avviso, è la traduzione del titolo, o meglio il cambio del titolo nella versione italiana. In originale, il titolo è "The invisible Mountain", letteralmente "La montagna invisibile", titolo che combacia molto di più rispetto all'ambientazione della storia. Al centro del romanzo, la città di Montevideo.  Monte-vide-eu. “Io vedo un monte”: così disse la vedetta portoghese avvisando la terra che sarebbe diventata l’Uruguay.  Monte-vide-eu, e si riferiva a “El cerro”, niente più di una collina, anche questa, quindi, “una montagna invisibile”. Molto probabilmente, la scelta "La bambina nata due volte" ha apparentemente un risvolto pubblicitario: è  un titolo più accattivante, forse l'ennesima trovata pubblicitaria per ingolosire il pubblico. "La montagna invisibile" è un titolo che avrebbe fatto comunque presa, e sicuramente più calzante, dato che il romanzo è incentrato sulla storia di 3 generazioni di donne e non soltanto sulla prima, Pajarita, nata due volte, come da trama. Però, una volta terminato il libro, viene da pensare che molto probabilmente, anche il titolo italiano sia una scelta più che appropriata: ognuna di queste tre donne rinasce una seconda volta.
Ho trovato questo libro di una meraviglia indescrivibile.
Una storia da leggere e vivere (e rivivere) sulla propria pelle.


Pillole biografiche
Carolina de Robertis è cresciuta in una famiglia uruguaiana che è emigrata prima in Inghilterra, poi in Svizzera e in California, dove lei tuttora vive. Con Garzanti ha pubblicato anche La bambina nata due volte, il suo primo romanzo uscito con enorme successo in tutto il mondo, grazie al passaparola.
altra curiosità: la stesura del romanzo è durata 8 anni, mentre l'autrice lavorava come attivista in organizzazioni umanitarie per la difesa delle donne maltrattate.


1 commento:

  1. Si, Lena. Mi ispira parecchio :) grazie mille per avermelo segnalato :)

    RispondiElimina

Scrivi cosa ne pensi...

I consigli di Nina Sankovitch

COME LEGGERE TUTTO IL GIORNO

Avere sempre un libro con te
Leggi mentre sei in attesa
Leggi mentre si mangia
Leggi durante l'allenamento
Leggere prima di dormire
Leggere prima di alzarsi dal letto
Leggi invece di aggiornare FB
Leggi invece di guardare la TV
Leggi invece di passare l'aspirapolvere
Leggi mentre passi l'aspirazione
Leggi con un gruppo di lettura
Leggi con il tuo bambino
Leggere con il vostro gatto
Leggi per il vostro cane
Leggere su un programma
Avere sempre un libro con te
di Nina Sankovitch

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Avvisi


Disclaimer per contenuti blog
"La Locanda dei Libri" prende ispirazione dalla Locanda Almayer del libro "OceanoMare" di Alessandro Baricco. Non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy.
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email lalocandadeilibri@libero.it. Saranno immediatamente rimossi.
L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Ringraziamo il sito www.web-link.it da cui abbiamo tratto lo sfondo.
La legge sul diritto di autore (633/1941) come modificata dal d.lgsl. 68/2003, prevede all'articolo 70 che: "Il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o di parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi se effettuati per uso di critica o di discussione, nei limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all'utilizzazione economica dell'opera; se effettuati a fini di insegnamento o di ricerca scientifica l'utilizzo deve inoltre avvenire per finalità illustrative e per fini non commerciali."