martedì 20 ottobre 2015

La ragazza del cinema di Marguerite Duras


1914-2014. Per il centenario della nascita di Marguerite Duras, Del Vecchio Editore pubblica "La ragazza del cinema", volume che contiene due sceneggiature, due racconti con struttura cinematografica: un inedito, "Il camion", si accosta in un unico piano–sequenza al più noto "Agatha" la conferma della coerenza e dell’acutezza di una grande osservatrice dell’umanità. Nei testi, la struttura cinematografica conferisce ancora maggior densità alle parole, che diventano il sottofondo musicale del tempo che scorre.

In "Agatha" un uomo ritrova la sorella che non vede da anni, nella casa al mare. Si svela pian piano il ricordo delle estati da adolescenti, dell’inquieto desiderio che aleggiava tra i due, intessuto della voglia di partire, di andare via. Un impeto incestuoso narrato come un amore puro e irrealizzabile, vissuto come assoluto, al limite della realtà possibile. L’azione de "Il camion" si svolge tutta in una stanza: Gérard Depardieu e Marguerite Duras leggono la storia di una donna che ogni sera si fa dare un passaggio su un camion diverso e ogni sera racconta all’autista, che non la ascolta mai, la sua vita, per la prima volta. Tra i due personaggi, in salotto, le storie sembrano acquisire forma materiale insieme alla donna che le narra, in una tensione irrisolta e terribilmente perturbante.


"La ragazza del cinema" è un piccolo libro, un gioiello letterario da collezione, soprattutto per chi ama l'acuta ed ingegnosa penna della straordinaria Duras, autrice del più famoso romanzo "L'Amante", in gran parte autobiografico, e del film omonimo, ad esso ispirato, diretto da Jean Jacques Annaud.
Il film, così come il libro, narra di una relazione sessuale illecita tra una ragazzina francese, sottoposta alla madre, ed un facoltoso trentenne cinese, sottoposto al padre. La vicenda si snoda intorno agli scenari stupendi della foce del fiume Mekong e le vie trafficate di Saigon, nell'Indocina francese degli anni trenta.
"L'amante" fu pubblicato nel 1984, ebbe uno straordinario successo che trasformò la Duras, fino ad allora apprezzata dall'elite colta, in una scrittrice amata dal grande pubblico. Quando lo scrisse aveva dunque 70 anni.

"Marguerite Duras racconta e medita su ciò che racconta, senza preoccuparsi della trama: la trama per lei è il filo profondo del discorso, dove il tempo procede per strappi, come se bucasse un vuoto o illuminasse un paesaggio che veniamo a scoprire frammento dopo frammento." 
da "Memorie di una lettrice notturna" di Elisabetta Rasy

Come scrive Sandra Petrignani nell'Introduzione (che personalmente ho adorato!) a "La ragazza del cinema": "il cinema di Duras è comunque qualcosa di speciale, di diverso da tutto quello che uno ha imparato sul cinema. La sceneggiatura non è mai rispettata, ogni scena sul set rinasce in modo anche molto distante da come era stata scritta. Perchè il film, nell'immaginario durassiano, è a sua volta un'opera letteraria, con leggi differenti, però, da quelle dello scrivere. (...) Il pubblico di Duras deve essere pronto a tutto, sia al cinema sia leggendola".

Ho letto testi teatrali, ma non avevo ancora mai affrontato una sceneggiatura cinematografica.
Si legge la storia, effettivamente, da un diverso punto di vista quando ci si approccia alla sceneggiatura cinematografica, il cui registro stilistico proietta il lettore sotto una luce diversa: è come se sotto i propri occhi si compisse la scena, per cui chi legge ne viene catturato e diviene protagonista anch'egli. Mi è piaciuto catapultarmi in questa lettura insolita, che mi ha donato una bellissima esperienza. Consiglio a chi volesse leggere "La ragazza del cinema", di leggere prima altri libri della Duras, per coglierne meglio l'essenza.

Pillole biografiche
Marguerite Donnedieu, in arte Marguerite Duras è nata in Indocina nel 1914,
è una delle più grandi intellettuali francesi del Novecento. Oltre che romanziera è stata regista e sceneggiatrice, e nelle sue opere ritrae con esattezza e passione l’infinito universo dei tipi umani. In tutti i suoi testi riecheggia la commistione di nostalgia e coraggio che la accompagnò per tutta la vita, dall’infanzia esotica, nei numerosi spostamenti, senza dimenticare l’esperienza intensa e dolorosa della guerra di resistenza, ma neanche la partecipazione alle contestazioni studentesche. Tra le sue opere, la più famosa rimane probabilmente il romanzo L’amante, dai tratti autobiografici, che le vale il PREMIO GONCOURT. Dopo le riprese del film tratto da quest’opera, però, la Duras pubblica un altro romanzo intitolato L’amante della Cina del Nord, nel quale rielabora l’intera vicenda. Scriverà continuamente: romanzi, racconti brevi, sceneggiature, pamphlet. Sembra turbinare tra gli eventi scortata da una ventata di energia inesauribile senza mai lasciarsi sfuggire l’occasione di riversare e riesaminare l’esperienza nei suoi testi. Gli ultimi anni della sua vita la vedono però solitaria nella sua casa di Parigi, in cui non ammette a visitarla quasi nessuno.

Titolo: La ragazza del cinema
Titoli originali: Agatha; Le camion
Editore: Del Vecchio editore
Traduttore: Angelo Molica Franco
Prefazione: Sandra Petrignani
ISBN: 9788861101005
Pagine: 120
Prezzo: € 13

Nessun commento:

Posta un commento

Scrivi cosa ne pensi...

I consigli di Nina Sankovitch

COME LEGGERE TUTTO IL GIORNO

Avere sempre un libro con te
Leggi mentre sei in attesa
Leggi mentre si mangia
Leggi durante l'allenamento
Leggere prima di dormire
Leggere prima di alzarsi dal letto
Leggi invece di aggiornare FB
Leggi invece di guardare la TV
Leggi invece di passare l'aspirapolvere
Leggi mentre passi l'aspirazione
Leggi con un gruppo di lettura
Leggi con il tuo bambino
Leggere con il vostro gatto
Leggi per il vostro cane
Leggere su un programma
Avere sempre un libro con te
di Nina Sankovitch

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Avvisi


Disclaimer per contenuti blog
"La Locanda dei Libri" prende ispirazione dalla Locanda Almayer del libro "OceanoMare" di Alessandro Baricco. Non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy.
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email lalocandadeilibri@libero.it. Saranno immediatamente rimossi.
L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Ringraziamo il sito www.web-link.it da cui abbiamo tratto lo sfondo.
La legge sul diritto di autore (633/1941) come modificata dal d.lgsl. 68/2003, prevede all'articolo 70 che: "Il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o di parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi se effettuati per uso di critica o di discussione, nei limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all'utilizzazione economica dell'opera; se effettuati a fini di insegnamento o di ricerca scientifica l'utilizzo deve inoltre avvenire per finalità illustrative e per fini non commerciali."