mercoledì 25 novembre 2015

"Jane Austen: i luoghi e gli amici" di Constance e Ellen G. Hill




E adesso come ve lo racconto questo libro stupendo?
Ci provo, ma credo che ogni parola ne contamini l'essenza perfetta.
Questo libro, scritto a quattro mani, racconta una storia straordinaria: il pellegrinaggio letterario (citando l'introduzione di Silvia Ogier) che intraprendono le sorelle Hill Constance, scrittrice ed Ellen, illustratrice, alla ricerca dei luoghi dove la grandiosa Jane Austen ha vissuto, ha amato, ha scritto, ha sognato.
E fin qui, penserete, forse, nulla di così eccezionale. E invece, miei cari e mie care, l'avventura che intraprendono queste due donne si svolge nel 1901, a bordo di un calesse, il country-chaise, "armate di penna e matita". Le prime due "Janeites" della Storia, potremmo definirle.
Ho amato tutto di questo libro: come è scritto, le illustrazioni all'interno, la copertina, l'introduzione, la sensazione netta di aver letto due storie, perchè vi è un racconto nel racconto: la vita della Austen che si intreccia con quella della scrittrice Costance Hill. Ed è bene che vi parli anche un pò di lei e di sua sorella Ellen.

Mary Constance Hill (1844-1929), nata a Edimburgo, ha vissuto nel sobborgo londinese di Hampstead sin da bambina. Scrittrice e biografa, nel 1917, in occasione del centenario della morte di Jane Austen, il 18 luglio 1917, insieme alla sorella Ellen (artista che ha illustrato quasi tutte le sue pubblicazioni) si recò a Chawton, nello Hampshire, dove si svolse una cerimonia di commemorazione durante la quale venne inaugurata una targa in onore della celebre scrittrice. Qualche anno prima, nel 1901, le due sorelle avevano compiuto un viaggio nei "luoghi" della "cara zia Jane", esperienza dalla quale prese vita la biografia "Jane Austen: i luoghi e gli amici".

ph qui
Le pagine corrono veloci e si viene catapultati nel magico mondo di Austenland, se siete delle appassionate Janeites dovete leggere questo libro. Un vero e proprio "viaggio sentimentale" che le lettrici-ammiratrici intraprendono per amore della Austen; il libro è davvero prezioso per via dei documenti riservati a cui le Hill ebbero accesso, come la biografia di Jane "Memoir" realizzata dal nipote James Edward, le lettere che l'autrice scrisse alla sorella Cassandra e l'incontro con i famigliari e gli amici di Jane.
Le informazioni che Costance Hill raccolse dal vivo durante il viaggio confluiscono in queste pagine, donandoci, quindi, un'opera di ricostruzione e narrazione lodevole, avvalendosi della complicità della sorella Ellen, illustratrice.
La ricerca biografica conduce queste due donne a realizzare un sogno che credevano impossibile, pertanto c'è un sentore di gioia effervescente e di rincuorante fiducia che trapela dalle pagine e giunge chiaro a chi legge.
Un dato su cui riflettere è che Constance Hill pubblica questa biografia nel 1902, nel 1817 la Austen morì, pertanto le informazioni erano scarse, inoltre il nome di Jane Austen era stato reso noto soltanto dopo la pubblicazione postuma di Persuasione nel 1818, nonostante ciò la Hill continua la sua ricerca spinta dall'amore per la "cara zia Jane".


ph qui
"Proviamo a seguire la carrozza che porta Miss Jane Austen e Miss Catherine Bigg a Manydown Park. Ci sembrava di vederle svoltare dalla strada principale che proviene da ovest, arrampicarsi sul declivio erboso e poi, dopo essere passate sotto a un viale di querce nodose, emergere in piena vista dell'elegante antica dimora di Manydown, con il suo maestoso cedro al lato che forse, in quel periodo, poteva brillare per i cristalli di ghiaccio o per una leggera spolverata di neve"

Lo stile narrativo è una carezza, sembra che la scrittrice ci accompagni per mano in quei luoghi, ce li descrive con minuzia di particolari, ci sembra di stare lì, in quel tempo, di sentire l'odore dei tè dei salotti inglesi, di passeggiare accanto alla Austen, vivere le sue emozioni e vivere l'entusiasmo delle scoperte che fa l'autrice. Un diario di viaggio denso di imprevisti, attimi di serendipità*, intuizioni tipicamente femminili, le parole della stessa Austen tratte dai romanzi e dalla lettere oltre che dalle testimonianze di chi ha avuto il grande privilegio di conoscerla.
Mi è dispiaciuto finire il libro, avrei voluto durasse ancora un pò, che mi tenesse ancora compagnia. Volta l'ultima pagina, il primo pensiero è stato quello di comprare un biglietto aereo per l'Inghilterra e fare lo stesso itinerario delle Hill. Scommetto che quando lo leggerete proverete la stessa sensazione.

Buona lettura!

* Serendipità:  un neologismo che indica la fortuna di fare felici scoperte per puro caso e, anche, il trovare una cosa non cercata e imprevista mentre se ne stava cercando un'altra.


P.S.: Naturalmente mi sono dedicata anche alla lettura dell'opera più famosa della Austen, "Orgoglio e pregiudizio", sulla quale non credo si debba aggiungere altro, se non che mi è piaciuto molto.

2 commenti:

  1. Ciao, sono una vostra nuova lettrice. Questo libro mi ha entusiasmato! Lo voglio assolutamente, finisce dritto nella mia wish list. Grazie per l'ottimo consiglio!
    Paola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Paola!
      Sono felice di averti trasmesso il mio entusiasmo.
      E' un meraviglioso viaggio alla scoperta della Austen, quando lo leggerai fammi sapere Se sei interessata, c'è anche la pagina FB
      https://www.facebook.com/LaLocandadeiLibridiLena/

      A presto,
      Lena

      Elimina

Scrivi cosa ne pensi...

I consigli di Nina Sankovitch

COME LEGGERE TUTTO IL GIORNO

Avere sempre un libro con te
Leggi mentre sei in attesa
Leggi mentre si mangia
Leggi durante l'allenamento
Leggere prima di dormire
Leggere prima di alzarsi dal letto
Leggi invece di aggiornare FB
Leggi invece di guardare la TV
Leggi invece di passare l'aspirapolvere
Leggi mentre passi l'aspirazione
Leggi con un gruppo di lettura
Leggi con il tuo bambino
Leggere con il vostro gatto
Leggi per il vostro cane
Leggere su un programma
Avere sempre un libro con te
di Nina Sankovitch

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Avvisi


Disclaimer per contenuti blog
"La Locanda dei Libri" prende ispirazione dalla Locanda Almayer del libro "OceanoMare" di Alessandro Baricco. Non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy.
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email lalocandadeilibri@libero.it. Saranno immediatamente rimossi.
L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Ringraziamo il sito www.web-link.it da cui abbiamo tratto lo sfondo.
La legge sul diritto di autore (633/1941) come modificata dal d.lgsl. 68/2003, prevede all'articolo 70 che: "Il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o di parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi se effettuati per uso di critica o di discussione, nei limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all'utilizzazione economica dell'opera; se effettuati a fini di insegnamento o di ricerca scientifica l'utilizzo deve inoltre avvenire per finalità illustrative e per fini non commerciali."