Pezzi di vita

Pezzi di vita

martedì 17 novembre 2015

La custode del miele e delle api di Cristina Caboni


Ho perso la strada. 
Ma l'erica mi dona coraggio. 
Con l'acacia ritrovo la forza.
Perché il miele è la mia casa.




Trama
Angelica non è mai riuscita a mettere radici. Non ha mai voluto legarsi a niente e nessuno, sempre pronta a fuggire da tutto per paura. C'è un unico posto dove si sente a casa, ed è tra le sue api. Avvolta dal quieto vibrare delle loro ali e dal profumo intenso del miele che cola dalle arnie, Angelica sa di essere protetta e amata. E' un'apicoltrice itinerante e il miele è la sola voce con cui riesce a far parlare le sue emozioni. Perché il miele di lavanda può calmare un animo in tempesta e quello di acacia può far ritrovare il sorriso. E Angelica sa sempre trovare quello giusto per tutti, è il suo dono speciale. A insegnarglielo è stata Margherita, la donna che le ha fatto da madre durante l'infanzia, quando viveva su un'isola spazzata dal vento al largo della Sardegna. Dopo essere stata portata via da lì, Angelica ha chiuso il suo cuore e non è più riuscita a fermarsi a lungo in nessun luogo. Ma adesso il destino ha deciso di darle un'altra possibilità. C'è un'eredità che l'aspetta là dove tutto è cominciato, su quell'isola dove è stata felice. C'è una casa che sorge fra le rose più profumate, un albero che nasconde un segreto prezioso e un compito da portare a termine. E c'è solo una persona che può aiutarla: Nicola. Un uomo misterioso, ma che conosce tutte le paure che si rifugiano nei grandi occhi di Angelica. Solo lui può curare le sue ferite, darle il coraggio e, finalmente, farle ritrovare la sua vera casa. L'unico posto dove il cuore può essere davvero libero.

"Miele di girasole (Heliantus annuus)
img qui
Il suo profumo è di fieno, di frutta dolce ed esotica. E' il miele della passione e della sensualità. Inebria i sensi e apre il cuore. E' dorato come il colore che il sole dipinge sui petali del fiore da cui nasce-
La sua cristallizzazione è fine."

La cosa che più mi è piaciuta di questo libro è l'inno alla Natura e al mondo che la circonda, fatto di animali, insetti e piante. Una lettura piacevole e molto evocativa:
ogni capitolo è dedicato ad un tipo di miele e le varie descrizioni hanno il magico potere di far arrivare gli odori alle narici di chi legge.
Davanti ai nostri occhi ecco i paesaggi incantevoli descritti dall'autrice, sembra di poterli toccare con un dito, vivere lì con i protagonisti, dare spazio alle riflessioni.

"Esiste davvero qualcosa di semplice quando affrontiamo quello che ci preoccupa? No, non credo. L’unica cosa certa è che tenendoci tutto dentro non riusciremo mai a vedere il problema per ciò che è realmente. Lo coveremo, lo custodiremo, e lui si nutrirà delle nostre paure diventando sempre più grande, più spaventoso."

Cristina Caboni - La custode del miele e delle api, pag. 50

Mi è piaciuta anche la narrazione in sè, non banale e con qualche colpo di scena che cattura l'attenzione. La scrittura è poetica, rilassa, è un libro che si lascia leggere e scoprire, scritto molto bene, le parole, ho notato, sono scelte con maestria, e ciò che ne risulta è una storia armoniosa ricca di emozioni. Nonostante il titolo, vorrei rassicurare coloro che me l'hanno chiesto che non si tratta di un libro "smielato", parla piuttosto, come si legge dalla trama, della rinascita di Angelica che dovrà imbattersi in se stessa per rivoluzionare la propria vita.
Ci riuscirà? A voi il piacere di scoprilo.
Buona Lettura!

"Ricordati sempre che gli altri siamo noi. E  che una donna deve sempre aiutare un'altra donna, perchè è sua sorella"


Pillole biografiche
Cristina Caboni vive con il marito e i tre figli in provincia di Cagliari, dove si occupa dell'azienda apistica di famiglia. È l'autrice de Il sentiero dei profumi, bestseller venduto in tutto il mondo, adorato dai lettori e dalla stampa, che ha conquistato la vetta delle classifiche italiane e straniere.

Nessun commento:

Posta un commento

Scrivi cosa ne pensi...

I consigli di Nina Sankovitch

COME LEGGERE TUTTO IL GIORNO

Avere sempre un libro con te
Leggi mentre sei in attesa
Leggi mentre si mangia
Leggi durante l'allenamento
Leggere prima di dormire
Leggere prima di alzarsi dal letto
Leggi invece di aggiornare FB
Leggi invece di guardare la TV
Leggi invece di passare l'aspirapolvere
Leggi mentre passi l'aspirazione
Leggi con un gruppo di lettura
Leggi con il tuo bambino
Leggere con il vostro gatto
Leggi per il vostro cane
Leggere su un programma
Avere sempre un libro con te
di Nina Sankovitch

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Avvisi


Disclaimer per contenuti blog
"La Locanda dei Libri" prende ispirazione dalla Locanda Almayer del libro "OceanoMare" di Alessandro Baricco. Non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy.
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email lalocandadeilibri@libero.it. Saranno immediatamente rimossi.
L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Ringraziamo il sito www.web-link.it da cui abbiamo tratto lo sfondo.
La legge sul diritto di autore (633/1941) come modificata dal d.lgsl. 68/2003, prevede all'articolo 70 che: "Il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o di parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi se effettuati per uso di critica o di discussione, nei limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all'utilizzazione economica dell'opera; se effettuati a fini di insegnamento o di ricerca scientifica l'utilizzo deve inoltre avvenire per finalità illustrative e per fini non commerciali."