Affinità

Affinità
“Talvolta penso che il paradiso sia leggere continuamente, senza fine.” - Virginia Woolf

venerdì 22 gennaio 2016

"La famiglia che perse tempo" di Maurizio Salabelle

"La famiglia che perse tempo" di Maurizio Salabelle è uno di quei libri poco in vista che, secondo me, merita di essere riscoperto e ringrazio la casa editrice Quodlibet per averlo pubblicato (nella speranza che pubblicherà anche le altre opere dell'autore). 

Un romanzo metafisico, irreale e a tratti anche comico, la famiglia di Salabelle è una famiglia folle, bislacca, ipocondriaca, ossessionata da orologi, libretti, fasi grige e sonnolenza. La prima malattia scrupolosamente documentata è denominata "Periodo del tempo veloce" e consiste nella circostanza che il tempo del padre è più veloce di quello dei suoi familiari. Seguono tante altre paranoie, alle quali la famiglia cerca di dare un senso e una soluzione: la "perdita di periodi", la "fuoriuscita di tempo", "il «male della dimenticanza", il "sonno nero"  ed altre. Tutti questi espedienti narrativi faranno comprendere al lettore che questa evidente stranezza è solo frutto di un bisogno non manifestato di dialogare il proprio malessere esistenziale (Salabelle ci racconta bene il suo tempo, gli anni Ottanta).
Non è quindi un caso che in epigrafe vi sia una frase tratta da La coscienza di Zeno di Italo Svevo:  “quella malattia mi procurò il secondo dei miei disturbi: lo sforzo di liberarmi dal primo”


Nella scrittura salabbelliana, la linea di confine tra il mondo dei significanti e quello dei significati è labile, si confonde, cioè l'allusivo e l'ovvietà sono raccontati con trasparente chiarezza, tanto che non è possibile distinguerli, le metafore e le analogie sono esse stesse significati, pertanto l'irreale e il reale si intrecciano con maestria.
L'ironia dell'autore mi ha irretita, perchè mai banale nè accentuata, ma portatrice di riflessioni, infatti ho percepito, in queste righe che potrebbero sembrare, ad una prima impressione, semplicemente fantasiose, una velata quanto spietata sensazione di cruda realtà: il tempo che scorre inesorabile e che mostra tutti i difetti (ma anche i pregi, perchè no) dell'animo umano, a partire dalla prima organizzazione sociale alla quale apparteniamo tutti sin dalla nascita: la famiglia.

"La famiglia che perse tempo" è il primo romanzo che Salabelle ha scritto, alla fine degli anni Ottanta, fino ad oggi rimasto inedito, forse il più caratteristico della sua fantasia, è un romanzo ambizioso, dai profondi risvolti psicologici, che riesce a mantenere tale intenzione dalla prima all'ultima pagina, a mio avviso, mascherandosi di comicità per attutire lo struggimento. Salabelle ha infatti un modo di narrare unico, che per certi versi mi ricorda Italo Calvino, per l'originalità e il talento, e per altri, Franz Kafka, per la capacità di narrare la metamorfosi dell'interiorità umana e la capacità di far percepire al lettore la sensazione di indeterminatezza tipica di un evento surreale.
Un altro parallelo che questa lettura mi ha ispirato è il collegamento con un'opera che mi ha sempre affascinata: "La persistenza della memoria" di Salvador Dalì, nella quale il pittore con i suoi orologi molli, quasi liquefatti, fluidi, evidenzia la relatività e la flessibiltà del tempo, allo stesso modo Salabelle ci porta in un tempo e in uno spazio fuori dal comune, così come l'orologio rigido raffigurato da Dalì indica l'attività della mente vigile e lucida, e quelli fluidi descrivono lo stato della memoria quando è confusa, così disorientata sembra essere la famiglia di Salabelle nel vortice delle sue paranoie e preoccupazioni, nelle quali tutti possono immedesimarsi.
Ho letto questo libro con voracità e ho amato ogni personaggio, è stato come avventurarmi in un sogno dove tempo esterno e tempo interiore sono stati i veri protagonisti della scena, i membri della famiglia Grendy di Salabelle dettano i ritmi del tempo attraverso la propria evoluzione individuale di cui l'aspetto psicologico è messo in primo piano, e ad un'attenta lettura si percepisce come il tempo, con l'avanzare del progresso socio-economico, si sia "inquinato", di stress, di incomunicabilità, di perdita di valori e di conseguenza il microcosmo famiglia e, di riflesso, il macrocosmo società, si ammalano, si tormentano, si disperdono trincerandosi dietro i propri spettri ed allucinazioni.
Mi è dispiaciuto terminare il libro, avrei voluto non finisse mai. 
Bellissimo.

Pillole biografiche
Maurizio Salabelle (1959-2003) nasce a Cagliari nel 1959. All'età di sei anni si trasferisce in Toscana con la famiglia. Si laurea in Lettere all'Università di Firenze con una tesi di storia moderna.

La lettura e la scrittura sono state da sempre la sua grande passione.  Ha vissuto in Toscana, dove insegnava. Ha collaborato con bellissimi pezzi alla rivista «Il Semplice». Ha pubblicato Un assistente inaffidabile (Bollati Boringhieri, 1992), Il mio unico amico (Bollati Boringhieri, 1994), Il caso del contabile (Garzanti, 1999), L’altro inquilino (Casagrande, 2002), Il maestro Atomi (Comix, 2004).

Nessun commento:

Posta un commento

Scrivi cosa ne pensi...

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

I consigli di Nina Sankovitch

COME LEGGERE TUTTO IL GIORNO

Avere sempre un libro con te
Leggi mentre sei in attesa
Leggi mentre si mangia
Leggi durante l'allenamento
Leggere prima di dormire
Leggere prima di alzarsi dal letto
Leggi invece di aggiornare FB
Leggi invece di guardare la TV
Leggi invece di passare l'aspirapolvere
Leggi mentre passi l'aspirazione
Leggi con un gruppo di lettura
Leggi con il tuo bambino
Leggere con il vostro gatto
Leggi per il vostro cane
Leggere su un programma
Avere sempre un libro con te
di Nina Sankovitch

Avvisi


Disclaimer per contenuti blog
"La Locanda dei Libri" prende ispirazione dalla Locanda Almayer del libro "OceanoMare" di Alessandro Baricco. Non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy.
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email lalocandadeilibri@libero.it. Saranno immediatamente rimossi.
L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Ringraziamo il sito www.web-link.it da cui abbiamo tratto lo sfondo.
La legge sul diritto di autore (633/1941) come modificata dal d.lgsl. 68/2003, prevede all'articolo 70 che: "Il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o di parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi se effettuati per uso di critica o di discussione, nei limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all'utilizzazione economica dell'opera; se effettuati a fini di insegnamento o di ricerca scientifica l'utilizzo deve inoltre avvenire per finalità illustrative e per fini non commerciali."