mercoledì 3 febbraio 2016

"Volti nella folla" di Valeria Luiselli: un romanzo straordinario



“ Ci sono molte morti durante il corso di una vita.
La maggior parte delle persone non se ne accorge.
Crede che si muoia una volta soltanto. 
Ma basta fare un po' di attenzione per rendersi conto che si muore in continuazione”

Questo è uno di quei libri che ti incatenano alle pagine e ti inducono a trovare le parole migliori per poterne condividere l'essenza e comunicare agli altri, le sensazioni che ha suscitato la lettura.
Con "Volti nella folla" di Valeria Luiselli ci troviamo (come da quarta di copertina) a Città del Messico, qui una giovane donna, una Emily Dickinson del XXI secolo, con due figli piccoli e un marito che forse la tradisce, lotta per riconquistare un suo spazio fisico e mentale.
Scrive per ricordare di quando viveva a New York e lavorava come editor di una casa editrice alla ricerca di perle dimenticate della letteratura latinoamericana.
Un giorno, nella biblioteca della Columbia University, scopre che negli anni Venti il poeta messicano Gilberto Owen aveva vissuto a pochi isolati da casa sua.
Da quel momento in poi ciò che prima era semplice interesse diventa un'ossessione e il fantasma di Owen si trasforma da fugace visione a presenza costante nella sua vita.
Il poeta e la ragazza si cercano nello spazio oscuro delle gallerie della metropolitana dove entrambi viaggiano, o hanno viaggiato, tra realtà e finzione.

ph qui
"Volti nella folla" è l'esordio letterario della Luiselli (probabilmente la sua biografia romanzata, ha scritto anche "Carte false", raccolta di racconti), grazie al quale l'autrice è stata additata come erede di Roberto Bolaño (1953-2003), uno dei maggiori esponenti della letteratura non solo cilena, ispanoamericana, ma di caratura internazionale.
Questo romanzo è sicuramente un atto rivoluzionario perchè prende le distanze da due contesti socio-letterari, tipici dell'ambiente messicano: il libro sicuramente si discosta dalla cosiddetta narconovela, ossia il riferimento al narcotraffico e alla vita malavitosa spesso "celebrata", a fini commerciali, anche in serie televisive (pure in Italia), che ritraggono lo strato più rozzo della società,  e si distanzia anche dal realismo magico (che personalmente gradisco molto, vedi Garcìa Màrquez, Rulfo, Asturias, Allende...).
Questo è un dato confortante, perchè finalmente da quella terra, il Messico, arrivano voci e modi nuovi a raccontarla, anche se, devo sottolinearlo, una rarefatta fragranza legata al realismo magico è comunque presente, viene ad ammantarne le pagine, ma la scrittrice inserisce tali elementi letterari in modo sottile, lo fa sembrare casuale, non lo forza, nascono con naturalezza dalla storia stessa, intanto noi leggiamo, non ce ne accorgiamo eppure è lì: il realismo magico si è insinuato nel nostro animo, presentato però in maniera originale, diversa, con maestria, senza languide leziosità nè effetti teatrali (di cui, tra l'altro, il realismo magico, quello puro, di vecchia scuola, non necessita).
Un tratto distintivo di queste righe è anche la propensione della protagonista ad un certo nomadismo, non intendo geografico, ma sentimentale che la spinge ad aver esperienze di vita variegate, a tratti surreali e connotate dalla provvisorietà. I gesti stilistici adoperati dalla Luiselli meriterebbero di sicuro una profonda attenzione, ma posso dire in breve che la scelta di creare un collegamento tra passato (ossia la vita a New York della protagonista che lavora come traduttrice e agente letteraria per una casa editrice) e presente (ossia la vita della protagonista come moglie, mamma e scrittrice a Città del Messico) è stato un azzardo ben riuscito. Nonostante questa discrasia temporale, la narrazione non è per niente frammentaria, anzi aumenta la fame letteraria di chi legge e non risulta dispersiva. A incrementare questa curiosità è la marcata tendenza della protagonista al citazionismo letterario che ho apprezzato molto e all'inserimento di racconti, credo, autobiografici.
La Luiselli ha saputo creare una connessione tra il passato e il presente dell'anticonformista protagonista facendocene apprezzare il mondo psichico, le virtù come le ombre, senza però indugiare nel flusso di coscienza, ma rendendolo, invece, minimal ed incisivo: a volte occorrono poche parole, ma precise per esprimere un concetto e, soprattutto, per farlo ricordare, a mio avviso, e l'autrice riesce in tale scopo. Persino quello che non si dice ha il suo senso in questo libro. Un libro fatto di dettagli, fantasmi, odor di tamales, rumori di treni e di strade, versi poetici, voci di bambini, fruscìo di pagine, volti nella folla.
Ho amato la maniera dell'autrice di costruire, senza forzature, i pensieri e le azioni dei vari personaggi, lo spazio e il tempo della narrazione, il modo di modellare i personaggi stessi e presentandoceli in tutta la loro realtà, senza veli, attraverso una scrittura tagliente, cruda, diretta e raffinata.
I temi affrontati sono vari: il valore della lettura e l'influenza che gli scrittori hanno sulla nostra vita, l'importanza di fare delle scelte, il coraggio di guardare in fondo a se stessi e rinascere ogni volta se ne presenti la necessità, i rapporti interpersonali e la loro evoluzione (o involuzione), l'importanza della scrittura come modo di esprimersi.
Un gran bel capolavoro letterario.

ph qui

Pillole biografiche
Valeria Luiselli è nata nel 1983 a Città del Messico ma, per una serie di strane coincidenze, ha la residenza a Venezia e New York. Ha collaborato con giornali e riviste come The New York Times, Letras Libres, Etiqueta Negra e Internazionale. Nel 2010 ha pubblicato la raccolta di saggi e reportage Carte false, considerata uno dei migliori libri dell'anno. Attualmente vive a New York e partecipa regolarmente a progetti multidisciplinari che uniscono danza, teatro e arti plastiche. Volti nella folla, suo romanzo d'esordio, è stato tradotto nelle maggiori lingue europee.


SCHEDA TECNICA DEL LIBRO
Titolo originale:
Titolo:  Volti nella folla
Autrice: Valeria Luiselli
Traduttrice: Elisa Tramontin
Pagine: 176
Prezzo: € 16,50
ISBN: 9788883732010

Nessun commento:

Posta un commento

Scrivi cosa ne pensi...

I consigli di Nina Sankovitch

COME LEGGERE TUTTO IL GIORNO

Avere sempre un libro con te
Leggi mentre sei in attesa
Leggi mentre si mangia
Leggi durante l'allenamento
Leggere prima di dormire
Leggere prima di alzarsi dal letto
Leggi invece di aggiornare FB
Leggi invece di guardare la TV
Leggi invece di passare l'aspirapolvere
Leggi mentre passi l'aspirazione
Leggi con un gruppo di lettura
Leggi con il tuo bambino
Leggere con il vostro gatto
Leggi per il vostro cane
Leggere su un programma
Avere sempre un libro con te
di Nina Sankovitch

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Avvisi


Disclaimer per contenuti blog
"La Locanda dei Libri" prende ispirazione dalla Locanda Almayer del libro "OceanoMare" di Alessandro Baricco. Non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy.
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email lalocandadeilibri@libero.it. Saranno immediatamente rimossi.
L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Ringraziamo il sito www.web-link.it da cui abbiamo tratto lo sfondo.
La legge sul diritto di autore (633/1941) come modificata dal d.lgsl. 68/2003, prevede all'articolo 70 che: "Il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o di parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi se effettuati per uso di critica o di discussione, nei limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all'utilizzazione economica dell'opera; se effettuati a fini di insegnamento o di ricerca scientifica l'utilizzo deve inoltre avvenire per finalità illustrative e per fini non commerciali."