domenica 6 marzo 2016

"Carte false" di Valeria Luiselli

Dopo lo straordinario romanzo "Volti nella folla" (recensione qui), ritorno a leggere la scrittura ipnotica di Valeria Luiselli con la sua raccolta di racconti "Carte false".
Scrivere un racconto è un'opera di miniaturismo: non è semplice scrivere ad arte una storia focalizzando l'interesse sui dettagli, scrivere un racconto è un impegno al quale alcuni scrittori si cimentano sempre con un pò di ritrosia, perchè è difficile enucleare in poche pagine, una storia che possa dare una parvenza di completezza, mentre nel romanzo c'è modo di diluire il discorso.
La Luiselli, erede letteraria di Bolaño, mi ha stupita anche questa volta, i suoi racconti li rileggo con piacere, apro il libro a caso e ricomincio a leggere il racconto in questione.
Si tratta di 10 racconti uno più bello dell'altro, per originalità dei temi trattati e per il modo di scrivere dell'autrice che è tagliente, ma anche poetico, senza fronzoli, una scrittura talentuosa.
La scrittrice messicana fa in modo che il livello d'attenzione del lettore sia costantemente alto e che la curiosità sia sempre un fuoco vivo, cosa fondamentale in un libro di racconti.
Ogni racconto affronta un tema diverso: dal turismo necrologico culturale alla cartografia, dall'attività del camminare all'andare in bicicletta, dai fiumi all'architettura, dal senso del luogo, dell'appartenere ad un posto al riempire gli spazi fisici e mentali, dai traslochi al piacere di riordinare i libri trovando perle letterarie dimenticate negli angoli della libreria.
Di narrazione in narrazione, l'animo del lettore si arricchisce di aneddoti, pensieri, riflessioni linguistiche e filosofiche, citazioni, versi poetici. Ogni racconto è cesellato in maniera sublime, a mio avviso, e ho trovato il filo rosso che li unisce: la malinconia. Ogni pagina è narrata come fosse un ricordo, almeno io ho percepito questa sensazione: come trovarsi con un piede nel passato ed uno nel presente, e lo sguardo volto verso cieli futuri. La malinconia sì, quell'emozione indefinibile che ha un suo non-tempo, una sua maniera di essere percepita, ma che ha come essenza unica la vaga tristezza, la definirei una nostalgia malinconica di chi aspetta un ritorno o volge il pensiero a quello che fu. C'è sempre il risvolto psicologico in agguato, il mettere il lettore dinanzi a se stesso, ai propri fantasmi, alle proprie paure, ma anche alle proprie inclinazioni e ai propri sogni.
La Luiselli scrive in prima persona come se raccontasse di se stessa, adoro la sua maniera di narrare (non finirò mai di ripeterlo, di scriverlo).
Pagine intrise anche di freschezza, di Messico, di ricordi, di passi nei quali il lettore potrà certamente trovare se stesso, di novità da scoprire, di fotografie di volti (La Duras, nelllo specifico) ritagliati dal giornale, di storie da leggere d'un fiato e portarsi dietro a lungo.
Ho anche scoperto che alla Luiselli il concetto del volto piace particolarmente.
Non vedo l'ora di leggere altre sue opere, in attesa che scriva altri libri, vi lascio una delle innumeravoli citazioni sottolineate.


"Lo sguardo - che non è altro che un'estensione della mente - si compiace e si intrattiene riempiendo spazi. Può essere che questa inclinazione a riempire l'assenza, a completare l'incompletezza, sia una mera malformazione dell'animo umano"
.

Pillole biografiche
ph qui
Valeria Luiselli è nata nel 1983 a Città del Messico ma, per una serie di strane coincidenze, ha la residenza a Venezia e New York. Ha collaborato con giornali e riviste come The New York Times, Letras Libres, Etiqueta Negra e Internazionale. Nel 2010 ha pubblicato la raccolta di saggi e reportage Carte false, considerata uno dei migliori libri dell'anno. Attualmente vive a New York e partecipa regolarmente a progetti multidisciplinari che uniscono danza, teatro e arti plastiche. Volti nella folla, suo romanzo d'esordio, è stato tradotto nelle maggiori lingue europee.

Nessun commento:

Posta un commento

Scrivi cosa ne pensi...

I consigli di Nina Sankovitch

COME LEGGERE TUTTO IL GIORNO

Avere sempre un libro con te
Leggi mentre sei in attesa
Leggi mentre si mangia
Leggi durante l'allenamento
Leggere prima di dormire
Leggere prima di alzarsi dal letto
Leggi invece di aggiornare FB
Leggi invece di guardare la TV
Leggi invece di passare l'aspirapolvere
Leggi mentre passi l'aspirazione
Leggi con un gruppo di lettura
Leggi con il tuo bambino
Leggere con il vostro gatto
Leggi per il vostro cane
Leggere su un programma
Avere sempre un libro con te
di Nina Sankovitch

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Avvisi


Disclaimer per contenuti blog
"La Locanda dei Libri" prende ispirazione dalla Locanda Almayer del libro "OceanoMare" di Alessandro Baricco. Non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy.
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email lalocandadeilibri@libero.it. Saranno immediatamente rimossi.
L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Ringraziamo il sito www.web-link.it da cui abbiamo tratto lo sfondo.
La legge sul diritto di autore (633/1941) come modificata dal d.lgsl. 68/2003, prevede all'articolo 70 che: "Il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o di parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi se effettuati per uso di critica o di discussione, nei limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all'utilizzazione economica dell'opera; se effettuati a fini di insegnamento o di ricerca scientifica l'utilizzo deve inoltre avvenire per finalità illustrative e per fini non commerciali."