Pezzi di vita

Pezzi di vita

venerdì 21 ottobre 2016

"Il porto proibito" di Teresa Radice e Stefano Turconi










"La storia di un amore così puro 
da squarciare il velo della morte e il cuore di chiunque la legga" 



"Il porto proibito" (Edizioni Bao Publishing) è stato per me un'esperienza di lettura davvero diversa perchè è stata la mia prima corposa graphic novel (l'altra è "Blueberry girl" di Neil Gaiman e Tori Amos) , e no "non è roba da ragazzi" signore e signori, non è neppure definibile come fumetto in senso stretto: qui siamo in un ambito diverso, è un vero e proprio romanzo, ma la narrazione è strutturata principalmente per immagini (e naturalmente anche in dialoghi) che ho trovato curate nei minimi dettagli e che mi hanno appassionato incredibilmente.
All'inizio ero un pò scettica, ma mi sono ricreduta subito: è stato troppo bello leggere un così bel racconto: sono dell'avviso che in fatto di lettura non bisogna avere pregiudizi, bensì lanciarsi in nuove avventure.

Questa è una "ballata per vecchi marinai" è una storia che profuma di salsedine, racconta di traversate in mare e d'amore:

"Nell'estate del 1807, una nave della marina di Sua Maestà recupera al largo del Siam un giovane naufrago, Abel, che di sé ricorda soltanto il nome. Diventa ben presto amico del primo ufficiale, facente funzioni di capitano perché il comandante della nave è, a quanto pare, scappato dopo essersi appropriato dei valori presenti a bordo. 
Abel torna in Inghilterra con l'Explorer, e trova alloggio presso la locanda gestita dalle tre figlie del capitano fuggiasco. Ben prima che gli possa tornare la memoria, però, scoprirà qualcosa di profondamente inquietante su di sé, e comprenderà la vera natura di alcune delle persone che lo hanno aiutato."

Una storia intensa ed avvincente, per niente stucchevole, che mi ha arricchito l'animo ed è questo ciò che ricerco in un libro: la sua capacità di farmi vedere oltre, di donarmi emozioni. Ho amato il mondo in cui le storie sono intrecciate tra loro, la trama mi ha irretita, vi affezionerete di certo ad Abel, il nostro protagonista, il ragazzo naufrago che perde la memoria.
"Il porto proibito" è una storia che profuma di attese, di quell' "attesa stagnante che ammorba i corpi, avvelena i pensieri...", una storia di intrighi e complotti, di amore e pirati, vi sorprenderà. La narrazione ha un ritmo incalzante che vi terrà alta l'attenzione fino all'ultima pagina. Approderete, insieme ad Abel, sulla terra ferma dell'Inghilterra dell'Ottocento e di sicuro con un bagaglio colmo di belle riflessioni: in fondo nel mare della vita ognuno affronta le proprie tempeste e cerca di farvi fronte nel modo migliore possibile.
Un libro che consiglio a tutti.



Pillole biografiche
Teresa Radice e Stefano Turconi nascono entrambi nella Grande Pianura, a metà degli anni ’70… ma s’incontrano solo nel 2004, grazie a un topo dalle orecchie a padella e a una pistola spara-ventose. Lei, per vivere, scrive storie; lui le disegna. Si piacciono subito, si sposano l’anno seguente. Scoprendosi a vicenda viaggiatori curiosi, lettori onnivori e sognatori indomabili, partono alla scoperta di un bel po’ di mondo, zaino e scarponi. Dal camminare insieme al raccontare insieme il passo è breve. Le prime avventure a quattro mani sono per le pagine del settimanale Disney “Topolino”: arrivano decine di storie, tra le quali la serie anni ’30 in 15 episodi Pippo Reporter (2009-2015), Topolino e il grande mare di sabbia (2011), Zio Paperone e l’isola senza prezzo (2012), Topinadh Tandoori e la rosa del Rajasthan (2014) e l’adattamento topesco de L’Isola del Tesoro di R.L.Stevenson (2015). Nel 2011 si stabiliscono nella Casa Senza Nord – a 10 minuti di bici dalle Fattorie, a 20 minuti a piedi dal Bosco, a mezz’ora di treno dal Lago – e piantano i loro primi alberi. Nel loro Covo Creativo, i cassetti senza fondo straripano di progetti: cose da fare, posti da vedere, facce da incontrare. Nel 2013 esce Viola Giramondo (Tipitondi Tunué, Premio Boscarato 2014 come miglior fumetto per bambini/ragazzi, pubblicato in Francia da Dargaud). I frutti più originali della loro ormai decennale collaborazione hanno gli occhi grandi e la testa già piena di storie. I loro nomi sono Viola e Michele.


1 commento:

  1. Ogni tanto torno a fare un giro su questa piattaforma <3 Ti lascio un saluto <3

    RispondiElimina

Scrivi cosa ne pensi...

I consigli di Nina Sankovitch

COME LEGGERE TUTTO IL GIORNO

Avere sempre un libro con te
Leggi mentre sei in attesa
Leggi mentre si mangia
Leggi durante l'allenamento
Leggere prima di dormire
Leggere prima di alzarsi dal letto
Leggi invece di aggiornare FB
Leggi invece di guardare la TV
Leggi invece di passare l'aspirapolvere
Leggi mentre passi l'aspirazione
Leggi con un gruppo di lettura
Leggi con il tuo bambino
Leggere con il vostro gatto
Leggi per il vostro cane
Leggere su un programma
Avere sempre un libro con te
di Nina Sankovitch

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Avvisi


Disclaimer per contenuti blog
"La Locanda dei Libri" prende ispirazione dalla Locanda Almayer del libro "OceanoMare" di Alessandro Baricco. Non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy.
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email lalocandadeilibri@libero.it. Saranno immediatamente rimossi.
L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Ringraziamo il sito www.web-link.it da cui abbiamo tratto lo sfondo.
La legge sul diritto di autore (633/1941) come modificata dal d.lgsl. 68/2003, prevede all'articolo 70 che: "Il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o di parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi se effettuati per uso di critica o di discussione, nei limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all'utilizzazione economica dell'opera; se effettuati a fini di insegnamento o di ricerca scientifica l'utilizzo deve inoltre avvenire per finalità illustrative e per fini non commerciali."