Affinità

Affinità
“Talvolta penso che il paradiso sia leggere continuamente, senza fine.” - Virginia Woolf

lunedì 10 ottobre 2016

"Tumbas. Tombe di poeti e pensatori" di Cees Nooteboom

Ho divorato questo libro nel giro di due giorni, come non mi capitava da tanto tempo. Sin dall'Incipit (potete scaricarlo cliccando qui) ho avuto la sensazione che sarebbe stato uno di quei libri che avrei serbato nel cuore tra quelli più amati. E così è stato. Il mio fiuto letterario non mi ha mai delusa.

«La maggior parte dei morti tace. Per i poeti non è così. I poeti continuano a parlare.(...)
Chi ha scritto quelle parole era già morto, ma le parole vivevano ancora. Potevi recitarle ad alta voce, come le pronunciava l'altro. Per questo sei venuto qui: per ascoltare di nuovo quelle parole nel silenzio della morte»

Cees Nooteboom, classe 1933 nato all’Aia, autore di romanzi, poesie, saggi, opere teatrali e resoconti di viaggio è uno dei più importanti autori europei contemporanei.
Nel corso della lettura di "Tumbas. Tombe di poeti e pensatori" (Iperborea) ho desiderato partire alla ricerca delle tombe dei letterati che più amo, tra quelli scelti da Nooteboom, e intraprendere in tal modo una sorta di turismo necrologico intellettuale (come scrive Valeria Luiselli ne il suo "Carte false"), per rendere grazie a coloro che con le loro opere, con le loro parole sono stati e continuano ad essere fonte di ispirazione, conforto e bellezza per milioni di persone.

Sulla tomba di Virginia Woolf lascerei un diario nuovo, su quella di Baudelaire una bottiglia di pregiato vino rosso, su quella di Proust delle profumate Madeleine, a Neruda un fascio di rosse rosse, a Calvino un mazzo di tarocchi per nuove storie e così via. Portare loro un fiore, un dono, ricambiare un pensiero. Ho avuto anche il forte desiderio di leggere e rileggere alcune opere, ho appuntato nuovi titoli, letto e trascritto citazioni.

Dalla quarta di copertina:
L'autore nel corso di trent’anni di viaggi per il mondo e attraverso i cieli della letteratura, ha visitato le tombe dei grandi scrittori e filosofi che lo hanno segnato, raccogliendo quello che, dietro una lapide di marmo hanno ancora da raccontare.  
Ogni tomba è un lampo sul mondo dello scrittore che la occupa, rievocando una poesia, un frammento di vita o di libro, ispirando folgoranti riflessioni e inattesi collegamenti, in un appassionante pellegrinaggio indietro e avanti nella storia della letteratura e del pensiero, che con Nooteboom diventa una meditazione poetica sull’uomo, il tempo e l’arte. Mentre a ogni pagina cresce il desiderio di andare a leggere e rileggere le opere dei suoi cari immortali.

La potenza delle loro parole ha creato un legame potente con chi le legge, che va oltre la presenza fisica di chi le ha scritte, valica confini spaziali e temporali, l'incanto delle parole resta in noi in eterno e leggendo Tumbas ho avuto appunto tale conferma.
Nooteboom ha reso loro omaggio e gratitudine, e ha donato a noi lettori un capolavoro.
Di narrazione in narrazione, l'animo del lettore si arricchisce di aneddoti, pensieri, riflessioni.
Pochissime certezze ho nella vita, tra queste: leggere tutti i libri di Nooteboom [e di Borges].


Pillole biografiche

Autore di romanzi, poesie, saggi e libri di viaggio, è ritenuto «una delle voci più alte nel coro degli autori contemporanei» (The New York Times), tradotto in più di trenta paesi e insignito di numerosi premi letterari, paragonato dalla critica a Borges, Calvino e Nabokov. Nato all’Aia ed eterno viaggiatore, si è rivelato a soli ventidue anni con Philip e gli altri e ha raggiunto il successo internazionale con romanzi come Rituali e Il canto dell’essere e dell’apparire. Tra le ultime sue opere pubblicate da Iperborea, Le volpi vengono di notte, Avevo mille vite e ne ho preso una sola e Tumbas.

photo qui http://xn--e1anemciz.xn--p1ai/cees-nooteboom.php

Bibliografia di Cees Nooteboom

Lettere a Poseidon, Iperborea, 2013

Il suono del suo nome. Viaggi nel mondo islamico, Ponte alle Grazie, 2012

Avevo mille vite e ne ho presa una sola, Iperborea, 2011

Le volpi vengono di notte, Iperborea, 2010

Perduto il Paradiso, Iperborea, 2006

Philip e gli altri, Iperborea, 2005

Le porte della notte, Edizioni del Leone, 2003

Hotel Nomade, Feltrinelli, 2003

Il giorno dei morti, Iperborea, 2001

La storia seguente, Iperborea, 2000

Mokusei, Iperborea, 1994

Verso Santiago. Itinerari spagnoli, Feltrinelli, 1994

Rituali, Iperborea, 1993

Il canto dell'essere e dell'apparire, Iperborea, 1991

Nessun commento:

Posta un commento

Scrivi cosa ne pensi...

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

I consigli di Nina Sankovitch

COME LEGGERE TUTTO IL GIORNO

Avere sempre un libro con te
Leggi mentre sei in attesa
Leggi mentre si mangia
Leggi durante l'allenamento
Leggere prima di dormire
Leggere prima di alzarsi dal letto
Leggi invece di aggiornare FB
Leggi invece di guardare la TV
Leggi invece di passare l'aspirapolvere
Leggi mentre passi l'aspirazione
Leggi con un gruppo di lettura
Leggi con il tuo bambino
Leggere con il vostro gatto
Leggi per il vostro cane
Leggere su un programma
Avere sempre un libro con te
di Nina Sankovitch

Avvisi


Disclaimer per contenuti blog
"La Locanda dei Libri" prende ispirazione dalla Locanda Almayer del libro "OceanoMare" di Alessandro Baricco. Non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy.
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email lalocandadeilibri@libero.it. Saranno immediatamente rimossi.
L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Ringraziamo il sito www.web-link.it da cui abbiamo tratto lo sfondo.
La legge sul diritto di autore (633/1941) come modificata dal d.lgsl. 68/2003, prevede all'articolo 70 che: "Il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o di parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi se effettuati per uso di critica o di discussione, nei limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all'utilizzazione economica dell'opera; se effettuati a fini di insegnamento o di ricerca scientifica l'utilizzo deve inoltre avvenire per finalità illustrative e per fini non commerciali."