Pezzi di vita

Pezzi di vita

giovedì 19 gennaio 2017

"Alchimia della fiaba" di Giuseppe Sermonti

Amo molto le fiabe, le tradizioni popolari, gli archetipi, la simbologia. "Alchimia della fiaba" di Giuseppe Sermoni (Lindau edizioni) è un libro affascinante che mi ha subito conquistata, sia per la tematica che per l'originalità.
L'autore rivitalizza il senso della fiaba, intesa come rappresentazione delle strutture profonde dell’Universo, come narrazione allegorica delle attività fondamentali dell’uomo, la caccia e l’agricoltura innanzitutto. In particolare, in quest’opera ormai classica – edita per la prima volta da Rusconi nel 1989 – Sermonti propone un’esegesi chimica (alchemica) di alcune delle fiabe più famose, da Biancaneve a Cappuccetto Rosso, a Cenerentola, e ne svela i significati perduti collegati all’estrazione e lavorazione dei metalli.
Una lettura devo dire per me insolita, originale, particolare nel suo genere e senza dubbio ne sono rimasta entusiasta: scoprire gli archetipi così ben trattati dall'autore, che ne coglie le sfumature con dovizia di particolari, i nessi tra gli elementi e il linguaggio, tra l'alchimia e le storie, come se la trasmutabilità dei metalli, e tutte le varie fasi del processo alchemico, tenessero per mano le fiabe, in un connubio che non ho avvertito come forzato, ma assolutamente plausibile, e proprio per questo affascinante perchè reale, infatti l'autore ha compreso che esiste un legame tra le leggi della Natura e il bisogno dell'uomo di narrare, la storia umana, attraverso la fiaba e le origini dei miti. Quali collegamenti ha Biancaneve con l'argento? E Cappuccetto Rosso e il mercurio?
E che nessi ci sono tra Cenerentola e Proserpina?
Come scrive nella Presentazione, Elémire Zolla riunendo i fili di miti e simboli appartenenti a varie culture, Sermonti ricerca nelle fiabe «le tre interpretazioni, la lunare, la chimica o alchemica, e la botanica, [che] si sovrappongono e compenetrano, perchè  i sempre uguali archetipi della metamorfosi si esprimono via via come luna nera, cava e piena; come pietra grezza, opera chimica e fulgore liberato; come seme, pianta crescente, fiore».
"Alchimia della fiaba" di Giuseppe Sermonti è un viaggio avvincente che vi travolgerà e vi farà appassionare al legame tra la chimica e la sapiente arte dell'alchimia con il mondo della fiaba, che prende vita dalla saggezza popolare e perde le sue origini nella notte dei tempi.

Pillole biografiche
Giuseppe Sermonti (Roma, 1925), genetista dal 1950 presso l’Istituto Superiore di Sanità in Roma, ha fondato la genetica dei microrganismi produttori di antibiotici e ha presieduto la International Commission for Genetics of Industrial Microorganisms.
Nel 1964 ha vinto una cattedra di Genetica e nel 1970-71 ha presieduto l’Associazione Genetica Italiana. Nel 1980 è stato eletto alla vicepresidenza del XIV Congresso Internazionale di Genetica a Mosca ed è stato chiamato alla direzione della «Rivista di Biologia» (fondata nel 1919). In quel periodo ha inizio la sua critica allo Scientismo e all’Evoluzionismo darwiniano, che lo ha isolato dall’establishment accademico. Nel 1982 l’Accademia Pontificia lo ha invitato a partecipare a un gruppo di lavoro sull’Evoluzione dei Primati. Nel 1986 è stato tra i fondatori, a Osaka, del gruppo degli Strutturalisti dinamici, di cui la «Rivista di Biologia» era l’organo. Alla ricerca dei significati non utilitaristi della scienza, Sermonti ha indagato e scoperto leggi naturali e tecnico-chimiche nelle fiabe del focolare. Ha scritto e rappresentato drammi sui protagonisti della scienza. Nel 2004 ha ricevuto il Premio per la Cultura della Vicepresidenza del Consiglio per le sue ricerche e critiche scientifiche.

Nessun commento:

Posta un commento

Scrivi cosa ne pensi...

I consigli di Nina Sankovitch

COME LEGGERE TUTTO IL GIORNO

Avere sempre un libro con te
Leggi mentre sei in attesa
Leggi mentre si mangia
Leggi durante l'allenamento
Leggere prima di dormire
Leggere prima di alzarsi dal letto
Leggi invece di aggiornare FB
Leggi invece di guardare la TV
Leggi invece di passare l'aspirapolvere
Leggi mentre passi l'aspirazione
Leggi con un gruppo di lettura
Leggi con il tuo bambino
Leggere con il vostro gatto
Leggi per il vostro cane
Leggere su un programma
Avere sempre un libro con te
di Nina Sankovitch

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Avvisi


Disclaimer per contenuti blog
"La Locanda dei Libri" prende ispirazione dalla Locanda Almayer del libro "OceanoMare" di Alessandro Baricco. Non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy.
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email lalocandadeilibri@libero.it. Saranno immediatamente rimossi.
L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Ringraziamo il sito www.web-link.it da cui abbiamo tratto lo sfondo.
La legge sul diritto di autore (633/1941) come modificata dal d.lgsl. 68/2003, prevede all'articolo 70 che: "Il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o di parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi se effettuati per uso di critica o di discussione, nei limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all'utilizzazione economica dell'opera; se effettuati a fini di insegnamento o di ricerca scientifica l'utilizzo deve inoltre avvenire per finalità illustrative e per fini non commerciali."