Affinità

Affinità
“Talvolta penso che il paradiso sia leggere continuamente, senza fine.” - Virginia Woolf

venerdì 22 dicembre 2017

"Do i numeri perché cerco te" di Nicole Vian e Anna Marzoli

"Do i numeri perché cerco te" di Nicole Vian e Anna Marzoli è un libro che raccoglie testimonianze di storie vere di procreazione assistita, infertilità, maternità e soprattutto amore.
Un libro che è strutturato in maniera specifica: da un lato è uno strumento valido per la formazione dei medici, degli psicologi e per chi si trova ad affrontare tali differenti esperienze di vita, dall'altro c'è tutto un vissuto emotivo che traspare dalle pagine, persino nei silenzi, ossia nella parola non scritta eppure lì presente invisibile.
E' sicuramente un aiuto per ci si trova ad affrontare la difficoltà del concepimento, ma anche per far capire a chi non vive tale situazione, cosa si prova, e con quale intensità, nell'affrontare questi ostacoli, dall'infertilità alla procreazione medicalmente assistita, dalla sterilità all'adozione, e i vari riflessi che tali scelte comportano per la coppia, per la famiglia e la società in generale, per l'intimità personale dei soggetti coinvolti, in particolar modo. Sono storie di coraggio e caparbietà, di fasi procedurali da rispettare e conteggi da fare, in vista della realizzazione di un sogno, che per alcuni è più facile da raggiungere e per altri un pò più complicato.
Due autobiografie principali, quelle delle due autrici, s'intrecciano in un progetto di autobiografia multipla, quasi fosse un coro di voci che nell'unità trova la forza di urlare al mondo tutte le variegate emozioni che il caso comporta e che esse vivono sulla propria pelle, ed anima.
Un libro davvero intenso, che per comprendere fino in fondo si deve soltanto leggere.

Pillole biografiche:
Nicole Vian è student presso l'Università di Milano Bicocca, è già autrice di "Guanti rossi", una raccolta di libri didattici per bambini sordi e di "La mia vita con Marte", vincitore del Premio dell'autobiografia di Anghiari 2016, un'opera autobiografica sul lutto perinatale.

Anna Marzoli è architetto, libero professionista, si occupa di progettazione, restauro, ristrutturazione, architettura d'interni e geologia nello studio tecnico che condivide con il suo compagno di vita.

Nessun commento:

Posta un commento

Scrivi cosa ne pensi...

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

I consigli di Nina Sankovitch

COME LEGGERE TUTTO IL GIORNO

Avere sempre un libro con te
Leggi mentre sei in attesa
Leggi mentre si mangia
Leggi durante l'allenamento
Leggere prima di dormire
Leggere prima di alzarsi dal letto
Leggi invece di aggiornare FB
Leggi invece di guardare la TV
Leggi invece di passare l'aspirapolvere
Leggi mentre passi l'aspirazione
Leggi con un gruppo di lettura
Leggi con il tuo bambino
Leggere con il vostro gatto
Leggi per il vostro cane
Leggere su un programma
Avere sempre un libro con te
di Nina Sankovitch

Avvisi


Disclaimer per contenuti blog
"La Locanda dei Libri" prende ispirazione dalla Locanda Almayer del libro "OceanoMare" di Alessandro Baricco. Non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy.
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email lalocandadeilibri@libero.it. Saranno immediatamente rimossi.
L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Ringraziamo il sito www.web-link.it da cui abbiamo tratto lo sfondo.
La legge sul diritto di autore (633/1941) come modificata dal d.lgsl. 68/2003, prevede all'articolo 70 che: "Il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o di parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi se effettuati per uso di critica o di discussione, nei limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all'utilizzazione economica dell'opera; se effettuati a fini di insegnamento o di ricerca scientifica l'utilizzo deve inoltre avvenire per finalità illustrative e per fini non commerciali."