Affinità

Affinità
“Talvolta penso che il paradiso sia leggere continuamente, senza fine.” - Virginia Woolf

sabato 26 maggio 2018

"Chi sono io?" di Concita De Gregorio


"Sono soprattutto le donne a fotografare se stesse. Perché, ho chiesto a cinque di loro. La risposta riguarda sempre la guarigione, una ferita, la cura. Un bisogno, mai una vanità"
- Concita De Gregorio, "Chi sono io?"


Vorrei raccontarvi "Chi sono io?", il libro di Concita De Gregorio (Contrasto Books) attraverso le parole della pittrice messicana Frida Kahlo, "Dipingo me stessa perché sono il soggetto che conosco meglio", che ha fatto dell'autoritratto pittorico, il mezzo principale per raccontarsi, per venire al mondo, per lenire il dolore che le ha sconquassato anima e corpo e per far uscire da profonde ferite tutto l'anelito amoroso per la vita.
La De Gregorio in questo libro ha compiuto una lunga ricognizione nel territorio della fotografia femminile interrogando, e interrogandosi, sul senso e il valore di un gesto: quello dell’autorappresentazione.

L'uso prevalente che si fa delle fotografie è quello di ricordare, esse "sono la presenza di un'assenza". Tutto questo è ancor più valido se si pensa all'autoritratto che è qualcosa che si fa per se stessi. Gli autoritratti raccontano una storia, la fotografia in quell'istante diviene la penna con la quale scrivere pagine della propria esistenza. Pensiamo alla stessa parola "fotografia", l'unione della luce e del segno. Mettere in luce qualcosa di sé per raccontarlo, per porre un segno. Nell'attimo stesso di fotografare e fotografarsi ciò che si racconta, il meraviglioso e il terribile, è già accaduto. Il tempo fluisce sulle emozioni, le nutre, le assopisce. Il gesto di fotografare l'attimo sembra fermarlo, probabilmente per l'eternità, un gesto da consegnare metaforicamente all'universo.

La De Gregorio si pone anche un fondamentale quesito: "Perchè si rivolge l'obiettivo verso se stessi?" Si interroga, e ci interroga al contempo, sul tema dell'identità e della reputazione, in un'epoca come quella attuale basata sull'ossessione della riproducibilità tecnica, sui selfie fatti al solo scopo di accumulare like, cuoricini e pollici in su, e ci si chiede, dunque, quale sia oggi il valore da attribuire a questi due concetti. Nell'era del selfie, la dignità è al giudizio della reputazione, quest'ultima è fatta di consensi, di numeri, di visualizzazioni. Può davvero ciò che gli altri si aspettino da te essere ciò che davvero tu sei?

La De Gregorio in questo libro intervista cinque giovani fotografe Guia Besana, Silvia Camporesi, Antonia Di Prospero, Simona Ghizzoni, Moira Ricci e a tutte chiede delle loro fotografie. Attraverso le foto hanno raccontato la loro storia: un lutto, la famiglia, la madre, il corpo, i figli, la solitudine, la paura.
La pienezza e il vuoto.
È un libro denso di emozioni perché queste giovani artiste, tramite la scrittrice, ci permettono di carpire l'intenzione degli autoritratti, non soltanto ciò che è immediatamente visibile, ma pure tutto ciò che c'è dietro. Si punta l'obiettivo verso sé stesse per guardarsi a fondo, scavare nell'anima e riportare a galla i suoi tesori alla luce, le lezioni che dalla vita s'imparano.
Il filo rosso che lega queste artiste è il tempo che fluisce e che inesorabilmente trascina con sé ogni cosa, altro non si può fare, per arrestare questa piena, è immortalare attimi in foto capaci di narrare quel tempo e così trovare il proprio posto nel mondo, come sosteneva la fotografa Vivian Maier.
Ho letto questo libro ammirando le foto al suo interno, fissandole a lungo e mi sono fatta cullare da immagini e parole, è un testo ricco di ispirazione, ma anche di conforto e riflessioni, un libro costantemente presente sul comodino.

Nessun commento:

Posta un commento

Scrivi cosa ne pensi...

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

I consigli di Nina Sankovitch

COME LEGGERE TUTTO IL GIORNO

Avere sempre un libro con te
Leggi mentre sei in attesa
Leggi mentre si mangia
Leggi durante l'allenamento
Leggere prima di dormire
Leggere prima di alzarsi dal letto
Leggi invece di aggiornare FB
Leggi invece di guardare la TV
Leggi invece di passare l'aspirapolvere
Leggi mentre passi l'aspirazione
Leggi con un gruppo di lettura
Leggi con il tuo bambino
Leggere con il vostro gatto
Leggi per il vostro cane
Leggere su un programma
Avere sempre un libro con te
di Nina Sankovitch

Avvisi


Disclaimer per contenuti blog
"La Locanda dei Libri" prende ispirazione dalla Locanda Almayer del libro "OceanoMare" di Alessandro Baricco. Non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy.
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email lalocandadeilibri@libero.it. Saranno immediatamente rimossi.
L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Ringraziamo il sito www.web-link.it da cui abbiamo tratto lo sfondo.
La legge sul diritto di autore (633/1941) come modificata dal d.lgsl. 68/2003, prevede all'articolo 70 che: "Il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o di parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi se effettuati per uso di critica o di discussione, nei limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all'utilizzazione economica dell'opera; se effettuati a fini di insegnamento o di ricerca scientifica l'utilizzo deve inoltre avvenire per finalità illustrative e per fini non commerciali."