Affinità

Affinità
“Talvolta penso che il paradiso sia leggere continuamente, senza fine.” - Virginia Woolf

mercoledì 30 maggio 2018

"Il cielo comincia dal basso" di Sonia Serazzi

"E quando ci si rassegna alla verità, si riconosce immediatamente il proprio posto, e non se ne pretende uno diverso, perchè l'angolino che ci spetta è tutto il paradiso di cui siamo capaci sulla terra. In cielo magari le cose cambiano"


Quando si legge un capolavoro è sempre difficile raccontarlo, ancor più complicato risulta poi spiegare perchè un libro è un capolavoro. Si potrebbe ridimensionare il tutto con l'aggettivo "bellissimo", ma ci sono scritture irriducibili, non possono essere confinate all'interno di aggettivi generalizzati. La penna di Sonia Serazzi ha il dono di saper trasformare la realtà tramite la magia del racconto.
Una realtà fatta di Sud, di papaveri rossi che dondolano nel grano, di pane, di pioggia che si tramuta in muffa, di malinconie, di rimpianti, di legami di sangue e di anima, di fichi selvatici, di sussurri del vento e preghiere sottovoce, di carezze mancate e assenze onnipresenti, di dolore e piccole gioie, di viaggi in autobus con "intorno gli occhi della mattina presto, quelli gonfi di sogni spezzati dalle sveglie a batteria". E su tutto, domina il Cielo.

"Il cielo comincia dal basso" di Sonia Serazzi (Rubbettino editore), a cominciare già dal titolo, è puro incantamento, l'ho letto nel tempo di due giornate, una fascinazione fulminea. Un libro è un capolavoro quando ti entra dentro senza troppi fronzoli nè forzature, quando la scrittura è eccelsa e a essa si unisce la capacità di emozionare con un linguaggio che è al contempo poetico e veritiero. 
Se questo libro avesse un odore esso sarebbe quello del mare, e di campi bruciati di sole, di erba bagnata dalla pioggia e basilico spezzettato con le mani. 

"In quel preciso momento sentii d'amare il Sud, perchè ti lascia campare senza chiederti nulla, come una melanzana viola nei campi rossi di tramonto".
Sonia Serazzi ci dona una verità senza imbrogli, ci racconta la storia di una ragazza, come ve ne sono tante, con nel sangue Napoli, la Calabria e la Sardegna, Rosa Sirace questo il suo nome, che dopo la laurea a Perugia fa ritorno alle sue radici, è una che impara a fiorire nel posto che ha, e fiorendo scrive la sua vita di cose piccole su un'agenda: fogli con sopra il numero del giorno, e la carta che tiene il conto ripete quotidianamente che una storia non ha tutto lo spazio e il tempo che vuole.
E' come se il lettore avesse il privilegio di leggere le pagine segrete di un diario e di scoprire, a poco a poco, i fatti e i personaggi della vita di Rosa. Ogni capitolo si apre con una citazione delle Scritture, quasi a voler sottolineare il legame indissolubile tra cielo e terra. Il lettore scoprirà, dunque, che Rosa è la figlia di un Visconte operaio e di una Baronessa casalinga e nipote affettuosa di Antonia Cristallo, dalla quale impara ad avere le gambe forti. 
E Rosa continua a scrivere, anche quando si scoprirà il destino ineluttabile che l'aspetta, tutto il cielo che scava lo appende in alto, a cominciare ogni pagina, e spera che bastino le Scritture a far scintillare la terra rivoltata. Il cielo comincia dal basso è un libro che mastica duro cercando il bene, e lo trova.
Mi sono letteralmente commossa leggendo certe pagine, mi è stato proprio difficile dire addio a Rosa e alla sua vita. E' come se avessi salutato un'amica che abita lontano, ora mi rimangono la speranza di vederla presto e parole di rosso sottolineate che avrei potuto scrivere io e che custodisco come preziosi souvenir.



Pillole biografiche
Sonia Serazzi è nata a Napoli nel 1971 e vive in un piccolo paese della Calabria. Ha pubblicato Non c'è niente a Simbari Crichi (2004) e il romanzo breve E le ortiche c'hanno ragione (2006).

Nessun commento:

Posta un commento

Scrivi cosa ne pensi...

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

I consigli di Nina Sankovitch

COME LEGGERE TUTTO IL GIORNO

Avere sempre un libro con te
Leggi mentre sei in attesa
Leggi mentre si mangia
Leggi durante l'allenamento
Leggere prima di dormire
Leggere prima di alzarsi dal letto
Leggi invece di aggiornare FB
Leggi invece di guardare la TV
Leggi invece di passare l'aspirapolvere
Leggi mentre passi l'aspirazione
Leggi con un gruppo di lettura
Leggi con il tuo bambino
Leggere con il vostro gatto
Leggi per il vostro cane
Leggere su un programma
Avere sempre un libro con te
di Nina Sankovitch

Avvisi


Disclaimer per contenuti blog
"La Locanda dei Libri" prende ispirazione dalla Locanda Almayer del libro "OceanoMare" di Alessandro Baricco. Non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy.
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email lalocandadeilibri@libero.it. Saranno immediatamente rimossi.
L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Ringraziamo il sito www.web-link.it da cui abbiamo tratto lo sfondo.
La legge sul diritto di autore (633/1941) come modificata dal d.lgsl. 68/2003, prevede all'articolo 70 che: "Il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o di parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi se effettuati per uso di critica o di discussione, nei limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all'utilizzazione economica dell'opera; se effettuati a fini di insegnamento o di ricerca scientifica l'utilizzo deve inoltre avvenire per finalità illustrative e per fini non commerciali."