Affinità

Affinità
“Talvolta penso che il paradiso sia leggere continuamente, senza fine.” - Virginia Woolf

domenica 3 giugno 2018

"Quello che non sono mi assomiglia" di Gianluca Giraudo

"Se è vero che la vita è una successione di azioni, è l'immaginazione ad ammantarci sempre di una luce nuova. Ci reinventa. L'identità - anche questa non è mia - è solo un mezzo per delimitare il proprio Io nello scorrere del tempo, nient'altro".


Ignacio è un uomo di mezza età, un padre e un marito esemplare, uno stimato professore. Un giorno, all’improvviso, scompare. Nessuno sa dove possa essere finito: non ne hanno idea l’ex moglie, i figli, tutte le persone che, a vario titolo e in misure e gradi diversi, hanno avuto contatti e relazioni con lui. Tutti si interrogano su questa scomparsa che ha incrinato un equilibrio. L’indagine, le supposizioni, le ipotesi però smuovono qualcosa nelle anime di ognuno dei personaggi costringendoli a fare i conti con la loro esistenza, con nodi irrisolti, lati oscuri e non detti sepolti nel profondo. Quello che non sono mi assomiglia è un romanzo corale, polifonico, che dell’incessante ricerca della felicità fa il suo perno narrativo e la sua poetica.

Leggendo "Quello che non sono mi assomiglia" di Gianluca Giraudo ho avuto, come primo impatto, la sensazione di trovarmi dinanzi ad un Pirandello contemporaneo, perchè mi ha vagamente ricordato le tematiche affrontate in uno dei celebri capolavori pirandelliani: "Il fu Mattia Pascal".
Sebbene gli sbocchi narrativi e il mondo di raccontare la storia siano diversi, infatti le pagine pirandelliane sono intrise di drammatico umorismo e quelle di Giraudo colme di velato dolore, simili sono le tematiche affrontate: il tema dell'identità, del doppio, della lontananza come espediente per osservare le cose con una certa oggettività e un benefico distacco.
La cosa che mi ha colpito è che il romanzo inizia a pagina -103 e finisca a pagina zero, come a segnare l'inizio di un qualcosa di nuovo, di una metamorfosi, quella del nostro protagonista Ignacio.
Attraverso le voci che compongono la storia, il lettore mette insieme i tasselli di un puzzle che pian piano viene alla luce, la dinamica della vicenda tiene alta l'attenzione, e come recita la quarta di copertina esso è "un romanzo vivido e sospeso come un quadro di Hopper, denso di personaggi nei quali non possiamo che riconoscere noi e le nostre scelte; un grande affresco preciso come una fotografia, largo come una carrellata su un paesaggio che si perde all'orizzonte. Nella spirale che condurrà ciascuno al proprio destino, qualcuno si salverà".
"Quello che non sono mi assomiglia" racconta una storia dentro altre storie, come una matrioska, legate tra loro da rapporti familiari e affettivi, pian piano si arriva al nocciolo della questione: giungere al centro della propria anima e svelare il proprio vero volto.
"A pensarci bene l'identità è tutta un'impostura"


Pillole Biografiche
Gianluca Giraudo è nato a Cuneo nel 1990. Vive e lavora a Roma. Suoi articoli sono apparsi sul Mucchio Selvaggio, Minima&Moralia e Nazione Indiana. Ha un blog personale che ospita articoli e piccoli racconti: posticci.wordpress.com. Questo è il suo primo romanzo.


Autori Riuniti è una casa editrice completamente gestita da autori

Nessun commento:

Posta un commento

Scrivi cosa ne pensi...

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

I consigli di Nina Sankovitch

COME LEGGERE TUTTO IL GIORNO

Avere sempre un libro con te
Leggi mentre sei in attesa
Leggi mentre si mangia
Leggi durante l'allenamento
Leggere prima di dormire
Leggere prima di alzarsi dal letto
Leggi invece di aggiornare FB
Leggi invece di guardare la TV
Leggi invece di passare l'aspirapolvere
Leggi mentre passi l'aspirazione
Leggi con un gruppo di lettura
Leggi con il tuo bambino
Leggere con il vostro gatto
Leggi per il vostro cane
Leggere su un programma
Avere sempre un libro con te
di Nina Sankovitch

Avvisi


Disclaimer per contenuti blog
"La Locanda dei Libri" prende ispirazione dalla Locanda Almayer del libro "OceanoMare" di Alessandro Baricco. Non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy.
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email lalocandadeilibri@libero.it. Saranno immediatamente rimossi.
L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Ringraziamo il sito www.web-link.it da cui abbiamo tratto lo sfondo.
La legge sul diritto di autore (633/1941) come modificata dal d.lgsl. 68/2003, prevede all'articolo 70 che: "Il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o di parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi se effettuati per uso di critica o di discussione, nei limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all'utilizzazione economica dell'opera; se effettuati a fini di insegnamento o di ricerca scientifica l'utilizzo deve inoltre avvenire per finalità illustrative e per fini non commerciali."