"Le Impressioni di Berthe" di Stella Stollo

"Le Impressioni di Berthe" di Stella Stollo
clicca sulla foto

domenica 30 settembre 2018

"Le streghe di Benevento. La grande bugia" di Fabio Garuti



"Le streghe di Benevento. La grande bugia" di Fabio Garuti racchiude nel titolo il contenuto di queste pagine intrise di Storia, leggenda e mistero.
La lettura è abbastanza fluida, si tratta di un lavoro di ricerca approfondito a scopo divulgativo, in particolare Garuti si sofferma sulla scoperta della verità storica circa le cosiddette streghe, o meglio, sulle druidesse di Benevento: donne sapienti che sembravano aver frequentato più mondi, in quanto detentrici di conoscenze antiche e preziose, costrette a subire accuse di stregoneria, soprusi e violenze di ogni tipo, torture terribili, processi - farsa e spesso, come conclusione di tutto ciò, la morte sul rogo, in virtù di uno scellerato patto tra poteri civile ed ecclesiastico, in un passato meno lontano da noi di quanto si possa credere. Una vera e propria vergogna storica quasi precipitata nell'oblio, su cui è doveroso fare luce e riflettere, in base a documenti originali. Benevento: una straordinaria enclave druidica molto lontana dal Nord Italia e dalla Mitteleuropa, che ebbe un proprio ruolo anche nel famoso episodio delle Forche Caudine. Una sapienza antica che, seppure non tramandata per iscritto, sopravvive ancora oggi grazie a tante neo-druidesse.

Lo scopo del libro è dunque quello di far luce su un periodo della storia abbastanza oscuro che ha visto accanirsi sulle donne una violenza senza precedenti, fino a parlare di un vero e proprio olocausto, infatti come sostiene l'autore "ancora oggi, dopo qualche centinaio di anni, tali intrecci non sono affatto chiarissimi, e lo scopo del presente lavoro consiste proprio nel tentare di stabilire, o meglio, nel tentare di ristabilire la verità storica [...]".
Lo scrittore, ponendosi dalla parte delle donne, si è soffermato sui Processi, sulla legittimazione giuridica, sociale e religiosa di tale genocidio, sull'odio millenario contro le donne, sull'antica sapienza femminile e sul correlato culto della Natura, prendendo come punto di partenza dello studio la città di Benevento, territorio condannato alla damnatio memoriae, in quanto luogo diventato famoso per la femminilità, intesa come potere femminino e diventato, invece, luogo demoniaco.
Un libro carico di misteri e di riflessioni, molto attuale perchè richiama le vicende perpetuate contro le donne, a causa del femminicidio dettato dalla mano feroce dell'odio, quello stesso odio che secoli fa ci portò dritte al rogo.

Nessun commento:

Posta un commento

Scrivi cosa ne pensi...

I consigli di Nina Sankovitch

COME LEGGERE TUTTO IL GIORNO

Avere sempre un libro con te
Leggi mentre sei in attesa
Leggi mentre si mangia
Leggi durante l'allenamento
Leggere prima di dormire
Leggere prima di alzarsi dal letto
Leggi invece di aggiornare FB
Leggi invece di guardare la TV
Leggi invece di passare l'aspirapolvere
Leggi mentre passi l'aspirazione
Leggi con un gruppo di lettura
Leggi con il tuo bambino
Leggere con il vostro gatto
Leggi per il vostro cane
Leggere su un programma
Avere sempre un libro con te
di Nina Sankovitch

Avvisi


Disclaimer per contenuti blog
"La Locanda dei Libri" prende ispirazione dalla Locanda Almayer del libro "OceanoMare" di Alessandro Baricco. Non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy.
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email lalocandadeilibri@libero.it. Saranno immediatamente rimossi.
L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Ringraziamo il sito www.web-link.it da cui abbiamo tratto lo sfondo.
La legge sul diritto di autore (633/1941) come modificata dal d.lgsl. 68/2003, prevede all'articolo 70 che: "Il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o di parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi se effettuati per uso di critica o di discussione, nei limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all'utilizzazione economica dell'opera; se effettuati a fini di insegnamento o di ricerca scientifica l'utilizzo deve inoltre avvenire per finalità illustrative e per fini non commerciali."