Affinità

Affinità
“Talvolta penso che il paradiso sia leggere continuamente, senza fine.” - Virginia Woolf

martedì 4 settembre 2018

"Magnifica" di Maria Rosaria Valentini


"Sì, da allora quella penna è tutto. Custodisce le impronte di un lungo pellegrinaggio. E getta inchiostro sulle cuspidi del tempo, nelle lune di ieri, nelle bolle di un ripetuto mai, per consentire a Magnifica di traversare il presente.
In attesa, dentro la speranza."


Ho scoperto la scrittrice Maria Rosaria Valentini guidata dalla mano del Destino, è accaduto qualche mese fa mentre facevo una ricerca sulle mele annurche, il mio tipo di mela preferito, e ho trovato un libro dal titolo che mi aveva incuriosito "Quattro mele annurche" edito da Gabriele Capelli Editore.
E' stato così che ho deciso di leggere tutti i libri della Valentini.
"Magnifica" è un libro impastato di poesia, di forte bellezza struggente, ogni parola scava un incavo nell'anima per lasciare definitivamente il segno. L'ho divorato, pagina dopo pagina, come se fossi sotto l'effetto di un incantesimo: la Valentini ha il potere di affascinare il lettore, grazie al suo modo peculiare di narrare storie.
Attraverso il ritmo delle stagioni e l'attaccamento amorevole alla viscere della Natura, madre e matrigna insieme, la Valentini ci racconta la storia di Ada Maria e della sua famiglia.
Ci troviamo in un paesino sull’Appennino, «un’unghia di terra sconosciuta a chi non era nato lì o nelle immediate vicinanze», secondo Dopoguerra, lì vivono Ada Maria e suo fratello Pietrino, assieme al padre Aniceto e alla mamma Eufrasia. Il capofamiglia va a caccia e allinea in un capanno gli animali imbalsamati frutto della passione per la tassidermia, la ragazza bada alle faccende domestiche e cerca di ignorare Teresina, l'amante del padre. Un giorno nel bosco, nella Faggeta, Ada Maria incontra un uomo, un’apparizione, uno spettro. È magro, barbuto, avvolto in una coperta, magari è un sogno, o uno scherzo della fantasia e della solitudine. Finché quell’ombra non le parla. La saluta quando lei si allontana. Auf Wiedersehen.
Da questo momento in poi il racconto prende una piega misteriosa e vi si incolleranno gli occhi alle pagine cercando di venire a capo di tale mistero.

La Valentini ci racconta una sorprendente saga familiare, tutta femminile, tutta matrilineare, una storia dal sapore gotico perchè crea atmosfera andando ad esaltare il gusto per l'antico e le rovine, le relazioni vissute dai personaggi sono descritte in maniera sublime arrivando a toccare le emozioni, positive e negative, in maniera estrema, toccandone sempre l'apice: possiamo avvertire distintamente l'insostenibile tormento e l'incontenibile felicità. Quella della Valentini è una scrittura evocativa e raffinata, particolarmente attenta ai dettagli senza essere ridondante, uno stile indubbiamente vocato alla poesia.
Di "Magnifica" ho sottolineato parecchi passi, alcuni dei quali mi si sono incollati addosso come una seconda pelle, è uno dei libri più belli che abbia letto in vita mia e lo consiglio di cuore.

Nessun commento:

Posta un commento

Scrivi cosa ne pensi...

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

I consigli di Nina Sankovitch

COME LEGGERE TUTTO IL GIORNO

Avere sempre un libro con te
Leggi mentre sei in attesa
Leggi mentre si mangia
Leggi durante l'allenamento
Leggere prima di dormire
Leggere prima di alzarsi dal letto
Leggi invece di aggiornare FB
Leggi invece di guardare la TV
Leggi invece di passare l'aspirapolvere
Leggi mentre passi l'aspirazione
Leggi con un gruppo di lettura
Leggi con il tuo bambino
Leggere con il vostro gatto
Leggi per il vostro cane
Leggere su un programma
Avere sempre un libro con te
di Nina Sankovitch

Avvisi


Disclaimer per contenuti blog
"La Locanda dei Libri" prende ispirazione dalla Locanda Almayer del libro "OceanoMare" di Alessandro Baricco. Non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy.
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email lalocandadeilibri@libero.it. Saranno immediatamente rimossi.
L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Ringraziamo il sito www.web-link.it da cui abbiamo tratto lo sfondo.
La legge sul diritto di autore (633/1941) come modificata dal d.lgsl. 68/2003, prevede all'articolo 70 che: "Il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o di parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi se effettuati per uso di critica o di discussione, nei limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all'utilizzazione economica dell'opera; se effettuati a fini di insegnamento o di ricerca scientifica l'utilizzo deve inoltre avvenire per finalità illustrative e per fini non commerciali."