"Le Impressioni di Berthe" di Stella Stollo

"Le Impressioni di Berthe" di Stella Stollo
clicca sulla foto

lunedì 28 gennaio 2019

«Ipazia e la musica dei pianeti» di Roberta Torre

«A uccidermi sono state delle persone. Parabolani li chiamavano, dei monaci del deserto, guerrieri, pronti a uccidere per Dio, o  meglio, per quello che altri uomini più furbi  indicavano loro circa il volere di Dio. Che una donna non fosse degna, di insegnare, di parlare, di pensare. Sono stati loro a uccidermi, in una notte buia come questa, ma non è importante che siano stati loro. Potrebbero essere stati altri, umani che non sapevano cosa stavano facendo. Cattivi?  Malvagi? Può darsi. Molti umani sono inconsapevoli e dunque infelici. Non parliamone più, non ha alcuna importanza e poi  è successo tanto tempo fa» ha concluso Ipazia, come se il nostro fosse un discorso qualunque, uno dei nostri soliti discorsi e non riguardasse lei. Allora ho pensato che avevamo ancora un sacco di cose da fare quella notte. Che c'era ancora tempo prima di salutarci, che c'era ancora tempo... 
«Guarda Camilla, stanotte sembra che i  pianeti danzino per noi, sulle note di una  musica antichissima che proviene dal passato» mi ha detto Ipazia guardandomi con occhi velati. 


Ci sono libri capaci d'incantare appena le mani li sfiorano e le pagine cominciano a mostrare illustrazioni tanto belle da parlare da sè. Questa magia accade ai libri editi da rueBallu e con la mia ultima lettura: «Ipazia e la musica dei pianeti» di Roberta Torre, illustrata da Pia Valentinis.
Ipazia è stata una matematica, astronoma e filosofa greca antica, e la sua vita ci viene raccontata in queste pagine, mediante l'espediente della fiaba, ma in chiave modena, è questo il tono che l'autrice decide di consegnarci in dono.
Attraverso le pagine di un diario, faremo la conoscenza di Camilla, una astronauta in volo verso l’asteroide 2003-SD220 che intesse un curioso e affascinante dialogo con la grandiosa Ipazia d'Alessandria, vissuta nel IV sec. d. C:
"Ho sfiorato con la mano la sua tunica e il suo profilo dignitoso, come a darle una carezza. Possibile dunque che questa donna, così forte e determinata, provi anche lei delle emozioni, mi sono detta? E ho sfiorato con i miei guanti da astronauta la sua tunica che aveva la consistenza della nebbia o dello zucchero a velo. Lei ha fatto finta di non accorgersi del mio gesto d'affetto, ma ho visto che sorrideva, con aria rassenerata a sua volta".
Con loro vivremo i misteri dell'Universo facendoci coccolare dalle stelle, sulla musica sempiterna dei pianeti, una storia per tutti  che ci permettere di fare la conoscenza di una delle più grandi Donne della Storia dell'umanità.

Nessun commento:

Posta un commento

Scrivi cosa ne pensi...

I consigli di Nina Sankovitch

COME LEGGERE TUTTO IL GIORNO

Avere sempre un libro con te
Leggi mentre sei in attesa
Leggi mentre si mangia
Leggi durante l'allenamento
Leggere prima di dormire
Leggere prima di alzarsi dal letto
Leggi invece di aggiornare FB
Leggi invece di guardare la TV
Leggi invece di passare l'aspirapolvere
Leggi mentre passi l'aspirazione
Leggi con un gruppo di lettura
Leggi con il tuo bambino
Leggere con il vostro gatto
Leggi per il vostro cane
Leggere su un programma
Avere sempre un libro con te
di Nina Sankovitch

Avvisi


Disclaimer per contenuti blog
"La Locanda dei Libri" prende ispirazione dalla Locanda Almayer del libro "OceanoMare" di Alessandro Baricco. Non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy.
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email lalocandadeilibri@libero.it. Saranno immediatamente rimossi.
L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Ringraziamo il sito www.web-link.it da cui abbiamo tratto lo sfondo.
La legge sul diritto di autore (633/1941) come modificata dal d.lgsl. 68/2003, prevede all'articolo 70 che: "Il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o di parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi se effettuati per uso di critica o di discussione, nei limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all'utilizzazione economica dell'opera; se effettuati a fini di insegnamento o di ricerca scientifica l'utilizzo deve inoltre avvenire per finalità illustrative e per fini non commerciali."