"Le Impressioni di Berthe" di Stella Stollo

"Le Impressioni di Berthe" di Stella Stollo
clicca sulla foto

giovedì 17 gennaio 2019

"Lettera a un bambino mai nato" di Oriana Fallaci

«Stanotte ho saputo che c’eri: una goccia di vita scappata dal nulla. Me ne stavo con gli occhi spalancati nel buio e d’un tratto, in quel buio, s’è acceso un lampo di certezza: sì, c’eri. Esistevi. Mi si è fermato il cuore»



Così comincia il primo libro letto nel 2019, un libro meraviglioso e toccante al contempo, dove ogni parola scritta non è muta, ma ricolma di voci in grado di parlare all'orecchio... arrivando fin dentro l'anima.
Come sempre, la Fallaci apre lo spazio a dubbi e interrogativi su un tema assai delicato, un tema che riguarda le donne e la scelta della maternità o della non maternità, pagine ricche di riflessioni ma anche di emozioni profonde indicibili a parole, che la Fallaci ha saputo raccontare, togliendo l'aborto dal limbo dei tabù.

Pagine che sono un canto disperato e colmo d'amore, un monologo drammatico di una donna che vive la maternità come un atto responsabile, ponendosi interrogativi legittimi e non sottoponibili a giudizio.
La protagonista è una donna di oggi, contemporanea anche se il libro è stato pubblicato nel 1975 e chiaramente fece scalpore all'epoca.
I temi affrontanti sono molteplici: la maternità, la famiglia, l'amore, l'aborto, i diritti delle donne, la fede, la libertà.
E' la storia di una donna senza nome, senza età e senza volto, così ha preferito la scrittrice, in modo che ogni donna potesse identificarsi. Le domande che la protagonista si pone, sin dal momento del concepimento, riguardano la legittimità e l'accettazione della nascita da parte del bambino in un mondo violento e privo di onestà. La Fallaci utilizza come espediente, per far nascere profonde riflessioni in chi legge, un finto processo, dai contorni onirici eppure non privo di sensazioni tangibili. Qui, alla creatura che le vive in grembo, un bambino la donna lo sa per certo perchè lo "sente", vive in lei, verrà concesso il diritto di scegliere se nascere o meno, alla presenza di sette giurati, tra i quali il medico, la dottoressa, il datore di lavoro, l'uomo con cui ha concepito il suo bambino e i genitori della donna, si arriva così, in un crescendo di accuse e discolpe, alla sentenza che prevede la condanna della donna. Senza alcuna possibilità di appello.
La penna della Fallaci è riuscita a ben cogliere e descrivere le emozioni, senza inutili sentimentalismi, arrivando all'essenza delle cose e cioè che il dolore dell'anima non viene mai veramente capito.


Nessun commento:

Posta un commento

Scrivi cosa ne pensi...

I consigli di Nina Sankovitch

COME LEGGERE TUTTO IL GIORNO

Avere sempre un libro con te
Leggi mentre sei in attesa
Leggi mentre si mangia
Leggi durante l'allenamento
Leggere prima di dormire
Leggere prima di alzarsi dal letto
Leggi invece di aggiornare FB
Leggi invece di guardare la TV
Leggi invece di passare l'aspirapolvere
Leggi mentre passi l'aspirazione
Leggi con un gruppo di lettura
Leggi con il tuo bambino
Leggere con il vostro gatto
Leggi per il vostro cane
Leggere su un programma
Avere sempre un libro con te
di Nina Sankovitch

Avvisi


Disclaimer per contenuti blog
"La Locanda dei Libri" prende ispirazione dalla Locanda Almayer del libro "OceanoMare" di Alessandro Baricco. Non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy.
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email lalocandadeilibri@libero.it. Saranno immediatamente rimossi.
L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Ringraziamo il sito www.web-link.it da cui abbiamo tratto lo sfondo.
La legge sul diritto di autore (633/1941) come modificata dal d.lgsl. 68/2003, prevede all'articolo 70 che: "Il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o di parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi se effettuati per uso di critica o di discussione, nei limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all'utilizzazione economica dell'opera; se effettuati a fini di insegnamento o di ricerca scientifica l'utilizzo deve inoltre avvenire per finalità illustrative e per fini non commerciali."