"Le Impressioni di Berthe" di Stella Stollo

"Le Impressioni di Berthe" di Stella Stollo
clicca sulla foto

lunedì 28 gennaio 2019

"Lettere e fogli di diario" di Paula Modersohn-Becker




Quando arte e letteratura s'incontrano quel che ne viene fuori è qualcosa di prodigioso destinato a durare nel tempo. E' quel che è accaduto con «Lettere e fogli di diario» di Paula Modersohn-Becker, che per oltre mezzo secolo non è stato soltanto il libro più amato e letto, in particolare dalla gioventù tedesca, ma è stato soprattutto il breviario, nel senso più alto e quindi spirituale del termine, di migliaia di studenti delle varie Accademie di Belle Arti disseminate lungo tutto il territorio tedesco e anche in alcuni Paesi limitrofi. Tale raccolta era stata allora paragonata a un’altra, più famosa, e precisamente alle «Lettere a un giovane poeta» di Rainer Maria Rilke.

Paula Modersohn-Becker, nata Paula Becker nel febbraio del 1876 a Friedrichstadt, Dresda, in Germania, è stata una pittrice tedesca, tra i principali esponenti del primo Espressionismo, fu attiva a Worpswede e a Parigi. Sposò Otto Modersohn da quale ebbe una figlia, Mathilde Modersohn, una gravidanza tanto desiderata quanto difficile, infatti morì poco dopo il parto, nel novembre del 1907, per complicazioni polmonari.

foto da google, qui
Intraprende la via dell'arte per conquistare la propria identità, sia come donna che come artista, come ben si evince da questi preziosi fogli di diario, editi da Greco & Greco Editori, che la dipingono dapprima come una timida e giovane fanciulla, quasi timorosa di esprimere ciò che sente dentro di sè, e poi come donna coraggiosa capace di dare concretezza ai suoi ideali. Attraverso il rifiuto delle regole imposte dalla società, Paula va in cerca di quell'eco che le nasce da dentro e, affascinata dall'avanguardia dei primi del Novecento, decide di andare a Parigi per vedere Cézanne, Van Gogh, Seurat, Rodin e altri grandi artisti e figure importanti dell'arte e non solo, come Rilke.
E' deciso, questo il suo destino: sceglierà la via dell'arte per raccontare se stessa. Mi ricorda molto la straordinaria Frida Kahlo, perchè anche Paula si autoritrae in parecchi dipinti e sembra essere consapevole che la vita le ha concesso un breve tempo per dare voce alla sua vocazione, per portare a termine la sua opera, che per quanto possa essere in apparenza, frammentaria e irrisolta, è invece un'abbagliante testimonianza che riluce nei suoi scritti e nei suoi dipinti, che tanto sanno raccontare di lei in quanto espressione di un tumulto interno.
Pagine queste, dense di emozioni, capaci di coinvolgere il lettore.
Da un punto di vista artistico, si concentra in particolar modo sull'arte primitiva, cogliendo i sentori delle avanguardie del tempo. Siccome le epoche non sono mai estranee al passato che le precede, gli artisti del Novecento desideravano rinnovare il loro linguaggio artistico mediante lo studio e la rivisitazione delle opere primitive e Paula si espose in questo campo, attingendo arte da uno spirito atavico e archetipo, capace di impressionare l'osservatore facendo leva non sulla realtà esteriore, ma su quella interiore e intima.
Lettere che sono pure invocazioni, piene di umana sensibilità, rimandi letterari e culturali, preziose pagine da leggere e rileggere.

Nessun commento:

Posta un commento

Scrivi cosa ne pensi...

I consigli di Nina Sankovitch

COME LEGGERE TUTTO IL GIORNO

Avere sempre un libro con te
Leggi mentre sei in attesa
Leggi mentre si mangia
Leggi durante l'allenamento
Leggere prima di dormire
Leggere prima di alzarsi dal letto
Leggi invece di aggiornare FB
Leggi invece di guardare la TV
Leggi invece di passare l'aspirapolvere
Leggi mentre passi l'aspirazione
Leggi con un gruppo di lettura
Leggi con il tuo bambino
Leggere con il vostro gatto
Leggi per il vostro cane
Leggere su un programma
Avere sempre un libro con te
di Nina Sankovitch

Avvisi


Disclaimer per contenuti blog
"La Locanda dei Libri" prende ispirazione dalla Locanda Almayer del libro "OceanoMare" di Alessandro Baricco. Non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy.
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email lalocandadeilibri@libero.it. Saranno immediatamente rimossi.
L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Ringraziamo il sito www.web-link.it da cui abbiamo tratto lo sfondo.
La legge sul diritto di autore (633/1941) come modificata dal d.lgsl. 68/2003, prevede all'articolo 70 che: "Il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o di parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi se effettuati per uso di critica o di discussione, nei limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all'utilizzazione economica dell'opera; se effettuati a fini di insegnamento o di ricerca scientifica l'utilizzo deve inoltre avvenire per finalità illustrative e per fini non commerciali."