"Le Impressioni di Berthe" di Stella Stollo

"Le Impressioni di Berthe" di Stella Stollo
clicca sulla foto

martedì 12 febbraio 2019

"Le stelle che stanno giù. Cronache dalla Jugoslavia e dalla Bosnia Erzegovina" di Azra Nuhefendić


"Oggi anche noi adulti contiamo le stelle che stanno sotto.
 Guardando Sarajevo dai punti dominanti, si notano frequenti brandelli bianchi, sembrano delle pecore che pascolano. Per chi non sa, potrebbe essere anche un paesaggio pastorale. Il bianco delle lapidi abbaglia lo sguardo".


"Le stelle che stanno giù" di Azra Nuhefendić (Edizioni Spartaco) sono diciotto cronache, in gran parte inedite, per raccontare la rabbia e l'orrore, per narrare la guerra in Jugoslavia.
Azra Nuhefendić, una delle più autorevoli giornaliste bosniache, attraverso la sua scrittura empatica, emoziona il lettore sin dalle prime pagine, coinvolgendolo in prima persona, incuriosendolo grazie a quel taglio giornalistico che caratterizza lo stile dell'autrice, mantenendo sempre molto alta l'attenzione, senza perdersi in retorica, anzi mescolando l'esperienza personale alla Storia ufficiale. Ne vengono fuori diciotto formidabili reportage, che narrano pezzi di vita di un Paese scomparso (la Jugoslavia) e di un Paese che presto potrebbe scomparire (la Bosnia Erzegovina).
Centoquarantuno pagine che scivolano via in fretta e si sedimentano dentro, perchè ci sono cose che non si può far finta di non sapere. La tragedia che negli Anni Novanta ha visto come protagonista quest'area geografica è qui rivissuta in maniera profonda, diretta e sensibile.

La sorella di Azra Nuhefendić, da bambina, attraverso le finestre della casa dei nonni, s'incantava a guardare le luci della città che sembravano stelle cadute dal cielo. Oggi il paesaggio che offre Sarajevo è diverso, segnato, corrotto dalla guerra che ha cancellato lo Stato della Jugoslavia.
Questo libro, prezioso e necessario, è una sorta di viaggio che vuole ripercorrere il periodo dell'assedio, superando pregiudizi e stereotipi e la Nuhefendić ci porta in dono pagine capaci di raccontare uno dei più sanguinosi periodi della nostra Storia recente, da parte di chi la guerra se la porta sulla pelle.

Pillole biografiche
foto da google qui
Azra Nuhefendic, giornalista di Sarajevo, dal 1980 al 1992 lavora presso la Radio Televisione di Belgrado. Dal 1995 vive e lavora in Italia, a Trieste. Collabora con varie testate, tra cui il Piccolo. Nel 1986 ha vinto il Premio annuale della RTV di Belgrado, per i suoi reportage sui minatori in Kosovo; nel 1989 il Premio nazionale per i servizi realizzati durante la rivoluzione in Romania; nel 2004 ha vinto il Premio “Dario D’Angelo”, riservato a giornalisti non italiani. Nel 2010 ha vinto il premio europeo Writing for CEE con il racconto Il treno, contenuto in "Le stelle stanno giù".

Nessun commento:

Posta un commento

Scrivi cosa ne pensi...

I consigli di Nina Sankovitch

COME LEGGERE TUTTO IL GIORNO

Avere sempre un libro con te
Leggi mentre sei in attesa
Leggi mentre si mangia
Leggi durante l'allenamento
Leggere prima di dormire
Leggere prima di alzarsi dal letto
Leggi invece di aggiornare FB
Leggi invece di guardare la TV
Leggi invece di passare l'aspirapolvere
Leggi mentre passi l'aspirazione
Leggi con un gruppo di lettura
Leggi con il tuo bambino
Leggere con il vostro gatto
Leggi per il vostro cane
Leggere su un programma
Avere sempre un libro con te
di Nina Sankovitch

Avvisi


Disclaimer per contenuti blog
"La Locanda dei Libri" prende ispirazione dalla Locanda Almayer del libro "OceanoMare" di Alessandro Baricco. Non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy.
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email lalocandadeilibri@libero.it. Saranno immediatamente rimossi.
L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Ringraziamo il sito www.web-link.it da cui abbiamo tratto lo sfondo.
La legge sul diritto di autore (633/1941) come modificata dal d.lgsl. 68/2003, prevede all'articolo 70 che: "Il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o di parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi se effettuati per uso di critica o di discussione, nei limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all'utilizzazione economica dell'opera; se effettuati a fini di insegnamento o di ricerca scientifica l'utilizzo deve inoltre avvenire per finalità illustrative e per fini non commerciali."