"Le Impressioni di Berthe" di Stella Stollo

"Le Impressioni di Berthe" di Stella Stollo
clicca sulla foto

sabato 29 giugno 2019

"L'erba di ieri" di Carolina Schutti


"Non è niente di grave, risponde, ma in realtà vorrebbe dire, Sì, per favore si prenda cura di me, mi aiuti ad alzarmi, mi chieda come è successo e perché, mi prenda a braccetto, voglio posare per un po' la testa sulla sua spalla"


Di matrioske, di sapori culinari legati all'infanzia, di scelte, di accettazione, di svolte, pagine dense di emozioni.

"L'erba di ieri" di Carolina Schutti, scrittrice tedesca di origine polacca, è un libro che letto tutto d'un fiato, in un giorno solo.
Non mi capitava da un po' di leggere un libro così velocemente, la storia mi ha totalmente ammaliata ed irretita che non ho potuto separarmi da queste pagine.

L'autrice ci narra di Maja, dalla sua infanzia all'età adulta, attraverso cambi di prospettiva e uno stile originale che mi ha colpito.
Maja è una bambina che non sa molto del suo passato, sa solo di essere nata in un Paese dal quale è dovuta scappare e di non ricordare neppure una parola della lingua madre, la lingua con la quale ogni essere umano fa ingresso nel mondo.
Vive con una vecchia zia che abita a stretto contatto con la natura e la povertà.
Maja cresce, ogni capitolo è una tappa della sua esistenza, e stringe un legame con un vicino di casa, Marek il quale le racconta le fiabe e le fa bere sciroppo di lamponi. A differenza della zia della ragazza che vuole dimenticare il passato, il vecchio Marek incita Maja a non dimenticarlo.

È stata una lettura davvero straordinaria, una boccata d'aria fresca per un verso, ma anche pagine intrise di malinconia e di un sapore antico di tempi lontani; l'autrice ha dedicato il libro alle sue nonne e questo dato mi ha fatto piacere perché è dalle nonne che si ereditano i ricordi e, di conseguenza, le storie più belle da custodire e tramandare.

Pagine che ci raccontano di abbandoni, della guerra attraverso i ricordi di Marek, di amore, di amicizia, di foto che seppur immobili sembrano celare un'eco persistente, di storie che diventano una seconda pelle.

Nessun commento:

Posta un commento

Scrivi cosa ne pensi...

I consigli di Nina Sankovitch

COME LEGGERE TUTTO IL GIORNO

Avere sempre un libro con te
Leggi mentre sei in attesa
Leggi mentre si mangia
Leggi durante l'allenamento
Leggere prima di dormire
Leggere prima di alzarsi dal letto
Leggi invece di aggiornare FB
Leggi invece di guardare la TV
Leggi invece di passare l'aspirapolvere
Leggi mentre passi l'aspirazione
Leggi con un gruppo di lettura
Leggi con il tuo bambino
Leggere con il vostro gatto
Leggi per il vostro cane
Leggere su un programma
Avere sempre un libro con te
di Nina Sankovitch

Avvisi


Disclaimer per contenuti blog
"La Locanda dei Libri" prende ispirazione dalla Locanda Almayer del libro "OceanoMare" di Alessandro Baricco. Non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy.
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email lalocandadeilibri@libero.it. Saranno immediatamente rimossi.
L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Ringraziamo il sito www.web-link.it da cui abbiamo tratto lo sfondo.
La legge sul diritto di autore (633/1941) come modificata dal d.lgsl. 68/2003, prevede all'articolo 70 che: "Il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o di parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi se effettuati per uso di critica o di discussione, nei limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all'utilizzazione economica dell'opera; se effettuati a fini di insegnamento o di ricerca scientifica l'utilizzo deve inoltre avvenire per finalità illustrative e per fini non commerciali."