Letture di gennaio

lunedì 16 marzo 2020

"Acqua salata" di Jessica Andrews

"Certi giorni mi sento vulnerabile, come se mi avessero strappato via gli strati più esterni, lasciando parti nuove esposte al vento e agli spruzzi del mare. Quando si è passato un certo periodo di tempo lontani da sé, tornare nel proprio corpo può fare paura. Riconoscere che i propri desideri sono molteplici e perfino contraddittori non è facile, ma è necessario se vuoi vivere in maniera onesta con te stessa"

Mi viene difficile raccontarvi questo libro.
Avete presente quando racchiudete nel cuore bellezza tanto infinita e intima, che vi viene difficile descrivere a parole? Ecco, queste sono pagine davvero belle, tanto intense, sono state il posto preferito nel quale ho amato rifugiarmi, in questo tempo in cui l'Italia intera è in isolamento. Mi sono letteralmente inabissata in "Acqua salata" di Jessica Andrews, il mondo coi suoi guai è ritornato in secondo piano.
Porto ancora negli occhi il mare che s'infrange sulle scogliere irlandesi e l'odore di torba nei capelli, le montagne blu, le pareti di casa marroni, il tanfo di sigarette, il profumo di Impulse alla vaniglia, le patatine unte con il ketchup.

Una scrittura a tratti irriverente, che sa graffiare a volte, lenire e incantare in altre, ricordare sempre.

Ho accompagnato per mano Luce, la protagonista del romanzo, così come la chiamano i genitori e gli amici,  l'ho sentita come un'amica, come qualcuno che conosci bene, come si conoscono a memoria i palmi delle proprie mani.

La vita di Lucy è cambiata molte volte: con le sfuriate e le assenze del padre alcolizzato, con l’ansia e la pena per il fratello sordo, con la bellezza dei viaggi
in Irlanda a casa del nonno. E sembra cambiare definitivamente quando si trasferisce a Londra, per studiare e per vivere lontana dalla provincia, libera da ogni legame. Ma appena laureata, Lucy volta le spalle a tutto: va in Irlanda, nel Donegal, nella vecchia casa che il nonno le ha lasciato. Si affida al cielo, al vento, al mare per ritrovare se stessa, e intanto la sua memoria si snoda in racconti brevi e impetuosi come corsi d’acqua.

La natura è molto presente in questo libro, non come protagonista d'eccezione, quanto piuttosto presenza rassicurante alla quale fare affidamento e ritorno, nei ricordi e nell'adesso. Presente è anche la musica, l'autrice menziona parecchie band e cantanti dagli Oasis ai Waterboys, dalle Shangri-Las ai Greenday, fasi della vita sottolineate da precise, indimenticabili, colonne sonore.
L'autrice tesse questa storia inanellando frammenti di passato e di presente come perle di una collana, permettendo a chi legge di entrare nel vivo pulsare della narrazione senza perdere un battito.
La matita morbida ha corso tra le righe con disinvoltura: ha custodito per me, in quelle linee come bussole per navigatori smarriti, parole come tesori che potrò riscoprire ogni volta che ritornerò a leggerle.

Un percorso di crescita si dirama in queste pagine e noi lo faremo con Lucy, attraverso i suoi pensieri, i suoi amori, la sua infanzia turbolenta, l'adolescenza, il rapporto con la madre e con il fratello Josh, i punti cardinali della sua esistenza.

Ho amato profondissimamente la pagina dedicata al Prologo, una chiara ode al rapporto madre figlia, legame che solo il sangue, il grembo e l'anima possono comprendere pienamente. E la Andrews riesce a raccontarlo alla grande, richiamando questo legame in tutto il romanzo.


La sensazione finale è come quella dopo una sorsata di birra, rigorosamente irlandese, corposa e scura: piacevolissima, ma lascia in dote un retrogusto dolceamaro.
La rinascita di una donna che scopre e riscopre se stessa continuamente, Luce sa che per andare avanti deve ingoiare l'amaro, ma questo non la spaventa né la ferma.

Nessun commento:

Posta un commento

Scrivi cosa ne pensi...

I consigli di Nina Sankovitch

COME LEGGERE TUTTO IL GIORNO

Avere sempre un libro con te
Leggi mentre sei in attesa
Leggi mentre si mangia
Leggi durante l'allenamento
Leggere prima di dormire
Leggere prima di alzarsi dal letto
Leggi invece di aggiornare FB
Leggi invece di guardare la TV
Leggi invece di passare l'aspirapolvere
Leggi mentre passi l'aspirazione
Leggi con un gruppo di lettura
Leggi con il tuo bambino
Leggere con il vostro gatto
Leggi per il vostro cane
Leggere su un programma
Avere sempre un libro con te
di Nina Sankovitch

Avvisi


Disclaimer per contenuti blog
"La Locanda dei Libri" prende ispirazione dalla Locanda Almayer del libro "OceanoMare" di Alessandro Baricco. Non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy.
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email lalocandadeilibri@libero.it. Saranno immediatamente rimossi.
L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Ringraziamo il sito www.web-link.it da cui abbiamo tratto lo sfondo.
La legge sul diritto di autore (633/1941) come modificata dal d.lgsl. 68/2003, prevede all'articolo 70 che: "Il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o di parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi se effettuati per uso di critica o di discussione, nei limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all'utilizzazione economica dell'opera; se effettuati a fini di insegnamento o di ricerca scientifica l'utilizzo deve inoltre avvenire per finalità illustrative e per fini non commerciali."