Letture di gennaio

domenica 19 aprile 2020

"La sensualità del libro" di Angelo Floramo

"Ognuno di loro è uno scrigno che contiene davvero tesori e potresti spenderci le ore nel viaggio tra le loro pieghe.
Per questo motivo credo profondamente che
ogni libreria vada intesa come una raccolta di schegge 
la cui sostanza è fatta di emozioni.

 Lo sono le nostre biblioteche domestiche, che custodiscono tra gli scaffali quei libri assieme ai quali siamo cresciuti, che abbiamo amato e inevitabilmente ci hanno reso quello che siamo. Perché ci hanno formati, oppure hanno dettato il profilo del nostro immaginario, dai cui sentieri non siamo più in grado di uscire"


Le pagine de "La sensualità del libro" di Angelo Floramo sono un viaggio emozionale tra i manoscritti e i libri antichi, una piccola erranza imperdibile per chiunque si professi bibliofilo. Durante la lettura, siamo immersi nel piacere fisico,  che ci tramette l'autore, abbiamo la netta percezione di toccare, annusare, gustare i libri che amiamo e di cui siamo custodi prescelti. .
Per chi ama profondamente i libri, il consiglio di lettura che oggi vi dono, deve essere colto immediatamente, è una lettura orgasmica che solo i bibliofili possono comprendere nell'essenza.

Sono pagine destinate a chi si eccita quando in una città, nuova o conosciuta che sia, intravede una libreria o una biblioteca, è per quelli che hanno il battito cardiaco accelerato quando sulle bancarelle scovano "quel" libro introvabile, fuori catalogo, prima edizione! È per coloro ai quali gli occhi si illuminano quando vedono un libro antico, sulle cui pagine si è posato il pensiero e lo sguardo di chi lo creato...e in un istante si cancellano i secoli e si è partecipi di quella vicinanza lettore-scrittore che solo chi legge col cuore può comprendere.
È un libro per chi viene colto dalla sindrome di Stendhal dinanzi ai caratteri minuziosi di quando i libri venivano trascritti a mano...perdendosi in quelle miniature, rimanendo a bocca aperta...
L'autore, esperto codicologo, ci svela i sussurrati enigmi di carte e pergamene.

Mi sono letteralmente innamorata di queste pagine di amore assurdo e viscerale per i libri, un canto accorato per questi oggetti inanimati che ci fanno sognare (e non solo). Occorrono meraviglia e stupore per avvicinarsi ai libri antichi, alla croccante fragilità della carta, alle eleganti grafie, ci dice lo scrittore Floramo.

Pronti per questo viaggio estatico tra le pagine?


Nessun commento:

Posta un commento

Scrivi cosa ne pensi...

I consigli di Nina Sankovitch

COME LEGGERE TUTTO IL GIORNO

Avere sempre un libro con te
Leggi mentre sei in attesa
Leggi mentre si mangia
Leggi durante l'allenamento
Leggere prima di dormire
Leggere prima di alzarsi dal letto
Leggi invece di aggiornare FB
Leggi invece di guardare la TV
Leggi invece di passare l'aspirapolvere
Leggi mentre passi l'aspirazione
Leggi con un gruppo di lettura
Leggi con il tuo bambino
Leggere con il vostro gatto
Leggi per il vostro cane
Leggere su un programma
Avere sempre un libro con te
di Nina Sankovitch

Avvisi


Disclaimer per contenuti blog
"La Locanda dei Libri" prende ispirazione dalla Locanda Almayer del libro "OceanoMare" di Alessandro Baricco. Non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy.
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email lalocandadeilibri@libero.it. Saranno immediatamente rimossi.
L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Ringraziamo il sito www.web-link.it da cui abbiamo tratto lo sfondo.
La legge sul diritto di autore (633/1941) come modificata dal d.lgsl. 68/2003, prevede all'articolo 70 che: "Il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o di parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi se effettuati per uso di critica o di discussione, nei limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all'utilizzazione economica dell'opera; se effettuati a fini di insegnamento o di ricerca scientifica l'utilizzo deve inoltre avvenire per finalità illustrative e per fini non commerciali."