giovedì 26 novembre 2020

"La donna degli alberi" di Lorenzo Marone

 


"A volte l'equilibrio si rompe 

e nasce una stella"

Oggi ho portato questo libro a respirare gli alberi, se lo è meritato perché la vera protagonista di queste pagine, per me, è la Natura. Il libro è suddiviso in capitoli intitolati con i nomi dei mesi dell'anno, a questa suddivisione corrisponde il susseguirsi delle stagioni attraverso i cambiamenti della natura e di conseguenza attraverso le scelte, i comportamenti e le sensazioni dei protagonisti.

"C'è stato un tempo nel quale andavo incontro alla tempesta, incantata dai bubbolii lontani sulle cime mi preparavo ad accogliere la pioggia, come quella foglia perduta. Avevo in me la voglia dei fiori caparbi, di crescere sole, in mezzo alle mezzo erbacce. Mi facevo selvatica, e il monte mi guardava prosperare sorridendo"

Queste pagine sono un elogio delle piccole cose, le più preziose nella vita, e che tutti abbiamo modo di scorgere e valorizzare, nell'essenzialità.

Mentre leggevo, davanti ai miei occhi vedevo tutti i colori con i quali Narone ha descritto il cielo, e i paeseggi, gli alberi, la neve col suo silenzio che porta misericordia e redenzione al mondo.


L'autore con la sua straordinaria empatia dà voce ad una donna, questo elemento è ciò che in primis mi ha colpito, perché è fatto raro.

La voce di una donna senza nome, sola, inquieta e in fuga: non vuole più restare dove non c’è amore.

Mi ha ricordato una frase tanto cara alla mia amata Frida Kahlo, la quale tenacemente sosteneva di non soffermarsi dove non c'è amore.

Quella stessa tenacia e quella stessa resilienza l'ho percepita distintamente nella protagonista del libro. Una donna fragile, ma anche al contempo forte.

Ha lasciato la città, nella quale tutto è frenetico e in vendita, ed è tornata nella vecchia baita dell’infanzia, sul Monte. Qui vive senza passato, mai l'autore ci dice cosa le sua accaduto, da dove germina il malessere che avverte 

La donna aspetta che la neve seppellisca i ricordi e segue il ritmo della natura.  C’è un inverno da attraversare, il freddo da combattere, la solitudine da farsi amica. Ci sono i rumori e le creature del bosco, una volpe curiosa e un gufo reale che bubola sotto il tetto. E c’è l’uomo dal giaccone rosso, che arriva e che va, come il vento.  A valle lo chiamano lo Straniero: vuole piantare abeti sul versante nord della montagna.

Inontreremo poi la Guaritrice, muta dalla nascita, che comprende il linguaggio delle piante e fa nascere i bambini, il mio personaggio preferito che mi ha ricordato immediatamente la mia nonna paterna; poi c'è la Rossa, che gestisce la locanda del paese; la Benefattrice, che la nutre di cibo e premure. Donne che sanno dare riparo alle anime rotte, e che come lei cercano di vivere pienamente nel loro angolo di mondo.  Mentre la montagna si prepara al disgelo e a rifiorire, anche la donna si rimette in cammino. Arriverà un altro inverno, ma ora il Monte la chiama.

Queste pagine sono intrise di quella bellezza selvatica che tanto mi è cara, sono colme di pace, sono una ventata d'aria fresca, portano serenità e leggerezza di quella leggerezza, mai banale, ma anzi necessaria soprattutto in questo periodo storico che stiamo attraversando.

Un libro sicuramente da rileggere e da sfogliare come piace a me: come un oracolo.




Nessun commento:

Posta un commento

Scrivi cosa ne pensi...

I consigli di Nina Sankovitch

COME LEGGERE TUTTO IL GIORNO

Avere sempre un libro con te
Leggi mentre sei in attesa
Leggi mentre si mangia
Leggi durante l'allenamento
Leggere prima di dormire
Leggere prima di alzarsi dal letto
Leggi invece di aggiornare FB
Leggi invece di guardare la TV
Leggi invece di passare l'aspirapolvere
Leggi mentre passi l'aspirazione
Leggi con un gruppo di lettura
Leggi con il tuo bambino
Leggere con il vostro gatto
Leggi per il vostro cane
Leggere su un programma
Avere sempre un libro con te
di Nina Sankovitch

Avvisi


Disclaimer per contenuti blog
"La Locanda dei Libri" prende ispirazione dalla Locanda Almayer del libro "OceanoMare" di Alessandro Baricco. Non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy.
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email lalocandadeilibri@libero.it. Saranno immediatamente rimossi.
L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Ringraziamo il sito www.web-link.it da cui abbiamo tratto lo sfondo.
La legge sul diritto di autore (633/1941) come modificata dal d.lgsl. 68/2003, prevede all'articolo 70 che: "Il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o di parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi se effettuati per uso di critica o di discussione, nei limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all'utilizzazione economica dell'opera; se effettuati a fini di insegnamento o di ricerca scientifica l'utilizzo deve inoltre avvenire per finalità illustrative e per fini non commerciali."