Antonia Pozzi

giovedì 26 novembre 2020

"La peste scarlatta" di Jack London

 

"Fu il crollo completo, assoluto!

Diecimila anni di cultura e di civiltà svanirono come bolle d’aria, in un batter d’occhio! Il mondo meraviglioso e possente che ho conosciuto, al tempo della mia giovinezza, è sparito, annientato. Io sono ora il solo superstite della peste scarlatta; il solo che conosca le meraviglie del lontano passato. L’uomo che fu già padrone del pianeta, padrone della terra, del mare e del cielo, l’uomo che fu un dio vero e proprio, è ritornato al primitivo stato selvaggio e conduce la propria vita lungo i corsi d’acqua."


Nel giro di un'ora, o forse meno, ho letto questo piccolo libro, piccolo eppure grandioso, come solo certi Scrittori sanno fare. 

"La peste scarlatta" di Jack London, scrittore che leggevo da ragazzina, mi ha fatto ritornare la voglia immensa di crogiolarmi nella sua scrittura!

In queste pagine London la Natura ce la fa vivere: ascoltare, vedere, assaporare. Come davvero solo lui sa fare, tramuta le vicende umane in canti universali senza tempo e le sue descrizioni sono di una bellezza che incanta e rapisce, nella sua durezza, nella sua capacità di cogliere meraviglie, London è assolutamente unico.

 "La peste scarlatta" è un racconto o un breve romanzo, se si preferisce, pubblicato originariamente sul giornale The London Magazine nel 1912. 

Qui vi è contenuto anche "Un frammento curioso" del 1908.

Si tratta di un testo visionario, post-apocalittico in cui l'autore anticipa temi destinati ad avere larga diffusione negli anni successivi.

Lo scenario vede una California ritornata all'età della pietra, un ragazzo e un vecchio si incamminano per un sentiero...

Come sempre geniale, la sua penna fa tenere incollati gli occhi alle pagine, all'ultima delle quali il lettore avverte un senso di vuoto e smarrimento affamato com'è delle sue parole, delle sue storie bellissime dallo stile narrativo inconfondibile.

Questa è una storia dai temi attuali racconta come la civiltà si sia estinta a causa di un morbo scarlatto e di come l'umanità e la cultura stanno decadendo, degenerando, a causa di ciò...

Lettura meravigliosa

Nessun commento:

Posta un commento

Scrivi cosa ne pensi...

I consigli di Nina Sankovitch

COME LEGGERE TUTTO IL GIORNO

Avere sempre un libro con te
Leggi mentre sei in attesa
Leggi mentre si mangia
Leggi durante l'allenamento
Leggere prima di dormire
Leggere prima di alzarsi dal letto
Leggi invece di aggiornare FB
Leggi invece di guardare la TV
Leggi invece di passare l'aspirapolvere
Leggi mentre passi l'aspirazione
Leggi con un gruppo di lettura
Leggi con il tuo bambino
Leggere con il vostro gatto
Leggi per il vostro cane
Leggere su un programma
Avere sempre un libro con te
di Nina Sankovitch

Avvisi


Disclaimer per contenuti blog
"La Locanda dei Libri" prende ispirazione dalla Locanda Almayer del libro "OceanoMare" di Alessandro Baricco. Non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy.
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email lalocandadeilibri@libero.it. Saranno immediatamente rimossi.
L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Ringraziamo il sito www.web-link.it da cui abbiamo tratto lo sfondo.
La legge sul diritto di autore (633/1941) come modificata dal d.lgsl. 68/2003, prevede all'articolo 70 che: "Il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o di parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi se effettuati per uso di critica o di discussione, nei limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all'utilizzazione economica dell'opera; se effettuati a fini di insegnamento o di ricerca scientifica l'utilizzo deve inoltre avvenire per finalità illustrative e per fini non commerciali."