mercoledì 20 gennaio 2021

"CANI SELVAGGI" di HELEN HUMPHREYS

« L’amore è come quei cani selvaggi. Se ti salta addosso, non molla la presa. E quello che non puoi mai sapere all’inizio è con quale intensità e quanto a lungo amerai; in quali modi un amore finito ti darà la caccia, un salto dopo l’altro come fuoco misterioso che ti scorre nelle vene. I cani selvaggi esistono davvero. »


🐺📖🇨🇦

Queste pagine sono fuoco puro, ci raccontanto di opportunità mancate e desideri insaziabili. Mentre leggevo sentivo dalle pagine l'ululato dei lupi, il freddo sulla pelle, e mi sembrava di vedere la stessa luce lunare filtrare tra gli alberi.

Sei persone, diverse per età e indole, si incontrano ogni sera al limitare di un bosco e aspettano il ritorno dei loro cani, fuggiti o costretti a fuggire. Un'agonia che non trova pace se non nel conforto che queste persone cercano di darsi l'un l'altra, sei estranei accomunati dalla stessa dolorosa perdita. 

Ognuno ripercorre i propri rituali, le passeggiate che di solito faceva con il proprio cane e in tal modo Humphreys ci fa conoscere le vite dei personaggi. Il romanzo è costruito da sette voci narranti che ci confidano i loro più intimi segreti, raccontandoci eventi e aneddoti dal loro punto di vista, elemento che rimanda al cubismo letterario.

Ambientato in una piccola città della provincia canadese dove regna sovrana la Natura selvaggia, Helen Humphreys ci racconta una storia nuda e cruda, con un linguaggio sì schietto, asciutto, ma anche intriso di poesia, non risparmiandosi mai. E tutto questo suo donarsi al lettore, lo si percepisce immediatamente. Una scrittura fluviale che non ha altro scopo che quello di travolgere chi legge. 

"Cani selvaggi" è una scrittura che si fa carne, ogni parola la si sente sulla pelle.

Un pugno allo stomaco sorretto da una sorprendente grazia lirica, "Cani selvaggi" ci pone una riflessione che domina l'intera narrazione: il confine tra selvatichezza e domesticità è davvero sottile, sia per gli animali che per gli umani.

Una storia avvincente, di vita, morte e amore, che ricorderò a lungo. 

5/5 ⭐

#pillolebiografiche

Helen Humphreys è una scrittrice e poetessa canadese, classe 1961.

Ha scritto numerosi romanzi.

Nel 2002 "Il giardino perduto" è stato selezionato dal Canadian Broadcasting Corporation (CBC) e dal Canada Reads Selection, prossimamente voglio leggerlo, e così tutti gli altri.





Nessun commento:

Posta un commento

Scrivi cosa ne pensi...

I consigli di Nina Sankovitch

COME LEGGERE TUTTO IL GIORNO

Avere sempre un libro con te
Leggi mentre sei in attesa
Leggi mentre si mangia
Leggi durante l'allenamento
Leggere prima di dormire
Leggere prima di alzarsi dal letto
Leggi invece di aggiornare FB
Leggi invece di guardare la TV
Leggi invece di passare l'aspirapolvere
Leggi mentre passi l'aspirazione
Leggi con un gruppo di lettura
Leggi con il tuo bambino
Leggere con il vostro gatto
Leggi per il vostro cane
Leggere su un programma
Avere sempre un libro con te
di Nina Sankovitch

Avvisi


Disclaimer per contenuti blog
"La Locanda dei Libri" prende ispirazione dalla Locanda Almayer del libro "OceanoMare" di Alessandro Baricco. Non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy.
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email lalocandadeilibri@libero.it. Saranno immediatamente rimossi.
L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Ringraziamo il sito www.web-link.it da cui abbiamo tratto lo sfondo.
La legge sul diritto di autore (633/1941) come modificata dal d.lgsl. 68/2003, prevede all'articolo 70 che: "Il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o di parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi se effettuati per uso di critica o di discussione, nei limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all'utilizzazione economica dell'opera; se effettuati a fini di insegnamento o di ricerca scientifica l'utilizzo deve inoltre avvenire per finalità illustrative e per fini non commerciali."