Antonia Pozzi

mercoledì 24 marzo 2021

"E DAL CIELO CADDERO TRE MELE" di NARINE ABGARJAN

 


"E DAL CIELO CADDERO TRE MELE" della scrittrice armena Narine Abgarjan è uno dei libri più belli del 2021, sì, perché mi ha incantato e so che lo porterò con me a lungo, mi ha emozionata oltremodo. 

🍏🍏🍏

La protagonista è Anatolija, una donna dal cuore d'oro, ha più di cinquant'anni e per lei vita è stata dura: come i suoi compaesani ha dovuto fare i conti con le conseguenze della guerra e in più le è toccato un marito burbero e violento, e il dolore inesprimibile per la mancanza di un figlio.

Ma Anatolija si ritiene comunque fortunata, per lei ci sono i libri, e le piante, che leniscono le sue ferite...

📚

"L’unico rifugio in quella sua vita buia diventò leggere. I primi anni, con la biblioteca sempre deserta, Anatolija consacrò alla lettura ogni istante che trascorreva al lavoro.

Piano piano, grazie a un gusto innato e a un ottimo fiuto, imparò a distinguere i bei libri da quelli brutti..."

🍏🍏🍏

La storia, a metà tra fiaba e realtà, è ambientata a Maran un paese di pietra, "con i tetti di tegole sbeccate...dalle stufe a legna che solleticano il cielo", situato sul cucuzzolo del Manish kar, guerra e calamità naturali travolgono, eternamente, la fragile quiete della sua manciata di case e dei suoi magnifici abitanti, deliziosamente caratterizzati dalla penna della scrittrice.

Sono pagine, queste, che sanno di torta alla cannella e di pane e formaggio, di erbe selvatiche, di coraggio e di fragilità, di eredità karmiche, di accadimenti provvidenziali, di morte e di vita, di angeli che scendono a raccogliere le anime dei morti, di un bellissimo e salvifico pavone bianco, di superstizioni e incantesimi, ma non vi aspettate nulla di mirabolante o fantastico, qui c'è la vita. PURA VITA.

Sullo sfondo è velatamente dipinta la storia dell’Armenia, l'autrice cita la guerra che portò via tante giovani vite, così come la tremenda carestia, passando attraverso  l'invasione di ratti e di mosche gigantesche...

Realismo magico dal sapore armeno, queste pagine sono intrise di tradizioni e leggende, di sapori e di saperi antichi, di storie che si tramandano di voce in voce e arrivano sino a noi. Intatte, autentiche, preziose.

Leggetelo, lo amerete!

🍏🍏🍏



Nessun commento:

Posta un commento

Scrivi cosa ne pensi...

I consigli di Nina Sankovitch

COME LEGGERE TUTTO IL GIORNO

Avere sempre un libro con te
Leggi mentre sei in attesa
Leggi mentre si mangia
Leggi durante l'allenamento
Leggere prima di dormire
Leggere prima di alzarsi dal letto
Leggi invece di aggiornare FB
Leggi invece di guardare la TV
Leggi invece di passare l'aspirapolvere
Leggi mentre passi l'aspirazione
Leggi con un gruppo di lettura
Leggi con il tuo bambino
Leggere con il vostro gatto
Leggi per il vostro cane
Leggere su un programma
Avere sempre un libro con te
di Nina Sankovitch

Avvisi


Disclaimer per contenuti blog
"La Locanda dei Libri" prende ispirazione dalla Locanda Almayer del libro "OceanoMare" di Alessandro Baricco. Non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy.
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email lalocandadeilibri@libero.it. Saranno immediatamente rimossi.
L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Ringraziamo il sito www.web-link.it da cui abbiamo tratto lo sfondo.
La legge sul diritto di autore (633/1941) come modificata dal d.lgsl. 68/2003, prevede all'articolo 70 che: "Il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o di parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi se effettuati per uso di critica o di discussione, nei limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all'utilizzazione economica dell'opera; se effettuati a fini di insegnamento o di ricerca scientifica l'utilizzo deve inoltre avvenire per finalità illustrative e per fini non commerciali."