Antonia Pozzi

martedì 9 marzo 2021

"L'ACQUA DEL LAGO NON È MAI DOLCE" di GIULIA CAMINITO

 


Inizi anni duemila nella provincia romana, sul lago di Bracciano approda, in fuga dall’indifferenza di Roma, la famiglia di Antonia, donna testarda e fiera che da sola si occupa di un marito disabile e di quattro figli. Antonia è una donna onesta, di quelle che non curano il modo di vestirsi, pulisce le case degli altri, Antonia non scende a compromessi, vuole insegnare alla sua unica figlia femmina a contare solo sulla propria capacità di tenere alta la testa. 

E Gaia impara presto: a non lamentarsi, a salire ogni giorno su un regionale per andare a scuola, a leggere libri, a nascondere il telefonino in una scatola da scarpe, a tuffarsi nel lago anche se le correnti tirano verso il fondo.

Capelli rossi e lentiggini, è Gaia la nostra voce narrante, ci racconta la sua vita di bambina, prima, e di giovane donna, poi. 

I suoi occhi, a guardali bene, celano una luce oscura, nerissima, Gaia ha un carattere molto particolare: mai incline alla tenerezza, perché è stata malamente amata e, dunque, malamente ama. È vendicativa, difficile, complessa, egoista. E lo sa.

Come leggiamo dalla trama, alla banalità insapore della vita, a un torto subìto Gaia reagisce con violenza imprevedibile, con la determinazione di una divinità muta.

Le relazioni familiari, l'amicizia, le aspettative rispetto al proprio futuro, le lotte civili e politiche, l'incapacità di comunicare, la rabbia esistenziale, la povertà, l'ambiente in cui nasci e le conseguenze che ne possono derivare sono solo alcuni dei temi di cui la Caminito ci fa partecipi sin dalle primissime pagine.

Quella di Giulia Caminito è una scrittura tagliente, cruda, reale, materica. Si sente nettamente, provoca sintomi fisici. 

Ho amato lasciarmi trascinare da questa scrittura meravigliosa e da questa storia inquieta fino al midollo, che non riesco a togliermi dalla testa, perché racconta uno spaccato di vita nel quale potersi immedesimare, e che comunque ti entra dentro, in modo diretto, chiaro.

Scritto con una prosa destinata a farsi ricordare, questa è una storia dalla bellezza feroce, un grido struggente ad una realtà incapace di ascoltare.

Stupendo.

Nessun commento:

Posta un commento

Scrivi cosa ne pensi...

I consigli di Nina Sankovitch

COME LEGGERE TUTTO IL GIORNO

Avere sempre un libro con te
Leggi mentre sei in attesa
Leggi mentre si mangia
Leggi durante l'allenamento
Leggere prima di dormire
Leggere prima di alzarsi dal letto
Leggi invece di aggiornare FB
Leggi invece di guardare la TV
Leggi invece di passare l'aspirapolvere
Leggi mentre passi l'aspirazione
Leggi con un gruppo di lettura
Leggi con il tuo bambino
Leggere con il vostro gatto
Leggi per il vostro cane
Leggere su un programma
Avere sempre un libro con te
di Nina Sankovitch

Avvisi


Disclaimer per contenuti blog
"La Locanda dei Libri" prende ispirazione dalla Locanda Almayer del libro "OceanoMare" di Alessandro Baricco. Non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy.
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email lalocandadeilibri@libero.it. Saranno immediatamente rimossi.
L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Ringraziamo il sito www.web-link.it da cui abbiamo tratto lo sfondo.
La legge sul diritto di autore (633/1941) come modificata dal d.lgsl. 68/2003, prevede all'articolo 70 che: "Il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o di parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi se effettuati per uso di critica o di discussione, nei limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all'utilizzazione economica dell'opera; se effettuati a fini di insegnamento o di ricerca scientifica l'utilizzo deve inoltre avvenire per finalità illustrative e per fini non commerciali."