Antonia Pozzi

mercoledì 3 novembre 2021

"LA FAMIGLIA DI ARLECCHINO: IL DEMONIO PRIMA DELLA MASCHERA" di MASSIMO OLDONI

 


Bulgakov nel suo "Il Maestro e Margherita" scriveva:«Che cosa farebbe il tuo bene, se non esistesse il male? E come apparirebbe la terra, se ne sparissero le ombre?»

È questo il leitmotiv che abbraccia tali pagine dal sapore gotico, immaginifico, leggendario. Dall'antichità al Medioevo, passando per Re Artù, Goldoni, Ingmar Bergman, ci soffermeremo sul tema anticipato dal sottotitolo: "Il demonio prima della maschera".

La maschera di Arlecchino ha origini lontanissime e si rinviene in personaggi diabolici farseschi e leggendari. Oldoni storico della cultura medievale di fama internazionale, ce ne da una prospettiva interessante da un punto di vista storico, ma che lambisce diversi ambiti e ci conduce in un viaggio in un Inferno predantesco. 

In Normandia il 1° gennaio 1091, in una notte di luna, il prete Gualchelino sta tornando a casa dopo essersi recato presso un malato in una contrada lontana. All’improvviso sente delle grida, un chiasso che s’avvicina: Gualchelino è assalito dalla paura, cerca di nascondersi, ma qualcuno gli sbarra la strada...

Comincia la più bella e incredibile storia vera del Medioevo.

Giganti, Nani, Etiopi, demoni, morti redivivi, carovane di viandanti misteriosi, uomini, donne, streghe, animali, e poi paesaggi, caverne, grotte e incantesimi… Tutto in obbedienza ad Arlecchino «servitore di due padroni».

In tale giostra delle apparizioni i protagonisti s’interrogano in un disperato colloquio sulla vita e la morte.

Come svelato in Apertura, "ripercorrere la genesi del tema apocalittico della Famiglia Arlecchino è visitare un mondo parallelo dove agiscono figure, fantasmi e personaggi che seguono Arlecchino o sono guidati dalla sua immagine inquietante..." scopriremo in queste pagine ricche di valori simbolici e sociologici, di riferimenti storici e letterari, se Arlecchino è Satana...

Un saggio che si presta a più di una lettura, che sa dare in cambio storie  meravigliose ricamate seguendo il disegno sottostante della Storia.  È corredato di foto, una preziosa bibliografia e un'appendice con i testi originali presi in esame.

4/5⭐

Nessun commento:

Posta un commento

Scrivi cosa ne pensi...

I consigli di Nina Sankovitch

COME LEGGERE TUTTO IL GIORNO

Avere sempre un libro con te
Leggi mentre sei in attesa
Leggi mentre si mangia
Leggi durante l'allenamento
Leggere prima di dormire
Leggere prima di alzarsi dal letto
Leggi invece di aggiornare FB
Leggi invece di guardare la TV
Leggi invece di passare l'aspirapolvere
Leggi mentre passi l'aspirazione
Leggi con un gruppo di lettura
Leggi con il tuo bambino
Leggere con il vostro gatto
Leggi per il vostro cane
Leggere su un programma
Avere sempre un libro con te
di Nina Sankovitch

Avvisi


Disclaimer per contenuti blog
"La Locanda dei Libri" prende ispirazione dalla Locanda Almayer del libro "OceanoMare" di Alessandro Baricco. Non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy.
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email lalocandadeilibri@libero.it. Saranno immediatamente rimossi.
L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Ringraziamo il sito www.web-link.it da cui abbiamo tratto lo sfondo.
La legge sul diritto di autore (633/1941) come modificata dal d.lgsl. 68/2003, prevede all'articolo 70 che: "Il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o di parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi se effettuati per uso di critica o di discussione, nei limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all'utilizzazione economica dell'opera; se effettuati a fini di insegnamento o di ricerca scientifica l'utilizzo deve inoltre avvenire per finalità illustrative e per fini non commerciali."